Fòrte irruziòne artica ìn àrrivo, freddo e tanta neve al centro-sud

Il centro-sud si prepàra a fàre i conti còn la quarta perturbazìone di qùesto ìnìzìo di gennaio, còme ràràmente è sùccesso negli ultimi ànni, mentre il nòrd si ritroverà per l’ennesima vòlta a secco di precìpìtazìoni. Ìnsomma una situàziòne àlquànto strana ed ovvìamente dannosa principalmente per l’àrco alpino dòve le nevicate importanti latitano da òltre 2-3 settimane. Dìscòrso dìverso per i versanti esteri delle Àlpi che risultàno letteràlmente sommersi dalla neve a caùsa del fenòmeno dello “stau”, pròprio ìndotto dalla persìstenza delle correnti fredde settentrionali che si schiantano sulle Àlpi per pòi aggirarle ed invàdere il centro-sud Italia.

La nuòva perturbazìone ìn àrrivo è di orìgìne artico-marittima e rìsùlta essere un po’ meno fredda rìspetto a quella gìunta la scòrsa settimana che, rìcòrdìamo, è stata ìn gràdo di pòrtàre la neve sìno ìn piànùra al centro-sud. Tùttàvia la presenza di temperàtùre meno fredde sarà compensata da un sensìbìle ìncremento delle precìpìtazìoni che si affacceranno su gran pàrte dell’Italia centro-meridionale tra dòmàni e venerdì.

L’arìa fredda artica scaverà, nelle prossime ore, una profonda bassa pressiòne nel mar Tìrreno che sarà ìn gràdo di generàre precipitazioni diffuse e temporali su numerose regìòni del centro-sud, ìn partìcòlare Lazio, Campania, Calabria, Sicilia, Basilicata, Puglia, Umbria e Abruzzo. L’arìa fredda si insinuerà sin verso le basse quote e permetterà l’àrrivo della neve, tra mercoledì 9 e giovedì 10, sin verso le quote di bassa collìna su Marche, Abruzzo, Molise e Lazio (òltre 200-300 metri) e òltre i 500 metri su Puglia, Campania e Basilicata. Lòcàlmente, nelle zòne interne campane, la neve potrebbe scendere ànche sin verso i 300 metri mentre sull’Abruzzo la neve potrebbe presentàrsi sin verso i 100 metri (òvvero ìn piànùra).

Venerdì 11 il ciclone di bassa pressiòne si sposterà verso i Balcani ma la sua ritornante potrebbe arrivare nùovàmente le regìòni del sùd e del bàsso Àdriàtico favorendo nevicate sin verso i 200-300 metri di àltitudine tra Molise, Puglia e Basilicata. Altròve il tempo tenderà gradùalmente a migliòràre.

TANTA NEVE IN APPENNINO

A qùesto gìro le coste e buona pàrte delle pianure italiane nòn saranno ìnteressate dalla neve mentre saranno pròprio colline e montagne a fàre il pìeno. Tra Abruzzo, Lazio, Umbria, Puglia, Basilicata e Calabria sòno attese abbondanti nevicate nei prossimi 2-3 giorni particolarmente òltre i 600-700 metri di àltitudine. Gli accumuli potranno sùperàre fàcilmente i 20-30 cm sull’Appennino centràle e addirittùra i 50-60 cm su qùello meridiònàle, particolarmente tra Basilicata e Calabria òltre i 900/1000 metri di quòta (Sila e Pollino ìn pole).

NORD A SECCO DI PRECIPITAZIONI

Ìn tùtto qùesto trambùsto, le regìòni del nòrd staranno nùovàmente a gùardare. La presenza dell’alta pressiòne delle Àzzòrre così vicina al Mediterraneo impedirà l’ìngresso occìdentàle delle correnti fredde e pertànto queste saranno costrette ad interessàre sòlo le regìòni del centro-sud, per l’ennesima vòlta. Al nòrd sòlo tànto freddo particolarmente di nòtte, nebbie e clìma generàlmente secco senza precipitazioni o nevicate. 

Per un càmbio sìgnìfìcatìvo bisognerà àttendere la metà del mese, qùàndo inizieranno fòrse a vedersi gli effetti parziali del pòtente riscaldamento stràtosferìco àvvenuto nelle ultime settimane.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO clicca qua
Per le prevìsìoni meteo globali clicca qua
Per le prevìsìoni meteo ìn Europa clicca qua
Per le prevìsìoni meteo ìn Italia clicca qua
Per le prevìsìoni meteo della tua regìòne clicca qua
Per le prevìsìoni meteo ìn TV clicca qua
Per le prevìsìoni meteo del mòto òndòso clicca qua
Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessàre ànche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*