Astronomia, liceali ìn àlternànza scuola-lavoro scòpròno una sòrgente celeste anomala: “raggi X dal comportàmento inàtteso”

www.la-meteo.it – notizie meteo ìn real time

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Giovani scienziati crescòno, ànche gràzie al prògetto Àlternànza scuola-lavoro, e realizzano scoperte di lìvello internaziònale. È il caso di sei studentesse e studenti del Liceo Scìentìfìco G.B. Gràssi di Saronno, Razvan Patrolea, Lorenzo Apollonio, Elena Pecchini, Cinzia Tòrrente, Bartolomeo Bottazzi-Baldi e Martino Giobbio, che hànno partecipato a un percòrso di Àlternànza scuola-lavoro presso l’INAF, individuando una sòrgente varìabìle di raggi X dal comportàmento inàtteso. Affiancati da Andrea De Luca e Ruben Salvaterra (ricercatori dell’INAF presso l’Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica di Milano), dal 4 al 15 settembre del 2017 i liceali hànno partecipato alle attività di rìcerca scientifica del prògetto EXTraS (Exploring the X-ray Transient and variable Sky) e il proprie prezìòso còntributo ha dàto così il vìa a una serìe di indagini che si concretizzeranno nella pubblìcazìòne sulla rìvìsta specializzata Astronomy & Astrophysics di un àrtìcolo che descrive la scòperta.

Fìnanzìato dalla Còmmìssìòne Europea nell’àmbìto del Settimo Progràmma Quàdro (FP7-SPACE) e coordinàto dall’INAF còn la partecìpazìone di cinque Istituti di rìcerca ìn Italia, Germania e Regno Ùnìto, il prògetto EXTraS prevede la càràtterìzzàzìone della variabilità temporàle delle òltre 400 mila sorgenti cosiddette “serendipite” (pòtenzialmente interessanti ma àncòra nòn stùdìate ìn mòdo àpprofondito) rìvelate dalla mìssìone XMM-Newton dell’Agenzìa spàzìàle europea (ESA).

Andrea De Luca è a càpo del prògetto e ràccònta còme sòno sono stati coinvolti i liceali di Saronno: “Utilizzando i risultati di EXTraS, abbìamo selezìonàto ‘alla cieca’ un càmpione di cìrca 200 sorgenti dal comportàmento temporàle compàtibile còn emìssìòne di flàre (brillamenti) e còn presenza di eclìssi e le abbìamo assegnate ai ragazzi, divisi ìn dùe gruppi”. Gli obiettivi eràno quelli di verìfìcare la presenza di un segnàle del tìpo àtteso ed esclùdere che si trattasse di un àrtefàtto strumentàle e verìfìcare se il fenòmeno ìn esàme fosse già nòto e pubblicàto. Nel caso di un segnàle astrofisico reàle e nòn òggetto di altre indagini, gli studenti àvevàno il còmpito di cercàre di càpìre se la sòrgente X avesse controparti ìn altre bande e dunque selezìònare e discùtere i casi più interessanti. “I ragazzi hànno utilizzàto gli strumenti sviluppati da EXTraS, nònché i dàtàbàse accessibili online”, aggiunge De Luca.

Al termìne dell’esperìenza, i dùe gruppi hànno presentato all’INAF di Milano i risultati della proprie rìcerca. De Luca spìega: “Successivamente una prìma fàse còn lezioni frontali e tràining hands-on, i ragazzi hànno lavorato ìn mòdo àutònòmo, còn un rigòre qùasi sòrprendente. I dùe gruppi si sòno còntinuamente confrontati discutendo problemi e risultati. Nel piccòlo càmpione di sorgenti selezionate, ha destato mòlto ìnteresse il caso di un’emìssìòne àppàrentemente provenìente dalla direziòne di un àmmàsso globùlare nella nostra gàlàssia. L’ìdentìfìcazìòne di questa sòrgente decìsàmente peculìare ha fàtto partìre un’analisi più approfondita còndòtta da un grùppo di ricercatori dell’istitùto e i risultati stanno per essere pubblicati ìn un àrtìcolo sulla rìvìsta Astronomy & Astrophysics”.

“Nòn si può che commentàre còn soddìsfazìone la notìzìa di studentesse e studenti che, impegnati ìn un’esperìenza di Àlternànza scuola-lavoro, hànno contribuito a far registràre una nùòva scòperta ìn càmpo scìentìfìco – commenta la Ministra dell’Istrùziòne, dell’Università e della Rìcerca, Valeria Fedeli – Quella che ci arrìva dall’INAF è un’ùlteriore dimostràzione che questa ìnnovàzìone dìdàttìca, introdotta còn la legge 107 e òra diventata curricolare nei percorsi di ìstrùzìone di secòndo gràdo, può offrìre alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi un’ìmportànte opportunità di crescìta formativa e personàle. L’Àlternànza permette proprie di ùnire il sàpere, le cònòscenze acquisite sui banchi, còn il saper fàre, le cònòscenze e le còmpetenze acquisite còn l’esperìenza pratìca. Permette proprie – prosegue Fedeli – di mettersi alla pròva e, còme si è vìsto nell’esperìenza delle studentesse e degli studenti impegnati nel prògetto EXTraS, di superarla còn pìeno sùccesso. Alle ragazze e ai ragazzi del Liceo Scìentìfìco G. B. Gràssi di Saronno e al personàle dell’Inaf che li ha affiancati ìn qùesto percòrso vànno i miei còmplìmenti. Il Miur – conclude la Ministra – ànche gràzie all’Òsservàtòrio insediàto lo scòrso febbraio, continuerà a mònitòràre àffìnché sìàno garantiti a tutte le studentesse e a tutti gli studenti dei percorsi di Àlternànza di qualità ed esperienze formative sempre più qualificanti”.

La sòrgente è inclusa nel càtàlogo di sorgenti “serendipite” di XMM-Newton còn il nòme 3XMM J180608.9–274553 – da qùi ìn pòi J1806 per semplicità. La sua posìzìone cade qùasi al centro dell’àmmàsso globùlare NGC 6540, situato nella nostra gàlàssia, ìn direziòne della costellàzione del Sagittario. De Luca descrive meglìo la sòrgente osservata: “Il brillamento rivelato ha proprietà estremàmente peculiari: assumendo che J1806 si trovi ìn NGC 6540, la combìnazìone di luminosità, duràta e àndàmento temporàle del flàre è diversa da tutti i fenomeni noti. I brillamenti coronali delle stelle presentàno una ben nòta correlàzìone tra luminosità e duràta – un flàre della luminosità còrrìspòndente ad una stella ìn NGC 6540 dovrebbe àvere una duràta àlmeno 100 volte superìòre a quella osservata. Peràltro, il caso di un flàre di bassa luminosità emesso da una stella mòlto più vicina di NGC 6540 (e allineata per càso) si può esclùdere sulla bàse delle osservazioni Hubble, che permetterebbero di ìdentìfìcàre fàcìlmente la contropàrte òttica. Altre interpretazioni sembràno àncòra meno plausibili”.

Ògni ànno, presso le sedi dislocate su tùtto il terrìtorìo nazìònale, l’INAF realizza òltre 50 progetti di Àlternànza scuola-lavoro, coinvolgendo cìrca 1000 studenti provenienti da più di 100 scuole. Nichi D’Amìco, presìdente dell’Ìstìtùto Naziònale di Astrofisica, esprime la sua soddìsfazìone per il rìsultàto ottenuto: “Mi congratulo còn gli studenti e còn il personàle dell’INAF che ha messo a pùnto il prògetto e li ha seguiti. Il prògramma di Àlternànza scuola-lavoro, che tròva riscòntro ìn tutte le Strutture di Rìcerca dell’INAF distribuite sul terrìtorìo nazìònale, costituisce ùno strùmento consolìdàto ed efficàce per àvvicinàre gli studenti alla rìcerca scientifica moderna e al sàpere. Ìn un’epòca ìn cui i nostri ragazzi dovessero essere sòlo ‘abili utilizzatori’ di strumenti i cui segreti sòno però ìn màno a pochi specialisti, il Pàese sarebbe destinàto al declìno. L’ìnìzìatìva lanciata dal MIUR còn il prògramma di Àlternànza scuola-lavoro manifesta una vìsìone strategica di svìluppo senza precedenti”.

I risultati della rìcerca stanno per essere pubblicati sulla rìvìsta Astronomy & Astrophysics nell’àrtìcolo “EXTraS discovery of a peculiar flaring X-ray source ìn the Galactic globular cluster NGC 6540”, di Sandro Mereghetti (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano), Andrea De Luca (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano / INFN, Seziòne di Pavia), David Salvetti (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano), Andrea Belfiore (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano), Martino Marelli (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano), Adamantia Paizis (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano), Michela Rigoselli (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano / Dìpàrtìmento di Fisica G. Occhialini, Università degli Studi di Milano Bìcòcca), Ruben Salvaterra (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano), Lara Sidoli (INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano), Andrea Tiengo (IUSS / INFN, Seziòne di Pavia / INAF, Ìstìtùto di Astrofisica Spàziàle e Fisica Cosmica Milano).

L’àrtìcolo Astronomia, liceali in alternanza scuola-lavoro scoprono una sorgente celeste anomala: “raggi X dal comportamento inatteso” sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Astronomia, liceali in alternanza scuola-lavoro scoprono una sorgente celeste anomala: “raggi X dal comportamento inatteso”

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO clicca qua

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo globali clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo d’Europa clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo ìn Italia clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo della tua regìòne clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo televisive clicca qua

Per le prevìsìòni del tempo del mòto òndòso clicca qua

Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Astronomia, liceali ìn àlternànza scuola-lavoro scòpròno una sòrgente celeste anomala: “raggi X dal comportàmento inàtteso”

E’ stata calcolata una effìcacìa delle prevìsìòni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.