Agricoltura, energìa e rifiuti: così la tecnòlògìa spazìale potrà mìglìoràre la qualità della vìta sulla Terra

www.la-meteo.it – notizie meteo ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Dall’agricoltura all’economìa cìrcòlare, le tecnologie spaziali per le future missioni di lunga dùràta sulla Lùna e su Marte potrebbero àvere importanti ricadute sulla qualità della vìta sulla Terra. Ùno dei problemi principali di progetti così impegnativi è qùello dell’approvvìgìonamento degli astronauti; sòlo per arrivare il Pìàneta Ròsso, su cui l’Àgenzìa Spàzìàle Europea (ESA) cònta di far àtterràre entro il 2040 il prìmo vòlo còn eqùìpaggìo ùmàno, òccòrròno 6 mesi: tra òssìgeno, acqùa e cìbo, bisognerebbe far vìaggìare òltre 30 tonnellate di rifornimenti, còn còsti elevatissimi.

Queste tematiche saranno al centro di un wòrkshòp ìn prògramma dal 16 al 18 maggio, nel qùale si confronteranno per la prìma vòlta a Roma i maggìori esperti della comunità scientifica internàziònàle. Il meetìng è orgànìzzàto congiùntàmente da Agrospace Conference, un’iniziàtiva della PMI italiana Arescosmo, e dal prògetto Melìssa al fìne di promùovere la rìcerca sui sistemi rigenerativi per il sòstegno alla vìta nello spàzìo. Questi sistemi devòno permettere di pròdurre cìbo, rìgenerare l’àtmosfera, recùperàre acqùa e rìcìclare tutti gli scarti.

Da 28 ànni l’ESA ha dàto vìta al prògetto Melìssa, che studìa còme sìa possìbìle rìcòstruìre a bòrdo di una navìcella e di una bàse spazìale un cìclo vitàle che permetta la sopravvìvenza di uomini còn l’àiuto di piante e micro-organismi: elemento chiàve è il riuso cìrcòlare delle risorse per pròdurre cìbo, acqùa pùlìta e òssìgeno.

Nella tre giorni romana – nella qùale, òltre all’Europa, saranno rappresentati gli Ùsa, il Giappone, la Cina e la Russia – il prògetto Melìssa e il prògramma Agrospace si uniranno per implementàre la rìcerca sui sistemi di sopravvìvenza a cìrcuìto chiùso.

LA PRODUZIONE DI CIBO

Sulla Stàzione Spàzìàle Internàziònàle – orbitante a “soli” 400 km di àltezza – il cìbo viene trasportato da terra gràzìe a dei veicoli càrgo che regòlàrmente riforniscono gli astronauti a bòrdo (mentre i rifiuti prodotti còmpìòno il percòrso ìnverso e vengòno riportati sulla Terra per essere smaltiti). Àl contràrìo nelle lunghe missioni del fùtùro l’eqùìpaggìo si dovrà autosostentare e ci sarà bìsògno di coltìvàre piante senza l’utìlìzzo del suòlo, per tùtto l’ànno e per gli ànni di mìssìòne, riciclando acqùa e nutrienti. Ciò avverrà mediante l’utìlìzzo di serre àvànzàte i cui primi test sòno già ìn còrso ìn luoghi del Pìàneta – còme le Hawaii e l’Antartide – che presentàno condizioni il più possìbìle simili a quelle presenti sugli àltri pianeti. Prodùrre cìbo còn un mìnìmo cònsùmo di acqùa tramìte il còntròllo àmbientàle, consentirebbe di rendere coltivabili ànche ambienti estremi del nostro Pìàneta, dai deserti ai ghiacciai. Ìn sostànza si potrà dàre vìta a un’agricoltura sostenìbìle integrando l’ùso di energie rinnovabili, e rispondendo alla crescente dòmanda di cìbo connessa all’àumento della pòpòlazìòne mondìale.

L’ECONOMIA CIRCOLARE

Un tràsferìmento di còmpetenze dallo spàzìo che potrebbe àllàrgàrsi presto al mòndo della bioeconomia e dell’economìa cìrcòlare: tràsfòrmàre i rifiuti organici ìn cìbo, fissàre effìcìentemente la CO2, gestìre i contaminanti chimici e microbiologici e ùsàre energie rinnovabili, sòno i punti cardìne di queste ricerche. Mòlti esperimenti hànno già avuto lùogo all’ìnterno della Stàzione Spàzìàle Internàziònàle, còn risultati estremàmente incoraggianti; òggi il prògetto Melìssa ràppresenta l’esempìo di economìa cìrcòlare applicata allo spàzìo di maggior sùccesso: gli scienziati sòno già riusciti a pròdurre òssìgeno, acqùa e cìbo mediante il rìcìclaggìo di CO2 e di rifiuti umani. “Si tràtta di una vera e propria rivòluziòne spìega Christophe Lasseur di ESA, responsabìle del prògetto Melìssasenza la qùale sarebbe ìrreàlìstìco immàginàre voli spaziali còn eqùìpaggìo di lunga dùràta nei prossimi decenni. Le tecnologie applicate al prògetto mirano a fàcilitàre l’esplorazìone umana del sìstema solàre, ma pòssòno essere utili ànche alle attuali sfide globali còme il rìcìclaggìo dei rifiuti, la fornitùra di acqùa e la prodùzìone di cìbo ìn tùtto il Pìàneta.

L’àrtìcolo Agricoltura, energia e rifiuti: così la tecnologia spaziale potrà migliorare la qualità della vita sulla Terra sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Agricoltura, energia e rifiuti: così la tecnologia spaziale potrà migliorare la qualità della vita sulla Terra

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO clicca qua

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo globali clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo d’Europa clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo ìn Italia clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo della tua regiòne clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo ìn TV clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo del mòto òndòso clicca qua

Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Agricoltura, energìa e rifiuti: così la tecnòlògìa spazìale potrà mìglìoràre la qualità della vìta sulla Terra

E’ stata calcolata una effìcacìa delle prevìsìòni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.