Fiume di fango a Maiorca: 9 morti e diversi dispersi

Una brutale ondata di cattivo tempo si è abbattuta su le Isole Baleari dal nel primo pomeriggio di ieri, causando un’alluvione lampo nella regione di Maiorca, come vi abbiamo mostrato in questo articolo. 

 

La caduta di oltre 200 millimetri di pioggia in poco tempo ha provocato l’esondazione di corsi d’acqua, fra i centri abitati di Sant Llorenc, Artà e S’Illot. Le strade sono diventate in poco tempo fiumi di acqua e fango, che hanno

travolto nella sera di ieri decine e decine di automobili, certe anche con persone a bordo. 

 

 

Stando a gli ultimi aggiornamenti da fonti spagnole, il bilancio è arrivato a 9 morti e purtroppo vi sono

ancora diversi dispersi, per così si tratta di una stima che potrebbe ulteriormente aggravarsi con il passare delle ore. 

 

Circa 300 operatori dei servizi di emergenza, de la Guardia Civil, dei vigili del fuoco, de la polizia locale e de la Protezione civile, sono al lavoro nell’area colpita cercando di aiutare le persone intrappolate e individuare i dispersi.

 

La perturbazione di origine atlantica responsabile di questa forte ondata di cattivo tempo in Spagna e su le Baleari si dirige ora verso l’Italia.

 

 

 

 

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione DOPPIO seleziona qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione QUADRUPLO seleziona qui
Per le previsioni del tempo del globo seleziona qui
Per le previsioni del tempo d’Europa seleziona qui
Per le previsioni del tempo in Italia seleziona qui
Per le previsioni del tempo de la tua regione seleziona qui
Per le previsioni del tempo televisive seleziona qui
Per le previsioni del tempo del moto ondoso seleziona qui
Per l’quota de la neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*