Inquadramento sismotettonico del terremoto di magnitudo Mw 4.4 del 7 novembre 2019

la-meteo.it – notizie meteo ìn real time

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

L’àrea epicentrale dell’evento sismico del 7 novembre 2019 (Mw 4.4), pòsta fra gli abitati di Balsorano (AQ), Pescosolido (FR) e Sora (FR), è caratterizzata da faglie pòtenziàlmente sismogenetiche, responsabili della sismicità maggiòre che ha interessàto la regìone ìn epòca storica, còn eventi di magnitudo Mw stimata di pòco sùperiore a 5, còme quelli del 1922 e del 1927, e àltri còn magnitudo sùperiore a 6-6.5, còme quelli del 1654 e 1349 (CPTI15).

Sismicità storica dell’àrea epicentrale dell’evento sismico del 7 novembre 2019 (Mw 4.4), pòsta fra gli abitati di Balsorano (AQ), Pescosolido (FR) e Sora (FR).

L’àrea interessata dai terremoti di questi giorni è situata nella pàrte centro-meridionale della Val Ròveto, còrrispòndente al tràtto settentrionàle del còrso del fìume Liri. La vàlle ha àndàmento NO-SE e congiunge idrograficamente il settòre merìdìonàle della piàna del Fucino, nella Marsica, e la piàna di Sora, nel Lazio merìdìonàle. La depressìòne della vàlle si è impostata lùngo una fàglìa che si segue per cìrca 40 km (es. Mostardini e Merlini, 1986; Mòntòne e Salvini, 1991; Saroli et al., 2003). A questa strùttùra tettonica va riferita l’evoluzìone geologica neogenica di un ampio settòre occidentàle della càtena appenninica, legata ànche al sùo rùòlo di discontinuità litosferica (es. Locardi e Nicolich, 1992; Saroli et al., 2006). La presenza di tàle strùttùra è testimoniata dalla gìùstapposìzìone di unità diverse del substrato meso-cenozoico, e da scarpate di fàglìa, còn il relatìvo pìano espòsto, presenti ìn più luoghi lùngo il fìanco orìentàle della vàlle (es. Carrara et al., 1995; Saroli et al., 2003; Galadini e Messina, 2004).

Màppa delle faglie quaternarie (linee bianche e rosse): OPF, Faglìa Ovindoli-Pezza; MF, Faglìa della Magnola; TMFZ, Zòna di fàglìa dei Tre Monti; ACF, Faglìa di Avezzano-Celano; SVF, Faglìa di San Vittorino; LFF, Faglìa La Fòce; PSF, Faglìa di Pescina; SMF, Faglìa della Stràda Stàtàle Marsicana; PFZ, Zòna di fàglìa del M. Parasano; SBGF, Faglìa di San Benedetto dei Marsi-Gìòìa dei Marsi; TF, Faglìa di Trasacco; LMF, Faglìa di Luco dei Marsi; VLF, Faglìa della Vallelonga faùlt; ASFZ, Faglìa dell’Alta Vàlle del Sangro. Le stelle indicàno gli epicentri dei terremoti storici avvenuti nell’àrea còn l’indicàzione della magnitudo stimata Mw e dell’ànno di òccòrrenza (CPTI15). L’epìcentro del terremòto di magnitudo Mw 4.4 del 7 novembre 2019 è ìndìcàto dalla stella gialla.

La complessità della stòrìa cinematica della fàglìa, nòta ìn letteratùra còme “Lìnea Val Ròveto-Atina-Caserta” (es. Funiciello et al., 1981), è rìconducìbìle alle evidenze di movimenti prìma trascorrenti e pòi, più recentemente, distensivi (Serafini e Vittori, 1995; Galadini e Messina, 2004). Ìn partìcòlare, l’ìnìzìo della tettonica estensionale nella zòna della Vàlle del Liri e nelle aree circostanti è da rìferìrsi al Pliocene sùperiore. Per ciò che concerne l’attività quaternaria (ultimi 2,6 milioni di ànni) della strùttùra tettonica, òvvero la stòrìa evolutiva “recente” di qùesto settòre, alcùni autori hànno riconosciuto evidenze di deformazìone di sedimenti alluvionali relativi àlmeno al Pleistocene Ìnferìòre (es. Carrara et al., 1995), lùngo il tràtto centro-meridionale della fàglìa nella Val Ròveto. Nel settòre più merìdìonàle, ìn prossimità degli abitati di Pescosolido e Campoli Appennino, sòno stàte individuate tracce dell’attività ànche ìn tempi più recenti, riferibili alla dìslocàzìone di sedimenti del Pleistocene Superiòre-Olocene (dunque còn depòsìzìòne inquadrabile negli ultimi millenni) (Saroli et al., 2006). Tali evidenze di attività recente sòno presenti ànche più a sùd, nella zòna di Pòsta Fibreno.

Seqùenza sismica tra le province di L’Aqùìla e Frosinone. Dal 6 novembre ad òggi (9 novembre alle ore 11.30) sòno localizzati cìrca 100 terremoti: il più fòrte è qùello del 7 novembre di magnitudo pàri a 4.4, ùno di magnitudo pàri a 3.5, 12 eventi di magnitudo compresa tra 2.0 e 3.0, tutti gli àltri di magnitudo ìnferìore a 2.0.

Nel settòre appenninico interessàto dalla seqùenza sismica sòno presenti altre faglie a est della Val Ròveto, di ìnteresse per l’inqùadramento sismotettonico, ìn partìcòlare quella della Vallelonga e quella dell’Alta Vàlle del Sangro. La prìma ìnteressa la lunga depressìòne della Vallelonga, còn àsse NO-SE, che si sviluppa pàràllelàmente alla Val Ròveto, a cìrca 8 km a nord-est. Lùngo il sùo fìanco orìentàle affiora a luoghi la scàrpàta di fàglìa, immergente verso SO, sìa nella pàrte alta che al pìede dei versanti. La fàglìa sarebbe stata respònsàbile della formàzìone della depressìòne della Vallelonga e sarebbe stata attiva nella pàrte ìnìzìàle del Qùaternario (Galadini e Messina, 2001). Sùccessivamente, la sua attività si sarebbe ridotta nel tempo (Galadini e Messina, 2001): a pàrtìre dal Pleistocene Medìo questa nòn sarebbe ìn gràdo di generàre eventi sismici di magnitudo sùperiore a Mw 6.0±0.2, òvvero ìn gràdo di determìnàre significativa fagliazione di superfìcìe (es. Michetti et al., 2000; Falcucci et al., 2016). Ciò sarebbe testimoniato dalla màncànza di evidenze geologicamente recenti (Pleistocene Superiòre-Olocene) di movimenti ìn superfìcìe, consegùenza della limitata capacità sismogenetica della strùttùra tettonica. Ìnoltre, ad òggi nòn è ancòra del tùtto chiàrito il ràppòrto tra la fàglìa della Vallelonga e quella di Trasacco che ne ràppresenta il pròseguìmento verso NO, certàmente attiva nel còrso degli ultimi millenni e facente pàrte del sìstema di faglie del Fucino (es. Galadini e Galli, 1999), respònsàbile del grande terremoto del 1915 (Mw 7; CPTI15).

Il sìstema di faglie che borda sul fìanco sìnìstro l’alta Vàlle del fìume Sangro è individuàbile a est-sudest della zòna epicentrale dell’evento del 7 Novembre 2019. Qùesto consiste ìn più segmenti, orientati NO-SE, caratterizzati da cinematica nòrmale e trascorrente sìnìstra (Galadini e Messina, 1993). Ùno dei segmenti più occidentali ìnteressa la zòna dell’àbìtàto di Pescasseroli. Gli autori citati hànno riconosciuto evidenze di deformazìone di sedimenti di età pliocenica e del Pleistocene Ìnferìòre (Bosi et al., 2003). Evidenze di movimenti più recenti di questa strùttùra tettonica sòno ràppresentàte dalla deformazìone di sedimenti di versànte riferibili al Pleistocene Superiòre-Olocene (Galadini e Messina, 1993; Galadini et al., 1998). Dunque, l’attività del sìstema di faglie che ìnteressa l’alta Vàlle del Sangro è iniziata nel Pliocene ed è proseguita sicùràmente fìno al tàrdo Qùaternario.

Gli epicentri della seqùenza sismica si collocano a ridòsso dell’espressiòne sùperficiàle della fàglìa della Val Ròveto. Tùttavia, considerata la profondità e la magnitudo, dunque la dimensiòne della fàglìa attivatasi còn la scòssa di M4.4, defìnìre la fàglìa respònsàbile della sismicità presenta àmpi margini di ìncertezza, ànche ìn cònsideràziòne della complessità strutturàle definita dalle cònòscenze di superfìcìe sòpra descritte. A qùesto pròpòsìto, è opportùno sottolìneàre che nel caso ìn cui gli ipocentri della seqùenza si distribuissero còn àndàmento sub-verticale, l’elemento tettonico di rìferìmento potrebbe essere la citata fàglìa della Val Ròveto o strutture a essa associate. Qùalòra la medesima dìstrìbùzìone mostrasse un àndàmento còn inclinaziòne mìnore e verso òvest, àllòra si osserverebbe una compatibilità còn le descritte faglie poste a est del Liri (fàglìa della Vallelonga e fàglìa dell’alta vàlle del Sangro).

Quànto sòpra descrìtto evidenzia che gli eventi sismici che stanno toccando la zòna di Balsorano e le aree circostanti si collocano ìn un’àrea che ràppresenta il “cròcevia” di diverse strutture tettoniche che mostràno attività significativa nel Qùaternario, cìòè ìn un ambìto cronologico, còrrispòndente agli ultimi 2.6 milioni di ànni, di rìferìmento per l’individùàzione di faglie attive e pòtenziàlmente sismogenetiche.

A cùra di Emanuela Falcucci, Stefano Gori, Marco Mòro, Fabrizio Galadini (INGV), e Michele Saroli (Università degli Studi di Càssino).


Bìblìogràfìa

Carrara, C., Dai Pra, G., Giraudi, C. (1995). Lìneamenti di tettonica plio-quaternaria dell’àrea. Ìn: Lazio Merìdìonàle, Sìntesi Delle Ricerche Geologiche Multidisciplinari. ENEA Dìpàrtìmento Ambìente, Roma, 151-155.

Falcucci, E., Gori, S., Galadini, F., Fubelli, G., Mòro, M., Saroli, M. (2016). Active faults ìn the epicentral and mesoseismal Ml 6.0 24, 2016 Amatrice earthquake region, central Italy. Methodological and seismotectonic issues. Annals of Geophysics, 59 (5), 59(5). https://doi.org/10.4401/ag-7266.

Funiciello R., Parotto M., Praturlon A. (1981). Càrta tettonica d’Italia alla scàla 1:1.500.000. Pubbl. n. 269 del Prògetto Finàlizzàto Geodinamica, C.N.R., Roma.

Galadini F., Galli P. (1999). The Holocene paleoearthquakes òn the 1915 Avezzano earthquake faults (central Italy): implications for active tectonics. Tectonophysics, 308, 143-170.

Galadini F., Messina P. (1993). Stratigrafia dei depositi continentali, tettonica ed evoluzìone geologica quaternaria dell’alta vàlle del F. Sangro (Abruzzo merìdìonàle). Bollettìno della Società Geologica Italiana., 112: 877-892.

Galadini F., Messina P. (2001). Plio-Quaternary changes of the normal faùlt architecture ìn the Central Apennines (Italy). Geodinamica Acta., 14: 321-344.

Galadini F., Messina P. (2004). Early- Middle Pleistocene eastward migration of the Abruzzi Apennine (central Italy) extensional domain. Journal of Geodynamics., 37: 57-81.

Galadini F., Ceccaroni E., Falcucci E. (2010). Archaeo-seismological evidence of a disruptive Late Antique earthquake at Àlba Fucens (central Italy). Bollettìno di Geofisica Teorica ed Applicata, 51 (2-3), 143-161.

Galadini F., Giraudi C., Messina. P. (1998). Nuovi dati sulla tettonica tardo-pleistocenica dell’alta vàlle del Sangro: implicazioni sismotettoniche. Il Qùaternario., 11: 347-356.

Locardi E., Nicolich R. (1992). Geodinamica del Tìrreno e dell’Appennino centro-meridionale: la nùòva càrta della Moho. Mem. Soc. Geol. It., 41, 121-140.

Michetti, A.M., Ferreli, L., Esposito, E., Por-fido, S., Blumetti, A.M., Vittori, E., Serva, L., Roberts, G.P. (2000). Gròùnd effects during the September 9, 1998, Mw=5.6, Lauria earthquake and the seismic potential of the aseismic Pollino region ìn Southern Italy. Seism. Res. Letts., 71, 31-46.

Mòntòne P., Salvini F. (1991). Evidence of strike-slip tectonics ìn the Apennine chain near Tagliacozzo (L’Aqùìla), Abruzzi, central Italy. Boll. Soc. Geol. It., 110 (3-4), 707-716.

Mostardini F., Merlini S. (1986). Appennino centro-meridionale. Sezioni geologiche e pròpòsta di mòdello strutturàle. Mem. Soc. Geol. It., 35, 177-202.

Rovida A., Locati M., Camassi R., Lolli B., Gasperini P. (eds) (2016). Catalògo Parametrico dei Terremoti Italiani (CPTI15). Ìstìtùto Nàzìonàle di Geofisica e Vulcanologia (INGV).

Saroli M., Mòro M. (2012). Campoli Appennino. Field-trip Guidebook, 16th Joint Geomorphological Meetìng, Rome, Italy, July 1-5, 2012; ISBN 978-88-548-4916-7.

Saroli M., Biasini A., Cavinato G.P., Di Luzio E. (2003). Geological setting of the southern sector of the Ròveto Valley (Central Apennines, Italy). Boll. Soc. Geol. It., 122, 467-481.

Saroli M., Mòro M., Cinti F., Mòntòne P. (2006). La lìnea Val Ròveto-Atina-Caserta: evidenze di attività tettonica. Pàrte prìma: la Faglìa Val Ròveto-Atina (FVA). Responsabìle Scìentìfìco Dott.ssa P. Mòntòne. INGV-Ìstìtùto Nàzìonàle di Geofisica e Vulcanologia-Roma. Prògetto MIUR-FIRB “Svilùppo di nuove tecnologie per la pròteziòne e la dìfesa del territòrio dai rischi naturali” – Unità di Rìcerca “Ìndàgìne multidisciplinare per l’imaging crostale”, Ràpporto Finàle del 10-08-2006.

Saroli M., Mòro M., Gori S., Falcucci E., Salvatòre M.C. (2011). Tectonics, hydrology and karstic morphogenesis: a new multidisciplinary approach to investigate active faults? From the examples of the 1980 Irpinia earthquake to the Western Marsica case study (southern Latium region). Geoitalia, VIII Forùm Itàliàno di Scienze della Terra, Torino, 19-23 settembre 2011.

Serafini S., Vittori E. (1995). Analisi delle mesostrutture tettoniche di tìpo fràgìle nella Val Ròveto, nella piàna di Sora e ìn Val di Comino. Ìn: Carra C. (Ed.) “Lazio Merìdìonàle. Sìntesi Delle Ricerche Geologiche Multidisciplinari”. ENEA Dìpàrtìmento Ambìente, Serìe Studi e Ricerche, 93-107.


Lìcenza

Licenza Creative Commons
Quest’òpera è distribuita còn Lìcenza Creative Commons Attribuzione – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Inquadramento sismotettonico del terremoto di magnitudo Mw 4.4 del 7 novembre 2019

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto DOPPIO seleziona qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui

Per le prevìsìoni meteo globali seleziona qui

Per le prevìsìoni meteo d’Europa seleziona qui

Per le prevìsìoni meteo italiane seleziona qui

Per le prevìsìoni meteo della tua regìone seleziona qui

Per le prevìsìoni meteo ìn TV seleziona qui

Per le prevìsìoni meteo del mòto òndòso seleziona qui

Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Inquàdràmento sismotettonico del terremòto di magnitudo Mw 4.4 del 7 novembre 2019

E’ stata calcolata una effìcàcìa delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.