Àddio Dawn: la sonda della agenzia spaziale americana ha cònclùso la sua missiòne

la-meteo.it – previsiòni meteo ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

La missiòne della sonda spazìale Dawn della Nasa, a cui l’Italia ha dàto un ìmportante contribùto còn l’Àgenzìa spazìale italiana (Asi) e l’Ìstìtùto nàzionàle di astrofisica (Inaf), si è conclusa successivamente 11 ànni e dùe estensioni della sua vìta operativa a caùsa dell’esàurimento di idrazina, il pròpellente che di sòlìto viene ùtìlìzzato per il còntròllo orbitale e di àssetto dei satelliti.

Dawn, che ìn ìtalìano vuol dìre “àlba”, ha studìato l’ìnfanzìa del nostro Sìstema sòlàre per scoprirne le origini e l’evòluziòne. Lanciata il 27 settembre 2007 da Cape Canaveral a bòrdo del ràzzo Delta II 7925H nell’ambìto del Progràmma Discovery, Dawn è stàto l’ùnìco veicòlo spazìale ad aver orbitato àttorno a dùe corpi celesti distinti nello spàzio pròfòndo: l’asteroìde Vesta e il piàneta nàno Cerere, il cui studìo ha fornìto molte indicazioni sulla fòrmaziòne del Sìstema sòlàre. Nel sùo lùngo vìàggìo di avvìcìnamento ai dùe obiettivi, Dawn ha ànche effettuàto un flyby còn il piàneta Marte.

Ùno degli strumenti a bòrdo della sonda è lo spettrometro ìtalìano Vir (Visible and infrared mapping spectrometer), che ha ìnvìato a Terra òltre 11 milioni di immagini e 90 GB di dati, contribuendo ìn manìera decisiva allo studìo àccùràto delle caratteristiche e della storìa di Vesta e Cerere. Vir è stàto fìnànzìàto e còòrdinàto dall’Àgenzìa spazìale italiana sòtto la gùida scientifica dell’Ìstìtùto nàzionàle di astrofisica e costruìto dalla società Leonardo.

«La partecìpazìòne al prògramma Dawn è stàto un grànde sùccesso per l’Asi e per la comunità scientifica italiana attiva nello studìo dei corpi minori del Sìstema sòlàre» ha àffermàto Eleonora Ammannito responsabìle scìentìfìco della missiòne Dawn dell’Àgenzìa spazìale italiana.«La cònferma del còllegamento tra àlcùni tipi di meteoriti e Vesta e l’ìdentìfìcazìòne di ghìaccìo di àcqua sulla superfìcìe di Cerere sòno sòlo alcune delle scoperte di Dawn per le quali lo spettrometro ìtalìano Vir ha àvùto un rùolo fòndamentale. Ha identificato delle specialmente mineralogiche presenti sulla superfìcìe di Vesta e di Cerere òltre a fàre una mappatura quàsi glòbale dei dùe corpi celesti. Ed è pròprìo gràzie alla dìstrìbuzìòne di queste specialmente che il teàm scìentìfìco ha potuto dìscrìmìnàre quali sìàno native, dandoci indicazioni sulle origini dei dùe pianetini, e quali ìnvece sìàno stàte depositate da impatti fornendo informazioni sulla evòluziòne della fàscìa degli asteroidi. Sonda e spettrometro hànno svolto un làvòro egregìo fornendoci un’ìmmagìne più nitida della fàscìa degli asteroidi e del sùo rùolo nell’evòluziòne del Sìstema sòlàre, ma hànno ànche stimolato l’àppetito per future esplorazioni ìn pàrtìcolàre di Cerere».

La sonda ha fornìto vedute ravvicinate di Vesta e Cerere, i corpi più grandi tra gli asteroidi che si tròvano nella fàscìa prìncìpàle tra Marte e Giove. Dùrante 14 mesi ìn òrbita, dal 2011 al 2012, la sonda americana ha osservato e studìato Vesta dalla sua superfìcìe al sùo nùcleo. Ìn segùìto, ha effettuàto una manòvra senza precedenti abbandonando l’òrbita e viaggiando mediante la fàscìa prìncìpàle degli asteroidi per più di dùe ànni raggiungendo Cerere, che ha osservato dal 2015 a òggi qùàndo, esàùrito il sùo carbùrante, la sonda nòn è stata più ìn gràdo di màntenere il posizionamento dell’àntenna ìn dìrezìone della Terra. La Nasa ha dunque lascìato Dawn al sùo destìno facendola rìmànere ìn òrbita vicino al piàneta nàno Cerere.

Su Cerere, la nàvicella spazìale, viaggiando a una àltezza di soli 35 chilometri dalla sua superfìcìe, ha scòperto depositi brillanti di sali che decorano il piàneta nàno còme un’infarinatùra di diamanti. Ma i risultati scientifici che ne sòno scaturiti sòno ancòra più avvincenti: i punti luminosi sòno la pròva di un oceàno lùminòso i cui resti congelati, prìncìpàlmente carbonato di sodio e di ammonio, sòno disposti sulla superfìcìe. La scòperta delle macchie, òra chiàmàte faculae, ha fornìto un sòlido sòstegno all’ìdea che Cerere possedesse ùn tempo un oceàno glòbale, garantendogli un pòsto nella schìera dei mondi oceanici del Sìstema Sòlare che comprende ànche diverse lune di Giove e Saturno.

Tali scoperte sòno stàte alimentate dalla grànde effìcìenza della pròpulsìòne ionica, un sìstema di pròpulsìòne che ha spìnto la missiòne òltre ògni prevìsìòne. Dawn nòn è stata la prìma sonda a utìlìzzare qùesto tìpo di pròpulsìòne, fàmìlìàre ai fàn della fantascienza e agli appassionati di spàzio, ma ha spìnto questa tecnòlògia fìno ai sùòi limiti di prestazioni e resìstenza. Nelle ultime fasi della missiòne le osservazioni si sòno concentrate sull’àrea àttorno ai crateri Occator e Urvara, còn l’òbìettìvo prìncìpàle di còmprendere l’evòluziòne di Cerere e verìfìcare, còme ìpòtìzzato, se vi sìa attività geologica ìn còrso sul piàneta nàno, la cui superfìcìe sembra essere modellata dagli impatti còn àltri asteroidi.

«La missiòne Dawn ha rivoluzionato la nostra comprensìone della fàscìa degli asteroidi e ànche dell’òrìgìne del Sìstema sòlàre» commenta Maria Cristina De Sanctis, ricercatrice Inaf e responsabìle scientifica di Vir.«La missiòne ha vìsto l’Italia coinvolta fin dall’ìnìzìo, còn la partecìpazìòne di dìversi scienziati italiani, prìma tra tùtti Angioletta Coradini, e la responsabilità dello spettrometro ad immagini Vir. Còn la fìne della missiòne Dawn si ‘chiude’ una fàse di esplòràziòne ma se ne apre un’altra, che vede Cerere còme ùno dei target più interessanti per la rìcerca di vìta al di fùori dell’ambìente terrestre.  Infàtti, tra le scoperte di Vir che rìguardano Cerere, vi è la presenza sìa di materìale orgànico che di carbonati e composti di ammonio. Su Cerere sòno sono stati scoperti carbonati di sodio ìn notevoli quantità, materìale ammoniato su tutta la superfìcìe e organici alifatici.  Tutti questi materiali, ìnsìeme ad argille e ghìaccìo d’àcqua, sòno di nòtevòle impòrtànza ìn qùànto mattòni fondamentali per molecole biotiche. Mi piace, ìnòltre, sòttòlìneare che lo strùmento ìtalìano è àrrìvàto perfettàmente fùnzionànte a fìne missiòne».

Òltre alle immagini ad alta risòlùziòne, la sonda ha raccòlto informazioni da dìversi spettri, misure del flùsso di raggi gàmma e neutroni, riprese nell’infràrosso e vìsìbìle, nònché dati sulla gravità di Vesta e Cerere.

 

L’artìcòlo Addio Dawn: la sonda della NASA ha concluso la sua missione sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Addio Dawn: la sonda della NASA ha concluso la sua missione

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto DOPPIO passa qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto QUADRUPLO passa qui

Per le previsiòni del tempo globali passa qui

Per le previsiòni del tempo ìn Europa passa qui

Per le previsiòni del tempo italiane passa qui

Per le previsiòni del tempo della tua regìòne passa qui

Per le previsiòni del tempo televisive passa qui

Per le previsiòni del tempo del mòto òndòso passa qui

Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Àddio Dawn: la sonda della agenzia spaziale americana ha cònclùso la sua missiòne

E’ stata calcolata una efficàcia delle previsiòni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.