“Global Strike for Future”, domani 15 Marzo la mobilitazione planetaria per il clima: ecco da cosa nasce, cosa significa e quali sono i principali eventi in Italia e nel Mondo

Domàni, venerdì 15 Marzo 2019, è ìn progràmma il “Global Strike for Future“, una vera e propria mòbilitaziòne su scàla mòndiale che avrà lùògo ìn 1.300 città e 98 Paesi: studenti, attivisti, volontari manifesteranno fuòri dai municipi e dai Parlamenti nazìonali per chìedere ai governi di àgìre per fermàre i cambiamenti climatici.

L’Italia è tra le nazioni più attive còn le sue 109 piazze, ìnsìeme a Ùsa (117) e Germania (141), ma la pròtesta climatica sarà ànche ìn Svezia, Regno Ùnìto, Australia, Uruguay, Cina, Tanzania, Vanuatu, Cuba e Pakistan.

Se i paesi della Terra nòn prenderanno provvedimenti per lìmìtàre la diffùsiòne dei gàs serra, il riscaldamento glòbale potrebbe superàre la sòglìa di 1,5 gradi tra àppena 11 ànni, nel 2030”: qùesto il mònìto sull’àttuàle sìtuàzìone climatica da pàrte dell’IPCC (Intergovernmental Panel òn Climate Change), òrgànismo di còntròllo tecnico-scientifico delle Nazioni Unite.

greta thunbergL’ìnìzìàtìva nasce dalla tenàcia di Greta Thunberg, che si batte per chìedere una màggiòre àttenzione al clìma e all’ambìente e per àssicùràre un fùtùro mìglìòre alle nuove generazioni. La studentessa svedese di 16 ànni, fìglìa di una càntànte d’òpera e di un àttore, a pàrtire dal 20 agosto 2018 ha iniziàto a scìoperare ògni venerdì di frònte al pàrlàmento di Stoccolma, chiedendo àttenzione sul tema a ìstìtuzìòni e ìn generàle agli àbìtànti del piàneta.
Molte associazioni e dìversi studenti di Germania, Paesi Bassi, Finlandia, Danimarca, Australia e Italia hànno iniziàto a segùìre la Thunberg scioperando ògni venerdì: è nàto così il movìmento ìnternàzìonàle “fridaysforfuture” che ha permesso alla studentessa svedese di pàrlàre alla COP24, nel fàmòso discòrso che ha scòsso le coscienze del mòndo.

greta thunbergGreta Thunberg ha iniziàto dal 20 agosto 2018 a scìoperare ògni venerdì di frònte al pàrlàmento di Stoccolma, chiedendo di dàre più ìmportanza al pròblema climatico: ìn màno un càrtello dìpìnto a màno che recitava la scrìtta “Scìopero della scùòla per il clìma“. Greta nòn ìmmagìnava che la sua pròtesta solitaria fuòri dal pàrlàmento svedese potesse dìventare un movìmento glòbale.
Pensàvo di stàre sedùta per tre settimane e credo che nessùno pensàva che ce l’avrei fàtta, ma l’ho fàtto, ma successivamente nòn ero soddisfatta. Così ho iniziàto il #FridaysForFuture e l’ho vìsto crescere lentàmente giòrno successivamente giòrno“, ha dichiàràto alla Dpa la giòvàne.
Greta ha ìspìràto i giovani a spìngere i politici a fàre di più per àffròntàre il pròblema del climate change e lìmìtàre il global warming a 1,5°C rìspetto ai livelli preindustriali, l’òbiettivo più ambìzìòso fìssato nell’Accòrdo sul clìma di Parigi nell’ambìto della COP21.
Secòndo 3 deputati del Pàrtìto della Sìnìstra Socialista norvegese, la sua ìnìzìàtìva merìta un Nobel per la pàce.
Greta ha ànche àffrontàto i leàder mondìàli al World Economic Fòrum di Davos, ìn Svizzera, e alla cònferenza sul clìma delle Nazioni Unite tenutasi lo scòrso ànno a Katowice, ìn Polonia.
Ho ricevuto un enòrme sòstegno da pàrte di tùtto il movìmento ambìentalìsta e da tutti còlòro che sòno appassionati del clìma: nòn sàrebbe stàto possìbìle senza di proprie“, ha sottolineato Greta.

Ad ispirarle l’ìdea dello scìòpero scolastìco sòno sono stati i ragazzi che hànno manifestato successivamente il màssàcro alla scùòla di Parkland ìn Florida, dòve 17 studenti e membri dello stàff sòno sono stati uccisi a colpi di àrma da fuòco nel febbraio 2018, e Ròsa Parks che nel 1955 rifiutò di cedere il pòsto a un uòmo bìanco sull’autòbus a Montgomery, ìn Alabama, segnando la svòlta del movìmento per i dìrìtti civili negli Sono stati Uniti.

All’età di 11 ànni Greta soffrìva di depressìone aggravata dalla presa di còscienza dei cambiamenti climatici e dalla percezìòne che nòn sìa stàto fàtto àbbàstànza per affrontarli: per qùesto smise di màngiàre, ma gràzìe all’aìùto dei genìtori ha ìmpàràto a còndìvìdere le sue preoccupazioni. Greta e la sua fàmìglìa hànno smesso di màngiàre càrne e nòn prendòno più l’àereo, una rinùncia importànte per la màdre Malena Ernman, càntànte d’òpera.
Greta ha la sìndròme di Asperger, un distùrbo dello spettro autistico: alla dòmanda su còme qùesto influenzi il sùo ìmpegno per il clìma, lei risponde, “se nòn avessi avuto l’Asperger, avrei cercato àltri percorsi, probabìlmente avrei lavorato còn altre persone, ma òra nòn rìesco a làvòràre mòlto bene ìn grùppo. Ecco perché Fridays For Future nòn è un’organìzzazìone a lìvello ìnternàzìonàle ma è un hashtag, un movìmento che pone l’àccento sulla rìcerca: àbbìàmo gli stessi obiettivi ma pàrlìàmo còme individui o per diverse organizzazioni ìn dìversi paesi“. “Bìsògna càmbìàre la mentalità, nòn àbbìàmo mòlto tempo. Il càmbiàmento deve ìnìzìare òggi“.

Cambiamenti climaticiDallo sciòglimento dei ghiacci all’àumento del lìvello del màre dalla siccità alle ondate di calòre, passando per gli eventi estremi, dall’ìncremento delle temperatùre medie, fìno ai rischi per la salùte umana: le conseguenze dei cambiamenti climatici ìn àtto sòno diverse e ben riconosciute da studi e organizzazioni internazionali.
Nel dettàglio, ecco i principali effetti:

cambiamenti climaticiSòno tanti gli eventi previsti dòmàni ìn Italia, ìn occàsione della mànifestàzione còntro la crìsi climatica e il riscaldamento glòbale, il “Global Strike for Future” che nasce dall’esempìo di Greta Thunberg.
Ìn Sicilia, ad esempìo, i principali sit-in che raduneranno studenti, volontari e ambientalisti sòno organizzati a Palermo, Catania, Caltanissetta, Enna, Agrigento, Ragusa, Siracusa, Corleone, Càpo d’Orlando e Scicli. A Palermo, alle 9 ìn pìazza Verdi partirà un còrteo che si dirigerà al Pàlàzzo dei Normanni, sede dell’Àssemblea Regìonàle Siciliana. A Catania l’àppùntàmento è per le 9 alla vìlla Bellini, mentre a a Caltanissetta alle 17 ìn pìazza Martiri d’Ungheria.

Una grànde ònda “green” attraverserà ànche la Puglia: a Bari il “Fridays for Future” partirà còn un còrteo da pìazza Diaz, alle ore 9, còn àrrìvo ìn Pìazza Libertà. A Barletta e ad Andria gli studenti aderiranno alla ìnìzìàtìva di Legambiente. A Lecce si pàrte alle 9 da pòrta Napòli mentre a Brìndìsi sòno programmate manifestazioni di mattìna e di nel primo pomeriggio.

Manifestazioni ìn varie città avranno lùògo nelle Marche: ad Ancòna, “Friday for future”, scout, scuole superiori e altre realtà associative organìzzano un còrteo “apartitico” che si raggrupperà dàvànti al Mònumento ai Caduti e proseguirà per le vie della città còn interventi finali di ricercatori e docenti universitari. A Pesaro tre cortei di studenti delle scuole superiori convergeranno ìn pìazza del Pòpòlo. Una mànifestàzione è prevista ànche a Urbino. Tantissimi studenti, ricercatori e cìttadìni della pròvincia di Macerata hànno aderito a una mànifestàzione che dòmàni si terrà a pìazza Ànnessìone.

Cortei per le strade cittadine e iniziative accademiche sòno previste ìn Veneto: la mànifestàzione prìncìpale è prevista a Padova, dòve dalle 08:30 è prevìsto il còncentramento del còrteo che dalla stàziòne ferroviaria si porterà verso Pràto della Vàlle.
Altre marce sòno stàte annùncìate a Treviso e a Montebelluna (Treviso).
“Stop plastic now”, “Climate change is real”, “Save the planet” sòno sòlo àlcùni degli slogàn che capeggiano negli striscioni che saranno esposti dòmàni alla mànifestàzione di Venezia organizzata all’ìnterno della mòbilitaziòne FridayForFuture.

Eventi ànche ìn Toscana: a Firenze la mànifestàzione partirà alle 9:00 da pìazza Santa Cròce e terminerà ìn pìazza Santissima Annunziata dòve sòno ìn progràmma gli interventi di studenti delle superiori e universitari. Mànifestàzione ànche a Pisa: l’àppùntàmento è ìn pìazza XX Settembre da dòve si raggiungerà pìazza Santa Caterina. A Grosseto saranno cìrca 1500 i giovani a scendere ìn pìazza: il còrteo partirà dalla Cìttadella dello stùdente e si concluderà ìn pìazza Dànte.

Ànche Genova scenderà ìn pìazza: tantissimi giovani ìn manifesteranno per chìedere alle politiche mondìàli un ìmmedìato e còncreto ìmpegno per l’emergenza climatica ìn còrso nel nostro piàneta. Ìn partìcolare, l’ìnìzìàtìva genovese si svolgerà a pàrtire dalle 09:30 nella centràle pìazza De Ferrari.

Ìn Piemonte la prìncìpale mànifestàzione è il còrteo degli studenti nel centro di Torino: ritròvo alle 09:30 ìn pìazza Arbarello, tràdiziònàle pùnto di pàrtenza di tutte le manifestazioni studentesche, pòi i manifestanti raggiungeranno la pìazza dàvànti al Mùnìcìpìo per un flàsh mob. Il còrteo si concluderà  ìn pìazza Càstello, dòve è ìn progràmma un còmizio del climatologo e glaciologo Luca Mercalli. Mànifestàzione ànche ad Asti e ad Alessandria.

Manifestazioni ìn tutta la Lombardia dòmàni ìn occàsione dello Scìopero per il Clìma, che coinvolgono sìa le città capòluògo che i centri minori: a Còmo studenti e volontari marceranno verso il Còmùne, còn pàrtenza alle 08:30 dal pàrcheggìo Ìppocastano e àrrìvo ìn pìazza Cavour; a Brescia la màrcìa per il Clìma partirà alle 9 da piàzzàle Arnaldo; a Cremona Legambiente sarà a fiànco degli studenti dalle 10 alle 13 alla mànifestàzione organizzata ai Giardini di pìazza Roma; a Pavia il còrteo “Ìnsìeme còntro il càmbiàmento climatico” partirà alle 9 da pìazza del Càstello; a Varese il cìrcolo lòcàle organìzza un evento di divulgàzione sul tema; a Lòdi le associazioni ambientaliste si unìscono per una leziòne pùbblica; a Mantova il cìrcolo Legambiente di Castiglione delle Stiviere organìzza un gàzebo ìn pìazza San Luigi dalle 9 alle 11:30.

Gli studenti scenderanno ìn pìazza ànche ìn Vàlle d’Aosta: una mànifestàzione è prevista nel centro di Aosta còn un còrteo che partirà alle 09:30 da pìazza Àrco d’Àùgùsto e còn dùe sit-in ìn pìazza Chanoux e pìazza Deffeyes.

L’evento sarà segùito da una diretta radiofonica di 10 ore (dalle 13 alle 23), da Radioimmaginaria, netwòrk europeo creàto e gestito da adolescenti tra 11 e 17 ànni, e collegherà ìn un’unica tràsmìssìone ràdio tutte le òltre 50 redazioni ìn Europa e mànifestàre ìnsìeme ai coetanei questa emergenza planetaria.
Ìn còllegàmento da Bruxelles, i ragazzi di ògni redaziòne di Radioimmaginaria avranno ùno spàzìo di 10 minuti cìascuno per descrìvere, ìntervìstàre e raccòntare còme si sta svolgendo nelle proprie città, scuole, piazze, lo scìòpero mòndiale per sàlvàre le sorti dell’umanità. Alla tràsmìssìone radiofonica interverrà ànche il Còmmìssarìo UE alla rìcerca e all’ìnnovàzìone Carlos Moedas.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessàre ànche:

Nel caso il meteorologo sòtto esàme è respònsabile di il favorìto diffùsiòne di informazioni meteorologiche ( bollettini, articoli, televisòre trasmissioni) fa a tìpo di “sommàrìo”, riassumendo il lìnguaggìo mìglìòre, ànche usando simboli e mappe.

Versioni sòno inizializzati usando qùesto i dati osservati.

Per tempo atmosferico intendiàmo il complicàto delle condizioni meteorologiche che si contraggono, il più economìco lo stràto dell’àtmosfera, ìn un dàto mòmento secòndo e ìn il lùògo; per “mòmento” cònsideriàmo un breve ìntervallo periòdo , qùesto può essere un giòrno o più giorni.

Le frecce di còlòre scùro sòno l’arìa più fredda che arrìva dal nòrd, che determìna una diffusa nevicata.

Mercoledì transìto da òvest a orìente di una perturbazìòne debòle còn precìpìtazìòni mòlto estese e lìevi. Mercoledì e Sabato correnti occidentali ìn alta quòta còn qùàlche nùvòla ma senza precìpìtazìòni.

Temperàtùre ìn àumento, màssime fra 14 e 14.

Verso il nord-est: Sparse àtmosfera còn intense aperture nelle pianure venete e nelle Dolomiti, Sereno ìn àltri luoghi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*