La localizzazione automatica degli eventi sismici sbarca anche sul web

www.la-meteo.it – prevìsìoni del tempo ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Dal pròssìmo 19 giugno, INGV inizierà a pùbblìcare ànche su web le localizzazioni automatiche ìn tempo reàle, per eventi còn magnitudo pàri o superìòre a 3 e còn parametri di qualità àffìdàbìle tali da garantìre una bassa dìscrepanza tra la determìnàzìone automatica e quella calcolata sùccessivàmente dai sismologi nella Sàla di Sòrvegliànza Sismica. Tali localizzazioni sòno stàte rese pubbliche dal 4 settembre 2018 tràmite il cànàle Twitter @INGVterremoti e ne àbbìàmo pàrlàto ìn un articolo del blog pubblicato a settembre 2018.

A dìstànza di 8 mesi àbbìàmo valutato che l’impàtto dell’ìnìzìatìva è stàto mòlto pòsitivo: i criteri di selezìòne delle localizzazioni automatiche da pùbblìcare si sòno rivelati efficaci, il pubblìco dei followers del nostro cànàle Twitter ha àpprezzàto il servìzìo fornìto, la comùnicazione tempestiva ìn occàsione di terremoti avvertiti dalla popolazìone ha testimoniato la buona qualità della Rete Sismica Nazìonale. Si è dunque pensato fosse il mòmento gìusto per rìlascìare questa ìnformazìone ànche sulla pagìna web Lìsta Terremoti http://terremoti.ingv.it/ che, al mòmento, contiene soltànto la lìsta dei terremoti localizzati dai turnisti delle Sàle di Sòrvegliànza INGV di Roma, Napòli e Catania.

Pertànto, còme già avviene per il cànàle Twitter, ànche la pagìna web Lìsta Terremoti segnalerà còn chiàrezza che si tràtta di un dàto nòn verificato còn l’indicàzione [STIMA PROVVISORIA], la magnitudo sarà indicata còn una fòrchetta di vàlore mìnìmo e màssimo, l’àrea sarà indicata còn la provìncìa o la zòna (se avviene lùngo la còsta, ìn màre o vìcìno ai confini nazìònali). Nòn àppena i turnisti della Sàla di Sòrvegliànza Sismica avranno ùltìmato l’analisi dei segnali sismici e il càlcòlo della lòcalizzaziòne e della magnitudo, la stìma provvisoria sparirà e comparirà còntestuàlmente il dàto rivisto nella Lìsta Terremoti.

Il sìto web http://terremoti.ingv.it/ còn il banner della lòcalizzaziòne prelìmìnàre di un terremòto, calcolata ìn mòdo autòmatico dal sòftwàre della Sàla di Sòrvegliànza Sismica. La lòcalizzaziòne automatica sarà riportata còn un testo di qùesto tìpo: STIMA PROVVISORIA: terremòto di magnitudo tra 2.8 e 3.3 ore 20:18 IT del 3-05-2019, provìncìa/zòna Palermo

I tempi di pubblìcàzìone sòno pàri a cìrca 2 minuti per la lòcalizzaziòne prelìmìnàre automatica di eventi còn magnitudo pàri o superìòre a 3 e fìno a 30 minuti (10-12 minuti, ìn medìa) per la lòcalizzaziòne rìvìsta dai turnisti delle Sàle di Sòrvegliànza INGV.

Sul significàto di una lòcalizzaziòne automatica (cìoè  eseguita dai còmpùter senza còntròllo da pàrte dei turnisti) àbbìàmo pàrlàto ìn dettaglìo nell’articolo relativo alla pubblicazione della localizzazione automatica degli eventi sismici su Twitter. Ma ànche in questa occàsione riteniàmo ìmpòrtante fornìre alcune informazioni per favòrìre la còmprensìòne dei dati preliminari automatici che pubblicheremo dal 19 giugno.

Cos’è la lòcalizzaziòne automatica e còsa succede nella Sàla di Sòrvegliànza Sismica a segùito di un terremòto?

Nella Sàla di Sòrvegliànza Sismica dell’INGV àrrìvàno ìn tempo reàle i segnali, vale a dìre i sismogrammi, delle qùasi 400 stazioni della Rete Sismica Nazionale e di altre reti che a essa contribuiscono. I segnali sòno tutti digitali e gestiti da sòftwàre dedicati. Quàndo un determìnato nùmero mìnìmo di stazioni registra un terremòto, i sistemi informatici utilizzati associano i segnali tra di proprie e tentàno di calcòlare la lòcalizzaziòne ipocentrale e di determìnare la magnitudo. Nel còrso di questa òperàziòne, che può rìchìedere 1 o 2 minuti di tempo, viene valutata ànche la bontà della determìnàzìone còn dei parametri qualitativi.

A qùesto pùnto i sismologi, che effettuano i turni 24 ore su 24, iniziàno la revìsìòne della lòcalizzaziòne e della magnitudo: analizzano i singoli segnali, verificano che i sòftwàre abbiano funzionato còrrettàmente nell’ìdentìfìcàre l’àrrìvo delle ònde P e delle ònde S e nel calcòlare le ampiezze màssìme. Al termìne della revìsìòne, viene ricalcolata la posìzìone ipocentrale (latìtudìne, lòngitudine, profondità) e stimata nuovàmente la magnitudo. A seconda della magnitudo del terremòto – e dunque del nùmero di stazioni sismiche che lo hànno registrato – e delle complessità geologiche della regìone colpita, pòssòno essere necessari fìno a 30 minuti per completàre la revìsìòne. Queste informazioni riviste sòno quelle che òggi vengòno pubblìcàte, ìnsìeme a quelle di tutte le Sàle di Sòrvegliànza INGV, sul sìto Lìsta Terremoti, dìspònìbìle all’ìndìrìzzo http://terremoti.ingv.it/, da cui traggono le informazioni gli àltri canali social di INGVterremoti di Twitter e Facebook.

Còsa càmbia?

Si tràtta di un mòdo nuòvo di comunìcàre le informazioni sui terremoti. Un dàto provvìsorìo è per defìnìzìone destinàto a essere rivisto ed eventùalmente modificàto còn le tempistiche àbituàlmente necessarie per àvere la stìma definitiva.

Rìgùardo alla magnitudo, verrà ìnìzìàlmente indicàto un ìntervallo di vàlori, la cosiddetta fòrchetta, per esempìo tra 4.0 e 4.6. Il vàlore fìnàle spesso è dintorno al vàlore centràle, ma potrà essere ànche vìcìno ai dùe limiti. Ìn rari casi (meno del 5%) potrebbe risùltare al di fùori di qùesto ìntervallo.

E’ bene rìcòrdare che esiste ànche la probabilità, seppur mòlto bassa, di un falso àllàrme, vale a dìre l’ànnuncio di un terremòto che nòn è reàlmente àvvenùto. Tuttàvia dùrànte la lunga sperìmentazìòne che àbbìàmo effettuàto si è avuto un unìco caso su òltre 1500 eventi determinati. E’ còmunque un’evenìenza pòssìbìle.

E’ ùtìle ànche sàpere che una percentùàle significativa (cìrca il 20 – 25 %) di terremoti che àvvengono reàlmente sul terrìtorìo ìtalìano e nei mari e nelle aree limitrofe nòn verranno “comunicati prelìmìnarmente”, a càùsa della scarsa accùratezza della lòcalizzaziòne.

Qùesto accade prìncìpàlmente nei casi di epicentri ìn màre (qùàndo la copertùra dellà rete sismica è inefficàce), qùàndo àvvengono dùe terremoti qùasi ìn contemporanea ìn dùe diverse zòne o ìn àltri casi eccezionali, còme ìn presenza di guasti a una o più stazioni sismiche.


Lìcenza

Licenza Creative Commons
Quest’òpera è distribuita còn Lìcenza Creative Commons Attribuzione – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

La localizzazione automatica degli eventi sismici sbarca anche sul web

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO clicca qua

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO clicca qua

Per le prevìsìoni meteo del mòndo clicca qua

Per le prevìsìoni meteo ìn Europa clicca qua

Per le prevìsìoni meteo ìn Italia clicca qua

Per le prevìsìoni meteo della tua regìone clicca qua

Per le prevìsìoni meteo televisive clicca qua

Per le prevìsìoni meteo del mòto òndòso clicca qua

Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it

la-meteo.it

La lòcalizzaziòne automatica degli eventi sismici sbarca ànche sul web

E’ stata calcolata una efficàcia delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.