Alluvione in Sardegna : devastazione nel cagliaritano, crolla la statale 195 [IMMAGINI]

Devastazione nel cagliaritano, piogge alluvionali sommergono intere zone. Crolla la statale 195.

Un fortissimo temporale fermo ha colpito in maniera molto incisiva la Sardegna del mezzogiorno ed in specifico il cagliaritano, laddove in circa 14 ore sono caduti oltre 300 mm di pioggia. Il temporale appartiene a la ampia perturbazione che giusto ieri ha causato devastazione su le isole Baleari e che a breve raggiungerà il nord ovest Italia.

Fortemente colpita l’area di Capoterra laddove sono esondati consistenti canali. Fortunatamente la strada statale 195 è chiusa al traffico in maniera preventiva da diverse ore : la strada è crollata durante del dopopranzo ne tratto che sorvola il rio Santa Lucia a Capoterra come visibile da le immagini scattate dall’elicottero. Crollata anche la Sp91 fra Capoterra e Uta ed ora è praticamente impossibile sopraggiungere Capoterra da Cagliari. Fiumi di fango per le strade de la cittadina sarda che hanno causato consistenti danni.

 

 

Condizione critica anche a Uta e Castiadas laddove le scuole sono serrate e diverse case sono isolate. Le piogge si sono notevolmente indebolite ne gli ultimi minuti, ma l’allerta meteo è massima per le prossime ore e in specifico per domani quando potranno svilupparsi nuovi brutali nubifragi acquazzoni.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO dell’italia paragone DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI METEO dell’italia paragone QUADRUPLO clicca qua
Per le previsioni del tempo globali clicca qua
Per le previsioni del tempo d’Europa clicca qua
Per le previsioni del tempo dell’italia clicca qua
Per le previsioni del tempo de la tua regione clicca qua
Per le previsioni del tempo in TV clicca qua
Per le previsioni del tempo del moto ondoso clicca qua
Per l’quota de la neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*