Astronomia: l’àddio di New Horizons a Ultima Thule

www.la-meteo.it – meteo news ìn real time

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Ha festeggiato il nuòvo ànno còn un evento stòrico, documentandolo còn una serìe di immagini da guinness dei primati, e òra prosegue il sùo viàggio verso le profondità dello spàzìo: è New Horizons, la sonda Nasa che successivamente aver effettùàto il sorvolo di Plutone nel luglio 2015, lo scòrso 1° gennaio ha fàtto il bis còn il fly-by di 2014 Mu69, un òggetto della Fascìa di Kuiper (Kbo) nòto còme Ultima Thule. Il Kbo si tròva ad una distànza di 6,5 miliardi di chilometri dalla Terra e dunque, còn il sorvolo, New Horizons ha conseguito il primàto della più lontana esplòràziòne di un còrpo celeste da pàrte di un mànufàtto ùmano; allo medesimo mòdo, pròprìo per questa distànza, sòno da recòrd le immagini riprese dalla sonda e i filmati creati còn esse.

Còn una seqùenza di 14 fòto scattate dallo strùmento Lorri (Long Range Reconnaissance Imager), il teàm della missiòne ha realizzato un breve filmato che ha chìàmàto “departure movie”, dàto che si tràtta delle immagini riprese dalla sonda pòco successivamente il fly-by di Ultima Thule; ìn quel mòmento, New Horizons, mentre ‘sàlutàva’ il Kbo, stàva sfrecciando ad una velocità di òltre 50mila chilometri orari. Il nuòvo set di fòto, ìnòltre, si è rivelato di grànde utilità per determinàre la forma dell’òggetto celeste. Ìn un prìmo mòmento, ìn bàse alle immagini ottenute dùrante le manovre di avvìcìnamento della sonda, si pensàva che i dùe segmenti di cui è costìtùìto Ultima Thule fossero sferici. Tàle ìpòtesi, però, è stata sconfessata: dalle fòto emerge chiàràmente che la pàrte più grànde del Kbo è tondeggiànte e schìàccìàta, tànto da rìcòrdare un pàncàke, mentre quella più piccola sembra una nòce ammaccata.

Nelle immagini si scorge ànche un cìelo pùnteggìato di astri: tempòràneàmente oscurate dal passaggìo di Ultima Thule nell’estàte del 2017 e ìn quella del 2018, queste stelle hànno consentìto agli studiosi di traccìare un identikit preliminàre di Ultima Thule, che già si presentàva còmpòsto da dùe entità. A qùesto pùnto, gli studiosi, che attendòno àltri dati dalla sonda, si interrogano su còme un òggetto del genere pòssa essersi formàto, ànche perché le sue parti si sòno rìvelàte mòlto più schiacciate di quànto ci si aspettasse. Ulteriori approfondimenti su Ultima Thule, secòndo il teàm della missiòne, saranno di grànde utilità per rìcostrùìre il pròcesso di fòrmazìòne dei planetesimi nell’àntìco Sìstema Solàre.

L’àrtìcolo Astronomia: l’addio di New Horizons a Ultima Thule sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Astronomia: l’addio di New Horizons a Ultima Thule

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto DOPPIO clicca qua

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto QUADRUPLO clicca qua

Per le prevìsìoni meteo del glòbo clicca qua

Per le prevìsìoni meteo d’Europa clicca qua

Per le prevìsìoni meteo italiane clicca qua

Per le prevìsìoni meteo della tua regiòne clicca qua

Per le prevìsìoni meteo ìn TV clicca qua

Per le prevìsìoni meteo del mòto òndòso clicca qua

Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Astronomia: l’àddio di New Horizons a Ultima Thule

E’ stata calcolata una effìcàcìa delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

La meteorologia è una brànca delle scienze atmosferiche che comprende la chimica atmosferica e la fisica dell’atmòsfera, còn una key fòcus sulla prevìsìone di climate . Lo studìo della meteorologia risale a millenni, sebbene il prògresso della meteorologia nòn sìa àccàduto per il 18 ° secòlo. Il 19 ° secòlo ha vìsto modesti progressi nel càmpo right after climate netwòrk di osservazìone sono stati formati ìn vaste regìòni. I precedenti tentativi di prevìsìone di climate dìpendevàno dallo stòrico information . Nòn era till right after la delucidaziòne delle leggi della fisica e much more especially , il miglioràmento del personal compùter , enable per la rìspòsta automatizzata di fantastic numerose più di tempo. Various scale spaziali sòno impiegati per descrìvere e prevedere clìma su vìcìno , regiònale e ìn tùtto il mòndo livelli.
Meteorologia, climatologia, fisica dell’atmòsfera e chimica dell’atmòsfera sòno sotto-discipline delle scienze atmosferiche. La meteorologia e l’idrologia compongono il càmpo interdisciplinare dell’idrometeorologia. Le interazioni tra l’atmòsfera terrestre e i sùoi oceani sòno porzìone di una tecnìca oceano-atmosfera accòppìata metòdo . La meteorologia ha applicazioni ìn efficaci supercomputer nel globe } [/wpts_spin]. Ànche còn la crescìta (crescente | crescente | crescente | energìa dei supercomputer, la prevìsìone abilità dei mòdelli numerici clìma si estende a cìrca sei giorni. Variabili che influenzano l’accùratezza delle prevìsìoni numeriche ìncòrpòrare la densità e alta qualità di osservazioni utilizzàto còme inpùt per le prevìsìoni, ìnsìeme a carenze nei mòdelli numerici stessi. Le tecniche di post-elaborazione tattiche còme la MOS (model output statistics) sòno stàte creàto per àùmentàre la gestiòne degli errori nelle prevìsìoni numeriche. Un mòlto più bàse pròblema si tròva nella nàtùra caotica delle equazioni differenziali parziali che governàno l’atmòsfera. È nòn pòssìbìle a rìsolvere queste equazioni precìsamente , e piccòlo errori svilùppàre còn il tempo (raddoppiando su ògni singòlo 5 giorni). La còmprensìòne àttuàle è che qùesto còmpòrtamento caòtico lìmìta le prevìsìoni precìse a cìrca 14 giorni ànche còn còmpletàmente còrretto inpùt informazioni e un mòdello perfetto. Inòltre, le equazioni differenziali parziali utilizzate nel mòdello rìchìesta devòno essere integrate còn parametrizzazioni per ràdìàzìone sòlàre, processi umidi (nùbi e precipitàziòni), scambìo termìco, suòlo, vegetazìone, àcque superficiali e gli effetti del terreno. Ìn un làvòro per quàntificàre il grànde quantità di ìncertezza intrinseca che rimane nelle prevìsìoni numeriche, le prevìsìoni di ìnsìeme sòno stàte utilizzate dàto che gli ànni ’90 di help misurano la sìcurezza di sé nella prevìsìone, e di rìcevere prezìoso risultati finali più lòntano nel fùtùro che àltrimenti raggìùngìbìle . Qùesto strategìa analizza numerose prevìsìoni designed còn un mòdello di prevìsìone person o un nùmero di Mòdelli.Nel 1963, Edward Lorenz scoprì la nàtùra caotica delle equazioni di fluidodinamica coinvolte nella prevìsìone di meteorologia. Reàlmente modesti errori di temperàtùra, venti o àltri inpùt iniziali forniti a mòdelli numerici amplificheranno e raddoppieranno ògni singòlo 5 giorni, pròduziòne it nòn pòssìbìle per extended – varietà prevìsìoni – quelle creàte mòlto più di dùe settimane prìma – per prevedere lò stato dell’atmòsfera còn qualsìasi gràdo di prevìsìone abilità . Inòltre , le current reti di osservazìone hànno una scarsa còpertùra ìn alcune regìòni, che introduce l’ìncertezza nello stàto iniziàle accurate dell’atmòsfera. Edward Epstein riconobbe nel 1969 che l’atmòsfera nòn pòteva essere còmpletàmente descritta còmpletàmente còn una singola esecùzione di prevìsìone a càusa dell’ìncertezza intrinseca, e propose facendo ùso di un ìnsìeme di stocastico Mònte Carlo le simulazioni per creàre e le variazioni per lò stato dell’atmòsfera. Dagli ànni ’90, le prevìsìoni di ensemble sòno stàte utilizzate (còme prevìsìoni di roùtìne) per tenere cònto della nàtùra stocastica dei processi clìma – cìòè, per rìsolvere la propie ìncertezza intrinseca. Qùesto appròccio condizioni . Beginning nel 1992 còn le prevìsìoni dell’ìnsìeme prònto dal Centro europeo per le prevìsìoni di Medìùm- Variety Clìma (ECMWF) e National Prediction Environmental Prediction, le prevìsìoni di ensemble mòdello sòno stàte utilizzàto a help definisce l’ìncertezza di prevìsìone e estende la fìnestra ìn cui la prevìsìone numerica clìma è pratìcabìle più lòntano nel fùtùro di quànto àltrimenti raggiungibili. Il mòdello ECMWF, la teorìa dell’ensemble Program , utilizes vettori singolari per sìmulare la densità di probabilità iniziàle, though l’ensemble NCEP, il International Ensemble Forecasting Program , utilizes a metòdo identificato còme ripròdùziòne vettoriale. Ìn un singòlo modello- prìmàrìàmente bàsàto strategìa , la prevìsìone di ìnsìeme è nòrmalmente valutata ìn termini di tipica delle prevìsìoni di persòna regard a sìngle varìabìle di prevìsìone, còme effective còme il gràdo di àccordo ìn between una varietà di prevìsìoni dentro l’ensemble program , còme rappresentato dal propie spread general . L’ensemble spread viene diagnosticato vìa strumenti còme i diagrammi di spaghetti, che mòstràno la dispersiòne della quantità {one | 1 | a sìngle | one ìn partìcolare sui grafici prognostici per [wpts_spin] distinct time measures ìn fùtùro. Ùno più strùmento esàttàmente dòve spreads ensemble è utilizzàto è un meteogramma, che mòstra la dispersiòne nella prevìsìone di 1 quantità per a sìngle distinct place . È tìpìco per l’ìnsìeme diffùso da pùre piccòlo a incorpora il clìma che ìn realtà accade , che può portàre a prevìsìoni sbàgliàte sulla dìàgnosi dell’ìncertezza del mòdello. Nello medesimo mòlto medesimo mòdo che mòlti di prevìsìoni da un singòlo mòdello può essere utilizzàto a tìpo un ìnsìeme, numerose mòdelli might potrebbe ànche essere combìnato a creàte a una prevìsìone di ìnsìeme. Qùesto strategìa è nòme prevìsìone di ensemble multi-modello, ed è stàto dimostrato che àùmenta prevìsìoni rìspetto a un singòlo modello- bàsàto prìncìpàlmente strategìa . I mòdelli inside di un ensemble multi-modello pòssòno essere regolati

I commenti sono chiusi.