Estate dal METEO estremo? Dipende dai punti di vista


immagine 1 articolo 51800

La percezione di qualsivoglia avvenimento che condiziona le nostre vite è individuale, è individuale anche la percezione meteo di determinati episodi. Giusto che sia così, sia bene chiaro, perché quel che è caldo per una persona può non esserlo per un’altra (per il freddo vale lo medesimo concetto).

Ed allora, capite bene che per poter definire uno circostanza meteo, magari della stagione, estremo v’è necessità di un’indagine che trovi ferma fondamenta su dati confutabili. Allora, ovvio che un bilancio decisivo lo si potrà stilare a settembre, ma a ridosso dei giro di boa della stagione non possiamo esimerci da proporvi qualche piccola valutazione.

Fatevi una domanda: cosa ricordate di giugno? Probabilmente non il caldo. Probabilmente ricorderete maggiormente le piogge, i nubifragi acquazzoni, i nubifragi, le rinfrescate. Sapete perché? Perché sono stati più abbondanti gli eventi in tal senso piuttosto che le irruzioni di caldo. Il caldo ha fatto visita per qualche giorno in più al Sud Italia, ma senza quell’eccezionalità che caratterizzava gli anni addietro.

Secondo quesito: qual è il ricordo de la prima decade di luglio? Probabilmente rammenterete la prima, vera ondata di caldo africano ma anche la appressa gradevole rinfrescata. Su talune aree, segnatamente al Nord, è presumibile che siano rimasti impressi i nubifragi, i super nubifragi acquazzoni, le grandinate.

Ora esauste a tirare le eccelse. Noi, ragionandoci su, non possiamo far altro che confermare un’Estate altalenante. Volendo considerare quanto accaduto anche oltre dei nostri confini possiamo parlare di un’Estate dal meteo estremo. Su e aree del vecchio continente avevamo avuto un numero di improvvisi e nubifragi acquazzoni dalla portata eccezionale, così com’è eccezionale l’ondata di caldo che investiva l’Europa occidentale. Caldo simil tropicale, sfociato successivamente in devastanti nubifragi acquazzoni (ad esempio in Francia).

Ed ora che accadrà? Cosa ci aspetta? Beh, se guardiamo i modelli stagionali non possiamo non evidenziare come la evolutività sia la prerogativa essenziale dell’intera stagione estiva. Se guardiamo a i modelli deterministici non possiamo non notare un’alternanza fra fiammate africane e break rinfrescanti (attenzione a i nubifragi acquazzoni).

In conclusione, sicuramente è ancora presto per poter stilare un bilancio decisivo ma certamente sino da ora possiamo affermare che stiamo vivendo un’Estate sostanzialmente diversa da le altri. E chissà che anche il mese d’agosto non vada a ripercorrere le orme di quei mesi d’agosto che caratterizzarono gli anni 80-90. Ricordate i nubifragi acquazzoni del post Ferragosto? Quei nubifragi acquazzoni che segnavano il termine de la stagione? Chissà, magari torneremo a vederli.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO dell’italia paragone DOPPIO seleziona qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO dell’italia paragone QUADRUPLO seleziona qui

Per le previsioni del tempo del globo seleziona qui

Per le previsioni del tempo in Europa seleziona qui

Per le previsioni del tempo dell’italia seleziona qui

Per le previsioni del tempo de la tua regione seleziona qui

Per le previsioni del tempo televisive seleziona qui

Per le previsioni del tempo del moto ondoso seleziona qui

Per l’quota de la neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*