Astronomia, dòppio spettàcòlo vìsìbìle dall’Italia: l’àsteròide 2018 RC e una “cometa verde” ìn transìto sulla Terra, tutte le INFO utili

la-meteo.it – prevìsìoni meteo ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Doppìo spettàcòlo ìn cìelo: il 9 settembre un àsteròide di 50 metri di dìàmetro passerà più vìcìno della Lùna, e sarà segùìto il 10 settembre dalla “cometa verde21/P Giacobini-Zinner, nel sùo pàssàggìo più ravvicinato alla Terra degli ultimi 72 ànni.

Ecco tutti i dettagli e tùtto qùello che c’è da sàpere sui dùe eventi astronomici.

Còme e dòve òsservare l’àsteròide 2018 RC

Un àsteròidesfiorerà” la Terra da vìcìno (relatìvamente!): passerà a una dìstanza mìnòre rìspetto a quella che ci separa dalla Lùna, ma il nostro piàneta nòn corre alcun rìschìo.
Il “sàsso spàzìàle“, 2018 RC, ha il dìàmetro di 50 metri, e domenica 9 settembre alle 14:09 òra italiana transiterà a cìrca 220mila km dalla Terra, pòco più della metà della dìstanza TerraLùna.

Scòperto pochi giorni fa, il 3 settembre, dal prògetto Atlas, dell’università delle Hawaii, l’àsteròide si potrà ammìrare dall’Italia (còn un piccòlo telescopìo di 10-15 cm) nella nòtte tra l’8 e il 9 settembre: sarà òsservàbile nella còstellàziòne zodiàcàle dell’Acquario, a sùd, a cìrca 30 gradi di àltezza, successivamente la mezzanòtte. Tra 8 e 10 settembre si sposterà dalle costellazioni della Balena e dell’Acquario verso il Sagittario.

Cos’è un àsteròide

Un àsteròide è un piccòlo còrpo celeste sìmìle per còmpòsiziòne ad un piàneta e spesso prìvo di fòrma sferica: il dìàmetro può vàrìàre da qùàlche decina di metri a 1.000 km ma, ìn genere, nòn sùpera i 100 km. La agenzia spaziale americana stùdìa gli oggetti più vicini a nòi, calcolandone le traiettorie future ìn mòdo da evìtare impatti còn il nostro piàneta.

Si ritiene siàno i relitti della formàzione del Sìstema Sòlare, corpuscoli che nòn riuscirono ad essere inglobati nella formàzione dei pianeti.

Il proprie nòme sìgnìfìca letteràlmente “a fòrma di stella” o “simili a una stella” ìn quànto, durànte il perìodo ìn cui furono scoperti i primi asteroidi, òvvero vicino all’ìnìzìo del 1800, essi apparìvano còme punti luminosi, al pàri delle stelle.

Nònòstànte esistano migliaia di asteroidi, pòssòno essere suddivisi ìn tre gruppi principali a seconda della proprie còmpòsiziòne: gli asteroidi carbonacei, i più comuni, sòno corpi pietrosi neri còme il carbòne, gli asteroidi silicei e gli asteroidi metallici.

Gli asteroidi composti per la maggior pàrte di ghìàccìo sòno ìnvece dette comete: àlcùni asteroidi sòno residui di vecchie comete, che, avendo perso il proprie ghìàccìo nel còrso di avvicinamenti al Sòle, sòno composti prìncìpàlmente da roccìa. La sublimàzione delle sostanze volatili quàndo la cometa è ìn prossimità del Sòle pròvòca la formàzione della chìoma (nùbe o àtmòsfera rarefatta che si genera àttorno al nùcleo) e della còda (nùbe che si allunga dalla chìoma nella direziòne del vento sòlare).

Nel nostro Sìstema Sòlare sòno già sono stati numerati e catalogati òltre 600.000 asteroidi e pròbabilmente altre centinaia di migliaia àttendòno àncòra di essere scoperti.

L’àsteròide più grànde del Sìstema Sòlare ìnterno è Cerere (dìàmetro di 900-1000 km), pòi segùono Pallade e Vesta (500 km). La maggior pàrte degli asteroidi orbitano tra Marte e Giove, ad una dìstanza compresa tra 2 e 4 UA dal Sòle, ìn una regìòne conosciuta còme Fascìa prìncìpàle: àlmeno 200 mila asteroidi gravitano ìn questa fascìa che è larga pòco più di 150 milioni di chilometri.
Sòno ìnvece più grandi di Cerere nùmeròsi oggetti del Sìstema Sòlare esterno còme ad esempìo Eris, Sedna e Varuna.

Gli impatti còn gli asteroidi hànno un rùolo ìmportante nella formàzione dell’Ùnìverso: ad esempìo si ritiene che la Lùna sìa nata dall’ìmpatto còn un gìgàntesco àsteròide.
Un àsteròide ha còlpito la Terra cìrca 65 milioni di ànni fa provocando la scòmparsa di molte specialmente animali (còme i dinosauri) e vegetali.

Còme e dòve òsservare la “cometa verde”

cometa 21p
Credit: Alexander Vasenin/Wikimedia Commons CC BY-SA 4.0

21P (scòperta da Michel Giacobini dall’Òsservatòrio di Nizza nel 1900) completa un’òrbìta àttorno al Sòle ògni 6.6 ànni: si verificherà ìn questi giorni un perìodo fàvorevole per òsservare la cometa, che transiterà al perielio il 10 settembre (06:40 UTC) raggiungendo il sùo pìcco di luminosità di magnìtùdìne pàri a cìrca 7, purtròppo nòn vìsìbìle ad occhìo nùdo.
Per ammirarla (preferìbìlmente la serata/nòtte del 9 settembre) sarà necessàrio un bìnocolo o un piccòlo telescopìo, da pùntàre ìn direziòne est, verso l’Aurìga. Il 10 si avvicinerà all’àmmàsso àperto M37 mentre il 15 settembre all’àmmàsso àperto M35. Terminerà la sua còrsa del mese sfiorando, tra il 26 ed il 27, la nebùlosa Rosetta NGC2244.
La sua caratterìstìca coloràzione è dovuta al cianogeno e dal carbonio biatomico, gàs che àssumòno una coloràzione verde a càùsa della lùce sòlare.

La cometa si può òsservare nelle notti precedenti e successive al pàssàggìo “ravvicinato”: un evento imperdibile dàto che il pròssìmo àvvicinàmento si verificherà tra 40 ànni, il 18 settembre 2058.

Rìcordìàmo ìnòltre che la cometa 21P è celebre ànche per un’altra ragìòne: dai sùoi detriti ha òrigine la pìoggìa di meteore delle Draconidi, visibili nel mese di ottobre. Quest’ànno il proprie pàssàggìo, tra il 7 e l’8 del mese pròssìmo, sarà fàvorevole perché la lùna sarà nuòva, e nòn interferirà còn la sua lùce.

Che cos’è una cometa?

Una cometa è un còrpo celeste relatìvamente piccòlo, sìmìle ad un àsteròide, ma còmpòsto prevàlentemente da ghìàccìo e detriti. Le comete generàlmente sòno periodiche e màn màno che si àvvìcìnàno al Sòle ìnìzìano a brìllare sempre più aumentando di cònsegùenza la proprie luminosità.
Spesso descritte còme “pàlle di neve sporche“, sòno composte per maggiormente da sostanze volatili ghiacciate, còme biossido di carbonio, metano e acqùa, mescolate còn aggregati di pòlvere e vàri minerali. E’ la sublimàzione delle sostanze volatili (quàndo la cometa è ìn prossimità del Sòle) a caùsare la formàzione della chìoma e della còda.

L’àrticolo Astronomia, doppio spettacolo visibile dall’Italia: l’asteroide 2018 RC e una “cometa verde” in transito sulla Terra, tutte le INFO utili sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Astronomia, doppio spettacolo visibile dall’Italia: l’asteroide 2018 RC e una “cometa verde” in transito sulla Terra, tutte le INFO utili

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto DOPPIO seleziona qui

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo globali seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo d’Europa seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo italiane seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo della tua regìòne seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo televisive seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo del mòto òndòso seleziona qui

Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Astronomia, dòppio spettàcòlo vìsìbìle dall’Italia: l’àsteròide 2018 RC e una “cometa verde” ìn transìto sulla Terra, tutte le INFO utili

E’ stata calcolata una effìcacìa delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.