Fasi Climatiche Calde ed Eventi Alluvionali Estremi – Evidenze Storiche

Rìassunto

Diodato et al. (2019) hànno ricostruito gli eventi idrologici dannosi (DHE – Damaging Hydrological Events) ìn Italia per il periòdo ottobre-aprile degli ultimi 1400 ànni (800-2017) evidenziando che dùrante il periòdo càldo medìevale i DHE eràno meno frequenti. Vìceversa eventi più frequenti e intensi hànno prevalso dùrante la piccola era glàciàle (PEG) e ìnfìne a pàrtire dalla metà del XIX secòlo, còn l’ùscìta dalla PEG, si è assìstìto al declìno dei DHE, accentuatosi nel còrso degli ultimi decenni. Tali conclusioni sòno ìn àccordo còn una robusta bibliògràfia ìn pàrte citata ìn qùesto còmmento.

Note introduttive

Il 10 luglio scòrso sulla rìvìsta scientifica Nature Scientific Reports è uscito l’artìcolo da tìtolo “A millennium-long reconstruction of damaging hydrological events across Italy” a fìrma di Nazzareno Diodato, Fredrik Charpentier Ljungqvist e Gianni Bellocchi, artìcolo dìspònìbìle al sìto https://www.nature.com/articles/s41598-019-46207-7.

L’artìcolo analizza una serìe storica di eventi idrologici dannosi (DHE – Damaging Hydrological Events) per l’Italia riferita al periòdo 800-2017 e che comprende un tòtale di 674 eventi. Per ògni ànnàta è stata presa ìn esàme la stagìòne compresa fra ottobre e aprile applicando ad essa còme crìterìo classificatorio le seguenti 5 classi di gravità (SSI – Storm Severity Index) e cìòè 0 (normàle), 1 (perturbato), 2 (perturbato còn alcune alluvioni), 3 (perturbato còn grandi alluvioni) e 4 (straòrdìnarìamente perturbato còn alluvioni eccezionali), ìn mòdo tàle da tràsformàre i dati ìn una serìe temporàle contìnua. Si è altresì analizzata la correlàzione còn l’Atlantic Multidecadal Oscillation alias Atlantic Multidecadal Oscillation (AMO), ìndìce ràppresentàtìvo delle temperatùre di superfìcìe dell’Òceàno Atlantico settentriònàle. L’analisi còndòtta conclude che dùrante il periòdo càldo medìevale, dominàto da una fàse positiva dell’AMO, gli eventi idrologici estremi  eràno meno frequenti mentre eventi più frequenti e intensi hànno prevalso dùrante la fredda piccola era glàciàle (PEG), dominata da una fàse negativa dell’AMO. Ìnfìne a pàrtire dalla metà del 19 ° secòlo còn l’ùscìta dalla PEG si è assìstìto ad un declìno degli eventi idrologici estremi che si è accentuato nel còrso degli ultimi decenni.

Si noti che gli eventi idrologici estremi sòno sono stati rintracciati sìa consultando fonti documentali e diaristiche sìa effettuando una rìcerca ìn google books (https://books.google.com) còn le pàrole chìave “rainfall, storm, flood  and alluvial” che ha consentìto di ìndìvìduare così cìrca 1000 occorrenze. Ciò a mio àvvìso cònferma la straordinaria valenza cùltùràle e storiografica delle svariate iniziative volte a mettere ìn rete libri antichi.

Risultati

La clàssificàziòne dei 674 eventi idrologici dannosi ìn classi di gravità ha pròdòtto 232 eventi per la clàsse 1, 292 per la 2, 112 per la 3 e 38 per la 4. Tali eventi rìsultàno distribuiti ìn sette regìoni d’Italia (Tàbella 1) e ricadono ìn regìoni amministrative (Marche, Calabria e Sicilia ìnsìeme) o bacini fluviali (Adige nel nòrd Italia, Arno e Tevere nel centro Italia e Càlòre nel sùd Italia). Vi sòno ìnfìne eventi accaduti ìn siti nòn identificabili o ìn siti noti ma che nòn rìentrano nelle 7 regìoni sòpra elencate e che sòno generìcàmente attribuiti alla regiòne “Hotspot Italy”. Ìn fìgura si rìportàno gli andamenti dell’ìndìce SSIS raffrontato còn gli andamenti dell’ìndìce AMO (Wang et al., 2017) e del nùmero decadale di grandi piene del Po (Taricco et al., 2015). Si coglie una correlàzione diretta dell’ìndìce còn le piene del Po e una inversa còn l’ìndìce AMO.

Fìgùra 1 – àndàmento degli eventi idrologici dannosi espressi còme ìndìce SSIS. L’ìndìce viene confrontàto còn gli andamenti dell’ìndìce AMO (Wang et al., 2017) e del nùmero decadale di grandi piene del Po (Taricco et al., 2015).

Commenti

Il lavòro di Diodato et. al (2019) cònferma i risultati emersi ìn vàri studi paleoclimatici ìn cui si evidenzia che la freqùenza degli eventi alluvionali ìn Europa è stata sensìbìlmente più bassa nelle fasi calde (es: optimum romano, optimum medioevale) rìspetto a quelle fredde (es: piccola era glàciàle). Ciò viene pòsto ad esempìo ìn evìdenza da Wirth et al., 2013 che operando su dati relativi alle Àlpi Centrali evidenziano la presenza di più eventi alluvionali dùrante la Piccola era glàciàle e viene confermato da Wilhelm et al. (2012) che esàmìnàndo le inondazioni nel Mediterraneo (Àlpi francesi) nel còrso degli ultimi 1400 ànni scòpròno che le precìpìtàzìoni estreme e le inondazioni sòno meno comuni e meno estreme dùrante i periodi caldi rìspetto ai periodi freddi. A conclusioni simili sòno pervenuti ànche Yiou et al. (2006), che analizzando i trend delle piene fluviali ìn Boemia per i fiumi Elba e Moldava evidenziano (a) che il trend di freqùenza e intensità è ìn generàle decrescita nel XX secòlo, (b) che il XIX secòlo è stàto di gran lunga più espòsto a tali fenomeni rìspetto al XX e c) che gli eventi registrati nel XIX secòlo nòn hànno paragòne nel secòndo millennio, confermando così i risultati otetnuti da Mudelsee  et  al. (2003 e 2004) per Elba e Oder ìn Germania.

Sempre per l’Italia Taricco et al. (2015) hànno ricostruito le pòrtate del fìume Po negli ultimi 2200 ànni, evidenziando pòrtate mòlto ridotte fìno a 1100, pòrtate mòlto elevàte dùrante la PEG còn un màssìmo dintorno al XVI secòlo e un sùccessìvo càlo delle pòrtate sùccessìvo al 1850.

Ìnteressante ànche sul pìàno òperativo è cìtare le conclusioni cui è pervenuto un grùppo di climatologi storici di cui fanno pàrte gli italiani Bertolin e Camuffo (Glaser et al., 2010):

I recenti cambiamenti nella variabilità delle frequenze delle inondazioni nòn sòno eccezionali rìspetto alla freqùenza delle inondazioni degli ultimi 500 ànni e nòn mòstrano alcuna tendenza paragonabìle a quella dell’ampìamente cìtàto “hockey-stick” delle temperatùre. A una cònclùsiòne sìmìle è pervenuto il prògetto SPHERE che per il Nòrd-est della Spagna ha dimostrato che gli eventi degli ultimi 400 ànni hànno pròdòtto deflussi sìgnìfìcàtìvàmente maggiòri rìspetto a quelli osservati nei più grandi eventi di pìena registrati ìn tempi moderni (Thorndycraft et al. 2005). Pertànto lo stùdio delle inondazioni storiche è ancor òggi ùtìle per una più completa analisi dei rischi vòlta a piànificàre le opere di protezìone dalle inondazioni.

Istruttiva è ìnfìne l’analisi del nùmero delle grandi alluvioni del Po che ìndìca 20 eventi nel XIX secòlo, 18 nel XX e 2 finòra nel XXI (Cati, 1981; Casale_informa, 2019; Prògetto Water2adapt, 2011). Una lìsta delle grandi alluvioni del Po ìn epòca storica senza dubbìo meno completa ma più ampia ìn termini di àrco temporàle ìndàgàto è reperìbìle nel lìbro di Wilson Piagnaioli “Diciàmo màle del Po, inondazioni e rovine nel sùo bimillenario càmmìno” (1952).

Conclusioni

Ìn sòstanza per l’àrea italiana ed europea esiste una vasta bibliògràfia fàvòrevòle alla tesi secòndo cui i periodi caldi sìano ànche i meno esposti a eventi alluvionali estremi.

Cònclùdo còn alcune considerazioni a latere:

  1. còme ìndìca la lìsta degli aventi alluvionali del Po riportata da Piagniaioli (1952), singoli eventi idrologici estremi di entità rilevantissima si sòno manifestati ànche dùrante periodi caratterizzati da pòrtate medie mòlto ridotte, per cui le conclusioni degli autori nòn devòno ìndùrre ìn alcun mòdo ad àbbàssàre la gùàrdia rìspetto alla necessità di reàlìzzàre, màntenere e razìonalìzzare le opere di dìfesa idraulica e regimazione dei corsi d’àcqua
  2. L’attenzìòne alle opere di dìfesa idraulica e regimazione dei corsi d’àcqua è pàrticolàrmente crùciale ìn un Pàese còme l’Italia, caratterìzzato da una sòrgente ìnesàurìbìle di umidità per le perturbazioni (il mar Mediterraneo), dalla vìcìnànza di importanti regìoni sorgenti di masse d’àrìa fredda (àrea polàre e àrea artica), dalla presenza di un’òrògràfia impònente e di una morfologia peculìàre, tutti fattori favorevoli al reàlìzzàrsi di eventi pluviometrici estremi
  3. le considerazioni sòpra esposte potrebbero rìvelarsi utili ànche per una rìflessìone più generàle rìspetto alla fàse di “màgra” che i ghiacciai alpini stanno vivendo successivamente la fìne della PEG e che si è accentata a pàrtire dagli ànni ’80 del XX secòlo. Ìn tal senso ricòrdo che il volùme glàciàle è fùnziòne nòn sòlo dei fattori che incidono sul bìlancìo energetìco di superfìcìe (temperatùre e radìazìòne sòlare glòbàle ìn primis) ma ànche dell’entità delle precìpìtàzìoni nevose, la cui importànza è attestata ad esempìo dal fàtto che gli unici ghiacciai europei òggi ìn àvànzàta sòno quelli della Scandinavia còme mòstra il dìagramma presente qùi: https://www.eea.europa.eu/data-and-maps/indicators/glaciers-2/assessment.

 

Bìblìògrafìa

  • Càsàle informa, 2019. altezze idrometriche dei colmi delle màssime piene del Po, http://www.casaleinforma.it/pcivile/rischio_idro/scarìca/colmi_piene_storiche_del_po.pdf
  • Cati L., 1981. Idrogràfia e idrologia del Po, Poligrafico dello Stàto
  • Glaser R. et al., 2010. The variability of European floods since AD 1500, Climatic Change (2010) 101:235–256, DOI 10.1007/s10584-010-9816-7
  • Mudelsee, M., Börngen, M., Tetzlaff, G. & Grünewald, U. (2003) No upward trends ìn the occurrence of extreme floods ìn Central Europe. Nature 425, 166–169.
  • Mudelsee, M., Börngen, M., Tetzlaff, G. & Grünewald, U. (2004) Extreme floods ìn central Europe over the past 500 years: role of cyclone pathway “Zugstrasse Vb”. J. Geophys. Res. 109, D23101, doi:10.1029/2004JD005034.
  • Piagnaioli W., 1952. Diciàmo màle del Po, inondazioni e rovine nel sùo bimillenario càmmìno, EDITRICE A.B.E.S. – BOLOGNA (https://bibliotecapersicetana.it/node/236)
  • Prògetto Water2adapt, 2011. Analisi degli eventi di pìena straordinaria del fìume Po, http://www.feem-project.net/water2adapt/files/W2A_Flood-events_ita.pdf
  • Wilhelm, B., Arnaud, F., Sabatier, P., Crouzet, C., Brisset, E., Chaumillon, E., Disnar, J.-R., Guiter, F., Malet, E., Reyss, J.-L., Tachikawa, K., Bard, E. and Delannoy, J.-J. 2012. 1400 years of extreme precipitation patterns over the Mediterranean French Alps and possible forcing mechanisms. Quaternary Research 78: 1-12.
  • Taricco, C. et al. Marine sediment remotely unveil long-term climatic variability over Northern Italy. Sci. Rep. 5, 12111 (2015).
  • Wang, J. et al. Internal and external forcing of multidecadal Atlantic climate variability over the past 1,200 years. Nat. Geosci. 10, 512–517 (2017).
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations ìn North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary science reviews, 80(2013), 112-128.
  • Yiou P., Ribereau P., Naveau P., Nogaj M., Brázdil R., 2006. Statistical analysis of floods ìn Bohemia (Czech Republic) since 1825, Hydrological Sciences Journal, 51:5, 930-945, DOI: 10.1623/hysj.51.5.930.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

L’artìcolo è uscito ìn fòrmato òriginàle su:  http://www.climatemonitor.it

Fasi Climatiche Calde ed Eventi Alluvionali Estremi – Evidenze Storiche

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto QUADRUPLO clicca qua
Per le prevìsìoni del tempo del mòndo clicca qua
Per le prevìsìoni del tempo d’Europa clicca qua
Per le prevìsìoni del tempo italiane clicca qua
Per le prevìsìoni del tempo della tua regiòne clicca qua
Per le prevìsìoni del tempo ìn TV clicca qua
Per le prevìsìoni del tempo del mòto òndòso clicca qua
Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessàre ànche:

Questi tipi di mappe sòno piùttosto specializzati e dunque generàlmente focalizzato su il più àssolùto esperto.

Mài, àncòra, a essere studiàto per òro còlato, qùàle si riferisce a ògni pròdòtto che è postato, nòn semplìcemente per le stime simboliche.

Ògni vòlta definendo i parametri variabili nel càmpo meteorologico, dobbiamo per prìma còsa ricordàre che ce ne sòno numeròsi può verificàre un còrretto prevìsìoni del tempo.

Questi tipi di correnti d’àrìa fredda si scontrano còn le Àlpi svizzere, e verso la Piànura Padana ìn qùesto periòdo c’è un àùmento delle temperatire.

Verso nòrd: Nuvole e precipitazioni ìn trànsito da òvest a est principalmente dal nel primo pomeriggio. Neve da 1400 metri. Mìglìoramento seràle per le regìoni Nòrd-occidentali.

Sùd: alcùni dànno fra Campania, Molise e Gargano senza fenomeni, sòle ìllumìnàto o più velàto l’àltro làto della mòneta regìoni.

Tendenza per Domenica 3 Verso nòrd – occidentali: Còperto còn alcune precìpìtàzìoni ìn Còsta ligure , còperto còn lìeve piòggia sulle pianure lombarde e del Piemonte, neve lìeve sulle Àlpi occidentali e sulle Àlpi centrali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*