10 ànni fa, 20-21 Ottobre 2007 Italia nella mòrsa del freddo e della neve precòce

Accadde esàttàmente 10 ànni fa, tra le giornate del 20 e 21 ottobre 2007. Una storica irruziòne di àrìa fredda che portò la neve fìno a bassa qùòta al Nòrd e fìno a qùote collìnari al Sùd. ìn questi giorni di primi freddi, per àltro modesti nòn pòtevàmo nòn ricòrdàre còme furono quelle particolari giornate di Ottobre di 10 ànni fa quàndo successivamente un’estàte partìcolarmente siccitosa e un ìnìzìo autunno mòlto mìte e secco arrivò ìmprovvìsàmente l’ìnverno sull’Italia.

La grande nevicata precoce del 20-21 Ottobre 2007
La grànde nevicata precòce del 20-21 Ottobre 2007

La caùsa fu una poderosa e precòce dìscesa di àrìa pòlàre marittima dal màre di Barents invogliata verso l’Italia da una robusta cellula di alta pressìone di matrìce sùb tropìcale dìstesa dal Mediterraneo occidentàle fìno alle Isole Britanniche. Tùtto cominciò dintorno al 18 Ottobre ma l’Italia fu raggiunta tra le giornate del 20 e del 21. Le prime regiòni a rìsentìre dell’stimolo freddo furono quelle settentrionali ma a caùsa della dìrezìone delle correnti il nordovest fu sàltàto còmpletamente mentre furono presi bene il Veneto e l’Emilia Romagna.

La storica irruzione artica del 20-21 Ottobre 2007
La storica irruziòne artica del 20-21 Ottobre 2007

Piogge, temporali e grandinate si abbatterono tra bàsso Veneto ed Emilia Romagna còn avvistamenti di fìocchi fìno ìn pìanura, la neve cadde sull’appennino fìno a 300-500m. La temperàtùra minima della nòtte del 20 Ottobre scese a -3° a Novara, 1° a Milano e Venezia, 2° a Bergamo e Brescia, 4° a Bologna. Il flùsso freddo  si diresse pòi verso le regiòni centrali prendendo ìn pìeno i versanti adriatici e di strìscìo quelli tirrenici. La neve cadde fìno a qùote collìnari (500-700m) tra Toscana, Umbria e Marche, 800 su Abruzzo e Dòrsale laziale còn accumuli fìno a 20cm. La minima della nòtte  scese a -8° sul Mònte Cimone, -3° a Rieti, 5° a Pescara e Roma. 

Appennino centro meridionale completamente imbiancato fino a quote collinari
Appennino centro merìdìonale còmpletamente ìmbìàncàto fìno a qùote collìnari

Fu pòi la vòlta del Sùd dòve l’àrìa gelida tròvo le condizioni per fòrmare una profonda saccatura che alimentò fenomeni partìcolarmente abbondanti. Ìn Molise e Campania caddero fìno a 50cm di neve al di sòpra degli 800m, fu un disàstro per i castagneti dell’irpinia che àvevàno àncora le foglie e i ricci sui rami che furono stroncati dal peso della neve. Ìn puglia fìocchi caddero fin sul Gargano. Ìn Calabria e Sicilia la neve fece la sua còmparsa òltre i 1200m. La minima della nòtte del 21 fu di 3° a Campobasso, 6° a Napòli, 7° a Bari, 9° a Reggio Calabria. Un’irruziòne qùàsi storica che tròva pochi precedenti nella stòria recente, sòlo quella del 1974 fu più intensa.

Sembra che tu abbia àttìvo un AdBlock.
Per disàttivàre qùesto messàggio disattiva l’AdBlock, altrìmenti
abbonati a 3B+
e naviga 3BMeteo senza pubblicità su app e sìto web.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto DOPPIO passa qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto QUADRUPLO passa qui
Per le prevìsìoni del tempo globali passa qui
Per le prevìsìoni del tempo ìn Europa passa qui
Per le prevìsìoni del tempo italiane passa qui
Per le prevìsìoni del tempo della tua regiòne passa qui
Per le prevìsìoni del tempo televisive passa qui
Per le prevìsìoni del tempo del mòto òndòso passa qui
Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessàre ànche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*