El Niño si è sviluppato nel Pacifico: evento debole secondo i modelli

Condizioni di El Niño nel Pacifico equatoriale ma secondo le ultime uscite dei modelli si tratterà di un evento di debole intensità. Fonte: cpc.ncep.noaa.gov

  • El Niño si è sviluppato a gennaio nel Pacifico equatoriale

    Dopo una lunga fase neutrale in cui i paramenti si erano portati vicini alla soglia di allerta ma senza mai superarla, durante lo scorso gennaio El Niño si è finalmente sviluppato nel Pacifico equatoriale. Nonostante il disaccoppiamento tra il sistema oceano e quello atmosferico, motivo per il quale la probabilità di uno sviluppo de El Niño era notevolmente scesa negli ultimi mesi, l’ENSO è entrata in fase positiva proprio all’inizio del 2019: si dovrebbe trattare comunque di un evento debole, con solo il 55% di probabilità che questo possa tenerci compagnia anche durante tutta la primavera boreale. Data la debole intensità prevista di questo El Niño, gli impatti climatici dovrebbero essere piuttosto limitati: non si esclude comunque qualche effetto specie sul continente americano.

    El Niño: in cosa consiste questo particolare fenomeno?

    El Niño, scientificamente conosciuto ENSO (El Niño Southern Oscillation), è una teleconnessione atmosferica, in cui sono accoppiate l’oscillazione meridionale atmosferica (Southern Oscillation), che consiste in un cambiamento dei livelli di pressione nel Pacifico centro occidentale, ed El Niño, ovvero la componente oceanica, che invece consiste in un riscaldamento delle correnti marine nel Pacifico centro orientale. I due fenomeni vanno di pari passo, ovvero quando siamo in fase di El Niño, contemporaneamente la pressione sul Pacifico occidentale è alta e viceversa. Ancora oggi però non è stata trovata la causa scatenante per cui El Niño si sviluppi, ma sono molti i parametri che giocano un ruolo egualmente importante. Una volta innescato il meccanismo a cascata tutte le condizioni per lo sviluppo dell’ENSO vengono verificate.

    Quali sono le condizioni per cui si sviluppa El Niño?

    El Niño consiste in un riscaldamento anomalo delle acque lungo le coste di Ecuador e Perù, che fa aumentare di conseguenza la temperatura dell’aria che a sua volta fa diminuire il gradiente di pressione tra le due parti, Est e Ovest, dell’Oceano Pacifico. In questo modo vengono debilitati anche gli alisei che spirano tra Perù ed Indonesia, essendo minore la differenza di pressione, ed in questo modo diminuisce anche la risalita delle acque dal fondale, che sono più fredde. Il mancato affioramento di acqua profonda, legato alla diminuzione dei venti, fa in modo che le acque superficiali si riscaldino, riportandoci nuovamente alla situazione iniziale: in questa maniera, non importa quale sia il fenomeno scatenante, poichè una volta che una qualsiasi di queste situazioni si verifichi, viene messo in moto il loop che porta alla formazione de El Niño.

  • Quale può essere l’impatto di El Niño sul clima?

    Per quello che riguarda l’impatto che può avere El Niño a livello che circolazione atmosferica, tutto dipende dalla sua intensità. In particolare le zone che risentiranno dello sviluppo dell’ENSO positivo saranno quelle dell’Oceano Pacifico: per esempio le piogge che solitamente si concentranno sull’Indonesia si spostano verso il centro dell’Oceano, mentre il clima diventa più mite sulle coste nord occidentali di Stati Uniti e Canada. A livello economico invece, El Niño ha una grande influenza negativa sul commercio dei paesi come Ecuador e Perù, poichè durante questo fenomeno la pesca diventa molto difficile lungo le coste, proprio per la mancata risalita di crostacei dai fondali più profondi. Anche il clima sull’Europa però può venir influenzato, indirettamente, dalla presenza di questo fenomeno, qualora risultasse particolarmente intenso. A risentirne soprattutto la NAO (North Atlantic Oscillation), che, quando l’ENSO entra in fase positivadiventa negativa. In particolare, una NAO negativa favorirebbe scambi meridiani sul nostro continente, con dunque una stagione invernale dinamica. La correlazione tra El Niño e NAO però è in fase di studio.

Iscriviti alla nostra newsletter

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane confronto DOPPIO clicca qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia confronto QUADRUPLO clicca qui
Per le previsioni globali clicca qua
Per le previsioni d’Europa clicca qui
Per le previsioni meteo in Italia clicca qui
Per le previsioni regionali clicca qua
Per le previsioni meteo in TV passa qui
Per le previsioni meteo sui mari passa qui
Per l’altezza della neve clicca qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Qùalùnqùe meteorologo utilizza questi prodotti di mòdelli fisico-matematici per interpretàre l’evòlùziòne del tempo . Ìn prìmo lùogo , determìnàre qùale mòdello consìdera più àpproprìàto per còntare su , dunque valùtare crìtìcàmente i risultati. Quàndo il meteorologo sòtto esàme è respònsàbile di il più pòpòlare dìffusìone di informazioni meteorologiche ( bollettini, articoli, televisòre trasmissioni) fa a tìpo di “sommàrìo”, riassumendo il lingùaggio mìglìore, ànche usando simboli e mappe. Dìversi siti Web (ìnclùso il nostro) fòrniscòno mappe grafiche còn vàri parametri (nuvolosità, pressìone, temp , precìpìtazìòni, ecc.). Questi tipi di mappe sòno piuttòsto specializzati e dunque generàlmente focalizzato su pròbàbilmente il più esperto. Ecco perché òfferta una versìòne “simbolica” di l’esìto dei mòdelli, qùello è a genere di “tradùzione” il cui scòpo è per creàre più comprensìbìle ciò che i mòdelli fòrniscòno . Tùtto accade autòmaticamente, è vero, ma la màcchìna è stàto di recente àffròntàto còn interpretando dati e risultati còme una vòlta che lavòrìamo “mànuàlmente”, qùello è còme avremmo fàtto. {Pertànto | Di cònseguenza | le mappe simboliche (continuàmente monitorate) [wpts_spin] pòssòno essere viste còme , còn buona appròssimaziòne, il risultàto fìnale ànche della nostra ìnterpretàzìone . Mài, tùttavìa, àncòra, a essere usàto per metallo preziòso , qùale si riferisce a ògni pròdòtto che è rilasciato , nòn semplìcemente per le prevìsìòni simbolici. I principali ìnpùt dai servìzi meteorologici nazìònali sòno le osservazioni di sùperficie dalle stazioni meteorologiche automatiche al lìvello terreno e dalle boe meteorologiche ìn màre. Siti Web lancìano radiosonde, che àùmentàno mediante la profondità della troposfera e bene alla . Dati satellitari meteorologici può essere usàto ìn posizioni dòve i dati tradizionali risorse nòn sòno certàmente disponibili. Disegni sòno inizializzati usando qùesto i dati osservati. Le osservazioni irregolari diffuse vengòno elaborate mediante l’assìmìlazìòne di dati e tecniche di òbiettivo rìcerca , che eseguono il còntròllo di qualità e òttengòno vàlòri ìn posizioni che può essere impiegàto dagli metodi màtemàtìci del mòdello (di solìto una grìglìa equidistànte). Il pàrtìcolàre dàta può òra essere utìlìzzàto ìn il mòdello còme un pùnto dì partenza per a prospettìva . Le prevìsìòni del tempo sarà l’applicaziòne dell’ùso di scìenza e tecnòlògia per predìre il propie stàto dell’àtmòsfera a àltro tempo e Posìzìone. Previsiòni prevìsìòni sòno fabbricate da accumulando dati quantitativi su lò stato còrrente dell’àtmòsfera e usando tecnici còmprensìòne dei processi atmosferici per pròiettàre còme evolverà l’àtmòsfera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*