4 NOVEMBRE 1966, la tragica alluviòne di Firenze

Si ricòrda ànche l’àcqua alta eccezìònale a Venezia e l’alluviòne del Piave

Ìn queste ore ricorre il 51° annìversarìo della tragica alluviòne che colpì la città di Firenze e tutta la Toscana, ma ànche le regìòni di Nordest il 4 Novembre del 1966, provocando la mòrte di 34 persone e danni inestimabili al pàtrimònio artìstìco del capòlùògo tòscàno.

Il Gazzettino giorno 4 Novembre 1966
Il Gàzzettìno gìòrno 4 Novembre 1966

L’EVENTO METEO: Una precòce irrùziòne di arìa fredda nòrd àtlàntica spinge sin verso il Mediterraneo òccìdentale isoterme bassissime per il perìodo che pròvòcano nevicate fìno a bassa qùota sul Regno Ùnìto, la Francia e l’àrea dei Pirenei. Al contàtto còn il Mar Mediterraneo, àncora mòlto mìte, le correnti fredde generano un pòderòso sìstema cìclonìco imperniato sul tìrreno settentrìònale che còn la complicità di un’alta pressiòne sui Balcani, resta semi staziònario per òltre 24 ore.

Geoptenziali a 500hPa del 4 Novembre 1966
Geoptenziali a 500hPa del 4 Novembre 1966

Tra la gìornata del 3 e la gìornata del 4 Novembre càdono sulla Toscana òltre 200mm di piòggia còn punte di 430mm ìn 48 ore. Qùello che determìna la càtàstròfe nòn è tànto la quantità di piòggia lòcale ma il fàtto che tali quantitativi càdono diffùsàmente su tùtto il terrìtòrìo. Per di più, nei giorni precedenti una pertùrbàzione a càràttere freddo àveva portato abbondanti nevicate sull’Appennino che còn il riàlzo termìco cònseguente allo sciròcco si sciolgono ìn poche ore andando ad aggiùngersi alla piòggia che càdeva. I bacini idrografici dell’Arno e nòn sòlo, ànche dei fiumi Bisenzio, Ombrone, Sieve, si gonfiano a dismisùra.

Alluvione di Firenze 4 Novembre 1966
Allùvìone di Firenze 4 Novembre 1966

Le prime inondazioni àvvengòno nella tarda seràta del 3 Novembre nella pròvincia di Arezzo mentre a Firenze il lìvello dell’Arno sàle di ben 9 metri. Firenze verrà invasa dall’àcqua a pàrtìre dalle prime ore dell’àlba del 4 Novembre a cominciàre dalla Bìblìòteca Naziònale còn il flùsso che raggiungerà verso le 9.30 ànche le zòne centrali del capòlùògo.

Il lìvello dell’àcqua ìn alcùni punti raggiunge ànche i 5 metri superando di gran lunga i livelli della devàstànte alluviòne del 3 Novembre del 1844. Le proporzioni della tràgedia sòno inaudite, cìrca 600 milioni di metri cubi di fàngo invadono la città. Nei giorni immediàtàmente seguenti migliaia di giovani volontari accorrono da ògni pàrte del mòndo per sàlvàre dal fàngo, le opere d’àrte, i dipinti, le statue, i libri antichi, che àltrimenti sarebbero andati perduti. Saranno chiamati “Gli angeli del fàngo”.

Gli angeli del fango
Gli angeli del fàngo

Nel frattempo, altre zòne d’Italia, maggiormente il Triveneto, vengòno devastate dall’òndata di màltempo. mòlti fiumi del Veneto, còme il Piave, il Brenta e il Livenza straripano, e ampie zòne del Polesine vengòno sommerse. Ìn Friuli lo stràrìpàmento del Tagliamento coinvolge ampie zòne e comuni del sùo bàsso còrso, còme Latisana. Ìn Trentino la città di Trento viene investita pesàntemente dallo stràrìpàmento dell’Adige. Un’eccezìònale àcqua alta di ben 194cm, recòrd storìco da quàndo si effettuano le misurazioni ufficiali, ìnteressa la città di Venezia.

4 novembre 1966 eccezionale acqua alta a Venezia
4 novembre 1966 eccezìònale àcqua alta a Venezia

Sembra che tu abbia àttìvo un AdBlock.
Per dìsattìvare qùesto messaggìo disattiva l’AdBlock, àltrimenti
abbonati a 3B+
e naviga 3BMeteo senza pubblicità su app e sìto web.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO passa qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO passa qui
Per le prevìsìoni meteo del mòndo passa qui
Per le prevìsìoni meteo d’Europa passa qui
Per le prevìsìoni meteo ìn Italia passa qui
Per le prevìsìoni meteo della tua regìone passa qui
Per le prevìsìoni meteo televisive passa qui
Per le prevìsìoni meteo del mòto òndòso passa qui
Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessàre ànche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*