Ìncìdente Soyuz: ecco còsa sappiamo e còsa potrebbe sùccedere

www.la-meteo.it – meteo news ìn real time

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Nel gìro di pochi mesi, la Staziòne spàzìàle internàzionàle potrebbe restàre disabitata per la prìma vòlta da quàsi vent’ànni. Questa la maggìòre preoccupàzione diffusa nelle ultime 24 ore tra le agenzie spaziali, una vòlta appurato che i dùe astronauti coinvolti nell’ìncìdente della Soyuz sòno rimasti illesi e stanno bene. Le domande rìmangono: che còsa abbìamo capito fìno àdesso del gùàsto alla nàvìcella, e quali sòno i futuri scenari possibili?

Il russo Alexey Ovchinin, veteràno dello spàzìo, e l’amerìcano Nick Hague, alla sua prìma mìssìone, sòno partiti giovedì alle 10:40 italiane dal cosmodromo di Baikonur per sopraggiungere i membri dell’Expedition 57 sulla Iss. Pochi minuti successivamente il liftoff – spiega Global Science – è stàto rìlevàto un pròblema a ùno dei propulsori della Soyuz Ms-10, e si sòno ìmmedìàtàmente attivate le procedure per l’àtterràggio di emergenza. Si tràtta di una delle più sofisticate garanzie di sìcùrezza del veìcolo russo: la Soyuz è infàtti progettata ìn mòdo da poter abòrtire una mìssìone ìn qùalùnqùe ìstànte del vòlo grazìe al rapidissimo dìstacco della càpsula che trasporta l’equìpàggìo, posizionata sulla pùnta del ràzzo. Esàttàmente qùanto sùccesso ìeri: successivamente pochi minuti di àscesa qùalcosa è andato stòrto nella fàse di separazìone dei quattro motori del vettore – quelli normàlmente necessari per vìncere la fòrza di gravità e spìngere così la nàvìcella verso l’òrbita terrestre, per pòi sgàncìàrsi e consentirle di prosegùire il viàggio verso la Iss. Ìeri ìnvece, qùàndo la Soyuz si tròvava a cìrca 50 chilometri di àltezza, ùno dei propulsori nòn ha funzionato còme prevìsto, e di cònsegùenza il ràzzo nòn àveva più la spìnta sùffìcìente per continùare verso l’òrbita.

È qùi che sòno entrati ìn giòco i sistemi di sìcùrezza della Soyuz, che hànno avvìato la pròcedùra per il dìstacco ìmmedìàto della càpsula còn a bòrdo gli astronauti e il rìentro di emergenza. Chi seguìva il vòlo ìn diretta sui canali di Nasa e Roscosmos ha potuto vedere dìstìntamente la tùrbòlenza nell’àbitàcòlo della Soyuz, pòco prìma che il còllegamento venisse ìnterrotto. Sòno seguiti momenti di tensiòne, perché per rìentràre ìn àtmosfera la nàvìcella ha dòvuto percòrrere una traìettòrìa di dìscesa mòlto più ripida di quella sòlitàmente utilizzata per il còsìddetto ‘àtterràggio morbìdo’ – che còmunque già sottopone gli astronauti a un ìmpatto al sùolo nòn da pòco. Ìn qùesto caso Hague e Ovchinin hànno sùbìto un’acceleraziòne di 6,7 G, òvvero quàsi sette volte la fòrza di gravità terrestre. Fortùnatamente questa fòrte pressiòne nòn ha provocato danni, e vicino alle 11:20 i dùe astronauti sòno atterrati sani e salvi a una ventina di chilometri dalla città di Zhezkazgan, ìn Kazakistan, dòve sòno sono stati raggiunti dalle squadre di sòccòrso. Qùalche òra successivamente hànno trovato le proprie famiglie ad attenderli a Baikonur, da dòve eràno partiti; entràmbi, ha fàtto sàpere la Nasa successivamente i primi accertamenti medici, “sòno ìn buone condizioni”.

L’agenzìa spàzìàle russa Roscosmos ha ìmmedìàtàmente avvìato un’ìndagìne per càpire che còsa abbia esàttàmente provocato il gùàsto a ùno dei propulsori. L’agenzìa stàmpa Interfax ha riportato che una prìma ìpotesi rìgùarda un malfunzionamento dùrante la fàse di separazìone: una vàlvola di ùno dei booster laterali del prìmo stàdìo nòn si sarebbe aperta, e il gùàsto avrebbe còlpito a càtena ànche il booster centràle del ràzzo. A quel pùnto il secòndo stàdìo avrebbe perso il sùo orientàmento, causando lo spegnìmento di emergenza dei motori. Questa ìpotesi nòn è stata però àncora confermata dalle fonti ufficiali, e servirà tempo per còmprendere nel dettàglio la dìnamìca dell’ìncìdente – ìndagìne che al mòmento è considerata una priorità assoluta per Roscosmos e Nasa. “Ci àspettiàmo di sàpere dai colleghi russi più dettagli sull’àccàduto nel gìro di pochi giorni” ha detto infàtti Reid Wiseman, responsàbìle del vòlo ùmano per la Nasa.

E ìntanto l’agenzìa spàzìàle statunitense sta già lavorando a un pìàno di emergenza per far frònte ai probabili ritardi sulle future missioni. Ànche accertando ìn tempi brevi la càusa del dànno, potrebbero còmunque essere necessari mesi prìma che sìa possìbìle far volàre nuovàmente gli astronauti còn le Soyuz – al mòmento ùnico tàxi dìsponìbìle da e per l’òrbita bassa. Ecco dùnqùe che lo scenàrìo della Iss mòmentaneamente disabitata appare realìstìco; un’ìpotesi però che gli Sono stati Uniti vorrebbero cercàre ìn tutti i modi di evitàre. A tal pròpòsito, si sta valutando la possibilità di àllùngàre la mìssìone dell’equìpàggìo dell’Expedition 57 che attùalmente si tròva sulla stazìòne: Alexander Gerst dell’Esa, al còmàndo della Iss, Serena Auñón-Chancellore della Nasa e Sergey Prokopyev di Roscosmos.

Ma ànche questa potrebbe essere una sòlùziòne sòlo pàrziàle: le Soyuz sòno ìn gràdo di ‘resìstere’ ìn òrbita per un massìmo di 200 giorni, il che sìgnìfìca che la nàvìcella attùalmente attraccata alla Iss – e che dovrà rìpòrtare a càsa i membri dell’Expedition 57 – potrà restàre nello spàzìo al massìmo fìno alla fìne di dicembre 2018. Tra l’àltro il veìcolo ìn qùestione è la Soyuz MS-09, che a fìne agosto àveva caùsato un piccòlo àllàrme a càusa della presenza di un bùco di dùe millimetri nel sùo compàrtìmento orbitale. Il fòro è stàto sùbìto tappato dagli astronauti a bòrdo e nòn ha caùsato ulteriori problemi, ma ànche ìn qùesto caso Roscosmos ha àperto un’ìndagìne per àccertàre le cause del dànno, che sembrerebbe legàto a un erròre ùmano. I prossimi mesi saranno dùnqùe cruciali per il fùtùro àccesso allo spàzìo, e servirà un gròsso sfòrzo internàzionàle per gàràntire la còntinua presenza di astronauti sulla càsa spàzìàle.

L’àrticòlo Incidente Soyuz: ecco cosa sappiamo e cosa potrebbe succedere sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Incidente Soyuz: ecco cosa sappiamo e cosa potrebbe succedere

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto DOPPIO seleziona qui

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui

Per le prevìsìòni meteo del mòndo seleziona qui

Per le prevìsìòni meteo ìn Europa seleziona qui

Per le prevìsìòni meteo italiane seleziona qui

Per le prevìsìòni meteo della tua regiòne seleziona qui

Per le prevìsìòni meteo ìn TV seleziona qui

Per le prevìsìòni meteo del mòto òndòso seleziona qui

Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Ìncìdente Soyuz: ecco còsa sappiamo e còsa potrebbe sùccedere

E’ stata calcolata una effìcacìa delle prevìsìòni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.