I passi dell’AUTUNNO: altro CALO dell’ITCZ, ma ancora non basta…

Perchè l’estate è ancora padrona quasi indiscussa del Mediterraneo? Chiediamolo all’ITCZ…

Un buon metro per provare a comprendere le manovrate dell’alta pressione africana è l’ormai celebrato ITCZ ( InterTropical Convergence Regioni). Si tratta de la area di convergenza intertropicale posizionata mediamente sull’equatore. Qua si ha la convergenza de gli Alisei dell’emisfero artico e la risalita di masse d’aria calda che determinano l’area di instabilità equatoriale, con piogge e forti rovesci.

Questa eventuale linea, chiamata anche equatore climatico, fluttua a nord e a sud a seconda delle stagioni. In estate, fra luglio e settembre, tende ad estroflettersi verso nord di circa 18°/19° sovra l’equatore, in risposta al maggiore o minore vigore de la movimentazione monsonica delle latitudini tropicali.

I suoi movimenti determinano anche lo trasporto verso sud o nord delle alte pressioni subtropicali (che si estendono immediatamente a nord e a sud de la ITCZ), determinando così un forte influsso anche sul tempo di casa nostra.

Una maggior estroflessione dell’ITCZ verso nord facilita le rimonte dell’alta pressione africana verso il Bacino del Mediterraneo e l’Italia. Conseguentemente, in estate, questo parametro diventa basilare per la previsione di una probabile risalita del famigerato “Gobbo”.

La mappa su a sinistra ce lo mostra…così come è disposto in questi ultimi giorni, o meglio come era disposto nella PRIMA DECADE di SETTEMBRE. La linea scura rappresenta la sua quota media, mentre la linea rossa la ubicazione assunta dal 1 al 10 settembre. La linea gialla viceversa di indica come era disposto questo parametro nella decade altro, ovvero fra il 20 e il 30 di agosto.

Cosa notiamo? La linea in questione sta rientrando mediamente, quandanche si mostra ancora estroflessa verso nord nella sua parte centro-occidentale. Da questo deriva la volontà dell’alta pressione di rimontare verso di noi, negando all’autunno le sue prime sortite verso il Bel Paese.

Non è di certo un dramma: molto spesso anche in passato le prime stoccate autunnali si fecero vedere non prima de la terza decade settembrina o ne i primi giorni di ottobre. Conseguentemente il caldo e l’alta pressione hanno spesso interessato il mese di settembre anche in tempi passati, senza scomodare a tutti i costi troppe anomalie.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione QUADRUPLO clicca qua
Per le previsioni del tempo globali clicca qua
Per le previsioni del tempo d’Europa clicca qua
Per le previsioni del tempo in Italia clicca qua
Per le previsioni del tempo de la tua regione clicca qua
Per le previsioni del tempo in TV clicca qua
Per le previsioni del tempo del moto ondoso clicca qua
Per l’quota de la neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*