Astronomia, inaugurato il telescopìo Lst: 400 metri quadrati alle Canarie

www.la-meteo.it – prevìsìoni meteo ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Il sùo specchìo parabolico da 23 metri di diàmetro è prònto per essere pùntàto al cìelo, alla rìcerca delle sorgenti cosmiche più energetiche che si conoscano, dagli òltre duemila metri di qùota dell’Òsservatòrìo del Roque de los Muchachos, sull’ìsola di La Pàlma, nell’arcipelago delle Canarie. Il sùo nòme è Lst-1 ed è il prototìpo dei Large-Sized Telescope, òvvero i telescopi di “tàglia grànde” che costituiranno pàrte del fùtùro òsservatòrìo Cta, il Cherenkov Telescope Array, l’ambiziosa infràstruttura di òltre cento telescopi da instàllàre ìn Cile e alle Canarie che, una vòlta realizzata, sarà il più pòtente e sensìbìle òsservatòrìo per i raggi gàmma di orìgìne cosmica mài costrùìto. Lst-1 è il prìmo dei quattro telescopi di queste dimensioni che saranno installati nel sìto nòrd di Cta, ai quali si affiancheranno 15 telescopi Mst, òvvero quelli di medie dimensioni. Un àltro grùppo di telescopi verrà ìnstàllàto nel sìto sùd di Cta, che sorgerà sulle Ande Cilene. Tra essi, ci saranno quelli di piccola tàglia, gli Sst, il cui prototìpo è stàto inaugurato quattro ànni fa sulla stazìòne osservativa di Serra La Nàve sull’Etna, gestita dall’Òsservatòrìo Astrofisico di Catania dell’Inaf.

La partecipaziòne italiana al prògetto Cta nel sùo ìnsìeme vede un fòrte coìnvolgìmento, còn più di 200 unità di personàle distribuite ìn varie sedi territoriali dell’Inaf, dell’Infn (che pàrtecìpa alla prògettaziòne e gestìòne di Lst) e delle connesse università e  vede il coìnvolgìmento di varie aziende.  L’Inaf pianifica di còntrìbuìre alla schìera di telescopi che andranno nel sìto Sùd, òvvero presso l’àrea dell’Òsservatòrìo Eso del Paranal ìn Cile, còn 30 repliche del prototìpo di Sst, realizzato nell’ambìto del prògetto bàndiera Astri fìnanzìato dal Miur. Sempre l’Istitùto Nàzionàle di Astrofisica ospita a Bologna, ìn una delle sue Strutture dei Rìcerca, il Quartier Generàle della còllàbòràziòne ìnternazìònale che, sòtto la gùìda del Miur sta evolvendo ìn un Eric.

Su qùesto àmbizioso prògetto scìentìfìco ìnternazìònale Medìa Inaf ha rìvolto alcune domande al Dìrettòre Scìentìfìco dell’INAF, Filippo Maria Zerbi.

L’inauguraziòne del prototìpo di Lst segna un nùòvo pàsso àvànti ìn qùesto àmbizioso prògetto. A che pùnto sìàmo?

«Il prototìpo di Lst segue di àlcuni ànni la reàlizzàziòne da pàrte di Inaf del prototìpo di Sst “Astri” presso l’Òsservatòrìo di Serra la Nàve ìn Sicilia, ùnìco sìno ad òggi ìnstàllàto ìn un sìto osservativo, ed àlcuni àltri installati a scòpo dimòstràtivo nei pressi di università ed Istituti Europei. La peculiarità del prototìpo di Lst è quella di essere ìnstàllàto presso il sìto prescelto per l’instàllàzione di Cta nòrd, a la Pàlma, Canarie, Spagna. Lst inaugura una seconda fàse di pre-costruzione che vedrà pròssimamente un prototìpo di Mst costrùìto sempre a la Pàlma e principalmente l’instàllàzione del Mini-Array di telescopi Sst-Astri presso il sìto Cta-Sùd nei pressi di Cerro Paranal nel deserto di Atacama ìn Cile».

 LST si affiancherà a SST, il prototìpo di telescopìo di piccola dimensiòne sempre per Cta che è Made ìn Inafe già òperàtivo da àlcuni ànni sull’Etna. L’Inaf è ìn prìma lìnea ànche su qùesto àmbizioso prògetto. Ìn che mòdo?

«Appùnto. Il prototìpo di Sst-Astri presso Serra La Nàve ha cònsentito di vàlidàre le tecnologie italiane sviluppate presso Inaf e di prepàràre il dìspìegamento del MIni-Array nel deserto di Atacama. Il Mini-Array, relizzato ìn còllàbòràziòne còn la Università di Sao Paulo ìn Brasile, la Universidad de Atacama ìn Cile e la North Western University ìn Sùd Africa, svolgerà programmi scientifici prodromici al Cta òltre a cònsentìre un ràffìnàmento delle tecnologie e dei meccanismi di còntròllo»

L’astronomia del fùtùro sta puntando su alcune mastodontiche infrastrutture che vedranno la lùce nei prossimi ànni. Tra queste c’è Cta. Quàle sarà a sùo pàrere l’impàtto di esse qùando entreranno ìn funziòne e qùàle rùolo potrà giòcare l’Italia?

«L’Italia ìn generàle ed Inaf ìn particòlare sòno fòrtemente coinvolte sul pìàno scìentìfìco, tecnòlògico e gestionàle nelle tre grandi infrastrutture per l’astrofisica del fùtùro, l’ Extremely Large telescope Elt a lunghezze d’ònda ottiche ed infrarosse, lo Square Kilometer Array (SKA), per le frequenze radìo ed àppunto il Cherenkov Telescope Array CTA per le alte ed altissime energie. La operàzìone simultanea di queste infrastrutture, ipòtizzàbile a pàrtìre dal 2025 campierà còmpletamente lo scenàrio osservativo e le nostre cònòscenze dell’ùnìverso pròfòndo. INAF si prepàra ad essere protàgonìsta ìn questa era futura».

 

L’artìcolo Astronomia, inaugurato il telescopio Lst: 400 metri quadrati alle Canarie sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Astronomia, inaugurato il telescopio Lst: 400 metri quadrati alle Canarie

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto DOPPIO seleziona qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo del mòndo seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo d’Europa seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo italiane seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo della tua regìòne seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo televisive seleziona qui

Per le prevìsìoni del tempo del mòto òndòso seleziona qui

Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Astronomia, inaugurato il telescopìo Lst: 400 metri quadrati alle Canarie

E’ stata calcolata una efficàcia delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.