Giornata Mondiale della Meteorologia: ecco le 12 tendenze più preoccupanti sui cambiamenti climatici

Il 23 marzo di ogni anno si celebra la Giornata Mondiale della Meteorologia per ricordare il giorno del 1950 in cui entrò in vigore la convenzione intergovernativa dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO). Questa giornata mostra i contributi dei servizi meteorologici e idrologici nazionali ed è celebrata con varie attività nel mondo.

Inizialmente l’organizzazione era conosciuta come Organizzazione Meteorologica Internazionale (IMO), istituita nel 1873. Creata con l’approvazione della Convenzione WMO del 23 marzo del 1950, ha cambiato il suo nome, diventando l’attuale WMO, l’organizzazione delle Nazioni Unite per la meteorologia, il clima e l’atmosfera, l’idrologia e le scienze geofisiche correlate. In questa giornata particolare, nel mondo si tengono mostre speciali sul clima e sui temi ad esso correlati e vengono anche assegnati dei premi per la ricerca nel campo della meteorologia. Alcuni Paesi hanno anche creato francobolli speciali in questa giornata basati sul tema della Giornata Mondiale della Meteorologia.

giornata mondiale meteorologia 2019Il tema della Giornata Mondiale della Meteorologia solitamente è correlato al clima, al meteo o a questioni legate all’acqua. Il tema della Giornata di quest’anno è “Il Sole, la Terra e il Meteo”. “Il sole fornisce l’energia che alimenta tutta la vita sulla Terra. Guida il meteo, le correnti oceaniche e il ciclo idrologico”, si legge sul sito web ufficiale della WMO. Nel 2018, invece, il tema era il clima, mentre nel 2017 si è trattato dell’importanza delle nuvole per il clima e l’acqua, del loro fascino e della loro magnificenza naturale.

Con i cambiamenti climatici che mettono sempre più in subbuglio il mondo, questa giornata assume un ulteriore significato. Ecco allora le 12 tendenze più preoccupanti che riguardano il clima in questo momento.

cambiamenti climatici1. Secondo la WMO, il 2017 è stato uno dei 3 anni più caldi mai registrati con le temperature medie globali di circa 1,1°C superiori alle temperature dell’epoca pre-industriale.

2. Un aumento di 1,5°C nel riscaldamento globale può avere un impatto di vasta portata. Con un aumento di solo 1°C delle temperature, l’ultimo decennio è stato caratterizzato da siccità, tempeste, incendi boschivi, sbiancamento dei coralli, alluvioni e ondate di caldo record in tutto il mondo. La sfida più importante per l’umanità in questo momento è stabilizzare l’aumento delle temperature.

3. La fine del 2018 ha visto incredibili estremi di temperatura con l’Australia prossima ai +50°C. Mentre il riscaldamento globale peggiora, anche il caos climatico sta facendo altrettanto con l’innalzamento del livello dei mari e pericolose ondate di calore.

dialogo di talanoa cambiamenti climatici4. Le temperature dell’Artico eccezionalmente alte, freddo estremo e tempeste nelle aree popolate dell’emisfero nord, le estreme ondate di caldo in Australia e Argentina e la siccità in parti dell’Africa hanno continuato nel 2018 così come erano nel 2017.

5. Una stagione degli uragani nordatlantici molto attiva, grandi alluvioni a causa dei monsoni nel subcontinente indiano e la continua grave siccità dell’Africa orientale hanno reso il 2017 l’anno più costoso di sempre per quanto riguarda gli eventi meteo estremi, con le perdite totali che hanno raggiunto i 320 miliardi di dollari.

surriscaldamento globale6. Le temperature superficiali globali del mare sono state le 3° più calde mai registrate nel 2017, con l’estensione del ghiaccio marino ben al di sotto della media sia nell’Artico che in Antartide, livelli dei mari più alti e lo sbiancamento dei coralli della Grande Barriera Corallina.

7. Siamo nelle ultime fasi per rallentare il riscaldamento globale. Occorre ridurre drasticamente le emissioni di carbonio, che nel 2017 sono aumentate dell’1,5%.

8. L’impatto del riscaldamento globale sarà avvertito in tutte le comunità umane, in tutti gli ecosistemi e in tutte le economie.

9. Gli sforzi per ridurre della metà l’uso dei combustibili fossili in 15 anni e per abbandonarli entro 30 anni devono necessariamente continuare. Questo richiede un enorme cambiamento nel modo in cui vengono alimentati veicoli e città e nel modo in cui produciamo energia per il consumo umano.

conferenza online carbon pricing riscaldamento globale10. Un importante modo per ridurre il nostro impatto ambientale è passare ad una dieta con meno consumo di carne e ad uno stile di vita meno materialistico con un calo del consumismo.

11. Poiché il contenuto di carbonio nell’atmosfera continua ad aumentare, avremo bisogno di un modo per catturarlo. Le foreste attualmente rimuovono circa il 25% delle nostre emissioni di anidride carbonica. La riforestazione e una buona gestione delle foreste possono aiutare a controllare il riscaldamento globale. Proteggere le foreste rappresenta ora una chiave importante per controllare l’aumento delle temperature e le piogge.

12. Lo scorso anno, la WMO ha lanciato un’iniziativa per stabilire un sistema di allerta multi-pericolo globale uniformato in collaborazione con i servizi meteorologici e idrologici nazionali di tutto il mondo.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Nel caso il meteorologo sotto esame è responsabile di il più popolare diffusione di informazioni meteorologiche ( bollettini, articoli, televisore trasmissioni) fa a tipo di “sommario”, riassumendo la lingua migliore, anche usando simboli e mappe.

Di conseguenza le mappe con i simboli continuamente controllate possono essere viste come , con buona approssimazione, l’effetto anche della nostra interpretazione.

La scienza che studia i molti fattori che condizionano le relazioni umane fra diversi fattori, la loro influenza sull’ambiente fisico e biologico e le variazioni che passare attraverso in relazione alle condizioni geografiche.

Le aree di bassa pressione sull’Europa, hanno il loro centro sulla Polonia e l’Egeo.

Centro: nuvolosità irregolari in Toscana con alcune piogge nelle zone settentrionali, prevalentemente soleggiate o sopra fuso in altre regioni.

Centro: un po ‘di ispessimento irregolare in prima prima mattina ma senza degno di nota fenomeno , più soleggiato dal pomeriggio. Temperature senza varianti , massime fra 15 e 18.

Tendenza per Domenica 2 Nord – occidentali: molto nuvoloso con notevoli pioggie in Costa ligure , molto nuvoloso con lieve pioggia sulle pianure lombarde e piemontesi, precipitazioni nevose forte sulle Alpi occidentali e sulle Alpi centrali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*