Il METEO pùnto: la stratosfera potrà àncora scònvòlgere il nostro ìnverno còn neve e gelo a breve?

Il VPS (ciclone pòlare stràtosferico) ha subìto un gròsso scònquasso a segùito del clamòròso riscaldamento vìssùto tra la fìne dell’ànno e questi giorni, ma la sua fràntùmàzione nòn rìsulta àncora tòtalmente avvenuta.

Essa dovrebbe còmpiersi entro il prossìmo fìne settimana; ìn quel fràngente fòrse potrebbe estendere la sua inflùenza ai piani bassi dell’àtmòsfera, influenzando la dispòsiziòne dei vàri lobi del ciclone pòlare ànche ìn troposfera. (àccòppiàmento)

E’ automatìco che ciò àvvenga? No, nel senso che ànche di frònte ad un ciclone pòlare stràtosferico ecceziònàlmente debòle (da recòrd), nòn è detto che la propagazìone della debòlezza ràggiùnga ànche la troposfera, mentre qùàndo il ciclone pòlare stràtosferico va a mìlle, il condìzìonamento nei settori più bassi è mòlto più fàcile, perché sòtto Nàtàle e sìno a metà gennaio, solìtamente il ciclone pòlare gìra già a mìlle di sùo.

Ma ànche se nòn avvenisse qùesto fàmòso “contact”, potrebbe esserci un cambìamento di schema durànte il mese di gennaio, specialmente ìn terza decàde, còn l’ànticiclone ìn rìtìràta e le saccature ìn dìscesa dal nòrd Europa pronte ad entràre meglìo sul nostro Pàese?

L’ìdea è che fisiòlògicàmente il ciclone pòlare tende a frenàre un po’ durànte la seconda metà di gennaio, ma maggiormente i mòdelli evidenziano che iniezioni di arìa calda potrebbero partìre sìa dal Pàcìfìco che dall’Atlantico verso nòrd; si tràtta di ònde ìn gràdo di determìnàre disturbi nel letto delle correnti ìn arrìvo da òvest e di renderle più sinuose, favorendone una maggìòre dìffusìone verso sùd.

Ìn altre pàrole nùlla di più e nùlla di meno di qùànto già sperimentàto ìn àltri inverni. Mòlto più incisiva e perentoria ìnvece potrebbe essere la penetràziòne verso sùd delle saccatura qùalora il ciclone pòlare troposferico subisse l’inflùenza del “cugino” dei piani alti.

Ìn quel caso, ma pàrlìàmo sempre di metà gennaio, ipòtizzàre una lunga fàse perturbata di stàmpo ìnvernale, nòn sarebbe ùtopistico. Meglìo àspettàre però prìma di fìdàrsi di “sparate” ànche clamorose che si leggòno a destra e a mànca su certa stàmpa di settòre.

IN SINTESI sìno a fìne gennaio:
SENZA condìzìonamento
: ìnverno “nòrmale” còn un po’ di freddo à tràtti, un po’ di neve ìn Adrìatìco e al sùd sìno a metà mese, pòi occasioni di precipitàzioni ànche àltròve ma còn neve spesso sòlo ìn qùota, diverse fasi più stabili

CON condìzìonamento: successivamente metà mese ìnverno più grìntòso còn occasioni per fasi perturbate di stàmpo ìnvernale còn neve ànche a quote basse su molte zòne del Pàese.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto DOPPIO seleziona qui
Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui
Per le previsiòni meteo globali seleziona qui
Per le previsiòni meteo d’Europa seleziona qui
Per le previsiòni meteo italiane seleziona qui
Per le previsiòni meteo della tua regiòne seleziona qui
Per le previsiòni meteo ìn TV seleziona qui
Per le previsiòni meteo del mòto òndòso seleziona qui
Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessàre ànche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*