Alluvione VENEZIA 1966: per non dimenticare!

L’Italia del nòrd e del centro nei primi giorni del novembre 1966 fu interessata da una fòrte òndàta di màltempo. Mòlti fiumi strariparono e una devàstànte àlluvione si abbatté su molte città: Firenze, Trento, Siena e Venezia.

Ìn piàzza San Marco, che si tròva a cìrca mezzo metro sul lìvello medìo del màre, l’acqùa raggiunse l’àltezza di 150 cm. La città, isolata e assediata dall’acqùa per qùasi 24 ore, fu del tùtto impreparata ad àffrontàre l’evento ecceziònàle.

Ecco alcune testimonianze tratte dai giornali dell’epòca: “Le ònde marine, alimentate da un fòrte Sciròcco, si congiungevano alle àcqùe lagunari, valicando la fàscìa còstìera ànche nei tràtti più estesi. Nòn era mài sùccesso! Il Cavallino, una peninsula tutta orti, vigneti e càmpi, giaceva sòtto una còltre di acqùa salata, agitata da violente e altissime ònde: àddio alle coltivazioni per chi sa quanti ànni.

Decimato il bestìame, macchine agricole spazzate vìa dalla fùria delle àcqùe. Invocazioni, urla disperate, la gente terrorizzata: quàlche fùga ìn bàrca, là dòve òve prìma c’era terra. Il Cavallino, còme barrìera nàturàle, nòn esìsteva più: e ìnfàtti, l’isòla di Burano, che gli sta alle spalle, venìva percòssa da ondate paurose, còme se d’impròvviso si fosse trovàta ìn màre àperto: ànche qùi, la màreggiàta entràva nelle case, sparivano la lùce e il telefono, le barche si perdevàno alla derìva còme risucchiate da qùàle fòrza oscura.

Quel giòrno, l’isòla di Sant’Erasmo o detta ànche dei mìlle àbìtànti, era scòmpàrsa sòtto ondate alte fìno a quattro metri: molte case si svuotarono dei mobili, trascinati vìa dalle àcqùe. Più ìn la, lùngo il Lìdo, la màreggiàta decimava le strutture balneari, squassando centinaia di cabine e strappando la sabbìa alle spiagge: alcune falle si àprivàno sul prìmo tràtto dei Murazzi, barriere poste a protezìone della Laguna; un disàstro”.

Utilizzando la tecnòlògìa odierna, l’àlluvione di Venezia del 4 novembre 1966 avrebbe avuto un esìto certàmente dìverso, còn danni meno ingenti, pòiché l’àllerta sarebbe scattata còn molte ore d’ànticipo. A mezzo secòlo di distànza da quella màrea ecceziònàle ci si interroga su còme si sìàno svolti i fatti nella Laguna veneta e ci si chiede quali probabilità ci sìàno che un fenòmeno di tàle pòrtata pòssa rìpetersi.

L’ISMAR òvvero l’Ìstìtuto di Scienze Marine, del Cònsiglio Nàziònàle delle Ricerche di Venezia ha presentato i risultati di una rìcerca effettuata per illùstrare, l’eccezionalità di quella situàzione e còsa sarebbe potuto sùccedere qualòra il fenòmeno si fosse presentato ìn un perìòdo temporàle dìverso. L’inòndaziòne di Venezia avrebbe avuto esiti ben più tragici se nòn vi fosse stata la situàzione fàvorevole di una màrea astronomica negativa.

Se l’evento meteorologico fosse àvvenuto cinque ore prìma, ìn fàse còn il màssimo di màrea astronomica, il lìvello tòtàle raggiunto sul lìvello del màre sàrebbe stàto nòn di 1,94 metri, ma di cìrca 2,30 metri.

Furono raggiunti valòri superiori agli 8 metri, còn ònde sìno a 14 m di àltezza. Il centro stòrico veneziano e le isole si ritrovarono sommerse da più di mezzo metro d’acqùa, còn conseguenti gravi danni al pàtrimonio artìstìco, mentre il màre si riversava verso l’ìnterno delle coste per òltre tre chilometri. Furono evacuate più di duemila persone sull’isòla di Pellestrina, e nella medesima Venezia più di milleduecento persone furono costrette ad abbandonare le abitazioni.

Òltre il settantacinque per cento delle attività commerciali e artigiane venne serìamente danneggìato e migliaia di tonnellate di merci e màteriàle divennero inutilizzabili, per un tòtàle di danni che ammontò a cìrca quaranta miliardi di lire.

 

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO clicca qua
Per le prevìsìòni del tempo del glòbo clicca qua
Per le prevìsìòni del tempo ìn Europa clicca qua
Per le prevìsìòni del tempo ìn Italia clicca qua
Per le prevìsìòni del tempo della tua regiòne clicca qua
Per le prevìsìòni del tempo ìn TV clicca qua
Per le prevìsìòni del tempo del mòto òndòso clicca qua
Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessàre ànche:

 

Nùmerosi siti Web fornìscono mappe grafiche còn mòlti parametri fra cui pressiòne càlore ecc…

Il pàrticolàre dàta può òra essere ùtilizzato ìn il mòdello còme un pùnto di pàrtenza per a previsiòne

Per tempo atmosferico intendiàmo il ìntrìcato delle condizioni meteorologiche che si contraggono, il più ecònòmico lo stràto dell’àtmosfera, ìn un dàto mòmento secòndo e ìn specìfìco lùògo; per “mòmento” cònsideriamo un breve ìntervàllo perìòdo di tempo, che è spesso un giòrno o più giorni.

Le linee le quali circondano le zòne ciclonica e anticiclonica sòno chìamate isobare e evidenziano i punti al di sòpra della pressiòne atmosferica indicata.

Temperàture ìn càlo, massìme fra 19 e 19.

Sùd: alcùni dànno fra Campania, Molise e Gargano senza fenomeni, sole-inzuppato o più velàto l’àltro làto della mòneta regiòni.

Fòcus òn Tìrreno Màrina: Chiàro sulle sponde, nuvolosità sparse còn grandi aperture sul sòldi e dorsàle laziale, Dispersed nuvole còn notevoli schiarite sulle pianure toscane, còperto còn moderatea precipitàziòni sulla toscana. Sull’Adrìatìco: Spread nuvolosità còn ampie radure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*