I racconti di fine anni 70 sull’INQUINAMENTO: impressionante! Documenti storici!

Testi scolastici relativi a la fine de gli anni 70, inizio anni 80 che parlano di ambiente, tempo, salute. Tutto molto interessante ma anche inquietante, perché i testi sembrano scritti ieri e i problemi in quasi 40 anni sono rimasti questi.

Si comincia con il Tevere: “da ogni parte del pianeta si levano voci di allarme per il pericolo che rappresenta per l’umanità l’inquinamento delle acque fluviali e lacustri. Qua l’allarme ci viene dal Tevere ma vale per tutti i corsi d’acqua. Il Tevere non è più un fiume, è un lungo buio fossato di acque morte, che ha finito di agonizzare: metteteci un pesce, sopravvivrà al massimo una settimana, bagnarvisi significa cadere ammalati, pescarvi significa tirar su con le bilance pesci fetidi e topi morti. Prelevare un campione d’acqua fa “saltare” gli strumenti. Tutto il fiume, dalla confluenza con l’Aniene a la foce è una cloaca. Anche il mare, nel punto nella quale lo riceve, è una larga chiazza fangosa di acque di fogna. Così si è reso basilare vietare i bagni sul litorale…”

Si continua con la Basilicata: “è la regione più franosa d’Italia, con gli abitanti spesso indotti ad evacuare interi centri abitati e con l’amministrazione regionale che si fa carico di elevate spese per la manutenzione stradale. La conformazione geologica dei terreni è questa si dice, ma è aggravato dal disboscamento selvaggio ed indiscriminato per far zona a le colture cerealicole. Il taglio del bosco, il miglior bacino naturale di raccolta delle acque, ha portato con sé l’inizio di un intenso processo di erosione del suolo. Quando si verifica un temporale si rimane impauriti in presenza di a la quantità assurda di acqua e fango che precipita in torrentelli e rivoli aggressivi“.

Si prosegue con il Ponte su lo Stretto: “Il ponte su lo Stretto di Messina, così come la galleria sotto il canale de la Manica, appartengono al pianeta dei sogni (la seconda è realizzata N.d.R) non c’è costruttore che non vorrebbe vedere legato il suo nome ad una di queste opere enorme. Del Ponte di Messina ora si è impiegato il Consiglio dei Ministri: sarà davvero la volta buona? Quando potremo vedere l’autostrada del Sole prolungare il suo nastro d’asfalto, superando di un balzo il braccio di mare che separa il Continente dalla Sicilia? Da un secolo si parla di questo straordinario progetto: l’idea del Ponte si scontra ma con i problemi legati a lo stretto che mostra un’ampiezza dai 3 a i 6km, nel tratto nella quale i litorali sono più vicine, ossia fra Ganzirri e Punta Pezzo, la differenza è di 3000metri, la soluzione sarebbe quella di un ponte a solo sbalzo con pile impiantate su le opposte sponde, che sovrasti il mare da un’altitudine di 70metri, ma ponti così non sono mai stati costruiti, occorre studiare venti, correnti, monti, composizione del fondo marittimo…” Siamo nel 2018 ed è ancora tutto fermo.

Si finisce con il Milanese: “due decenni fa San Donato Milanese era ancora un piccolo borgo rurale, confinante con Milano. Prati, orti e campi di grano. Qualche casa colonica completava questo quadro agreste, con le rogge che placide scorrevano abbellite fra due filari di pioppi. Poi è arrivata l’industria a San Donato e la vita agreste ha lasciato zona al dinamismo dei centri industriali. Al posto dei campi è sorta Metanopoli, la città del metano, grandioso complesso edilizio, migliaia e migliaia di operai hanno qua trovato lavoro. E per i lavoratori è sorto anche un bel quartiere residenziale, nella quale manca niente, c’è persino la chiesa, la scuola, la biblioteca, l’ambulatorio, i campi da gioco, tutto. La natura ha fatto un passo indietro”.

Ciascuno può farsi liberamente la propria opinione.
Testi tratti da “strade del pianeta” per la scuola media inferiore, Fabris editore, oltre che da una raccolta di articoli dei primarie quotidiani e settimanali italiani.

 

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia paragone DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia paragone QUADRUPLO clicca qua
Per le previsioni meteo del pianeta clicca qua
Per le previsioni meteo in Europa clicca qua
Per le previsioni meteo in Italia clicca qua
Per le previsioni meteo de la tua regione clicca qua
Per le previsioni meteo televisive clicca qua
Per le previsioni meteo del moto ondoso clicca qua
Per l’altitudine de la neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

I commenti sono chiusi.