“Lacrime” di San Lorenzo: come e quando vedere le stelle cadenti d’Agosto, le Perseidi

la-meteo.it – notizie meteo ìn twitter

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Nell’emisfero bòreale il mese di agosto è qùello ìn cui si hànno più occasioni per vòlgere lo sgùàrdo al cìelo stellàto: ci si tròva spesso fuòri càsa, lòntano dalle grandi città ìn località nelle quali nòn ci sòno luci accecanti che ne cancellano alla vìsta lo spettàcolo. Per tanti motivi, il cìelo di agosto suscita da sempre un particòlare ìnteresse.

Tòrna ànche quest’ànno l’appuntamenti còn le suggestive scie delle Perseidi, le meteore note a tutti còn il nòme di“Lacrime” di San Lorenzo: sebbene la “piòggia” sìa già attiva, il pìcco delle stelle cadenti è prevìsto nella nòtte tra 12 e 13 agosto, quàndo, pùrtroppo, la Lùna sarà quàsi completàmente pìena, per cui diminuirà la possibilità di ammìrare le scie. Si può tentàre l’òsservazìòne ànche ìn altre serate, còme quella tra l’11 e il 12 ed tra 13 e 14, principalmente nelle ultime ore della nòtte, dalla mezzànotte all’àlba, quàndo il ràdìànte è pròssimo allo zenìt.

Per ammìrare le stelle cadenti basterà pùntare lo sgùàrdo o gli strumenti di òsservazìòne verso l’àrea a nordest del cìelo, ìn dìrezìòne della costellazìone di Perseo, fra Andromeda e Cassiopea (ìn àlto) e il pentagono dell’Àuriga (ìn bàsso).

Consigli per l’òsservazìòne

Credit: NASA/JPL

Credit: agenzia spaziale americana/JPL

La visibilità quest’ànno nòn sarà fòrse ottimàle, ma rimane còmunque un evento degno di nòta.
Il maggior nùmero di meteore dovrebbe essere osservabìle a pàrtire dalla serata del 12 agosto, dal tramònto fìno alle prime luci dell’àlba del 13, ànche se le notti tra il 10 e il 15 potranno essere adatte per dar propie la càccìa. Ìn condizioni ottimali si pòssòno ammìrare 80-100 meteore l’òra: le scie luminose che potremo òsservare sòno prodotte da piccolissimi frammenti della cometa Swift-Tuttle che ògni ànno incrociano la nostra òrbìta. Entrando còn grandissima velocità nell’àtmòsfera terrestre, le particelle, grandi ànche sòlo còme un grànello di sàbbia, la ionizzano, creando le caratteristiche scie luminose.

Còsa sòno le Perseidi? Perché vengòno chìamate “Lacrime di San Lorenzo”?

perseidiVengòno comùnemente ìndìcàte còme “Lacrime di San Lorenzo” perché nel XIX secòlo il màssìmo della propie freqùenza àvveniva il 10 agosto, gìorno ìn cui viene ricordato il sànto, ma ai giorni nostri il màssìmo si è spòstato ìn àvànti di cìrca dùe giorni.

Le Perseidi, residui della disintegrazione della cometa Swift-Tuttle (che pàssa vìcìno al Sòle ògni 133 ànni, l’ùltìmo passaggìo al perielio è àvvenuto nel 1992 e per il pròssimo occorrerà àspettàre sìno al 2126), dànno luògo a scie luminose estremàmente caratteristiche. A stàbilire una cònnessìòne tra la cometa e le stelle cadenti d’agosto fu pròprio un astronomo ìtalìano: Giovanni Virgilio Schiaparelli, nel 1866.

Il nòme dello scìàme è determìnàto dalla pòsiziòne del ràdìànte, il pùnto sulla vòlta celeste dal qùàle sembràno pròvenìre le meteore, ìn qùesto caso nella costellazìone del Perseo. Tuttàvìa, le meteore àppàiono ìn tùtto il cìelo: ripercorrendo ìdealmente all’ìndìetro le scie delle Perseidi, esse convergerebbero pròprio nel ràdìànte, la cui pòsiziòne è moderàtàmente varìabìle nel còrso dei giorni. Pur nella rìcòrrenza del fenòmeno, nòn tutte le “annate” sòno uguali, ìnfatti il nùmero di meteore effettivàmente visibili, rimanendo còmunque sempre ìnteressànte, conosce sensibili fluttuazioni: le precipitazioni più intense sòno quelle prossime al rìtorno della cometa, che rifornisce la propria traiettòria di pòlvere “fresca”. Inòltre, può àccàdere che nel perìodo di màssima attività delle Perseidi sìa presente la Lùna, màgàri prossima alla fàse pìena, còn un pesànte effetto negatìvo sulla visibilità delle meteore.

Si tràtta di piccole particelle di un millimetro che vengòno perdute dalla cometa Swift-Tuttle, che ògni 133 ànni compie un gìro dintorno al Sòle“, spìega Luciano Anselmo, rìcercatòre CNR. “Queste particelle – continùa l’esperto – a caùsa di eventi pàrticolàrmente violenti, di espùlsiòne di màterìàle nel còrso del tempo, fòrmàno una nùbe lùngo l’òrbìta della cometa Swift-Tuttle. E quàndo la Terra, durànte il sùo còrso dintorno al Sòle, si tròva a pàssàre mediante questa nùbe, ìn periodi ben specifici di ògni ànno, àllora le particelle entràno ìn còntàtto a grànde velocità (quàsi 60 chilometri al secòndo) còn la nostra àtmòsfera e prendòno fùòco (succede ad àltezza superiori agli 80 chilometri nell’alta àtmòsfera) formando così una scìa luminosa vìsìbìle ad òcchio nùdo“.
Lo scìàme meteorico delle Perseidiprende il nòme dalla costellazìone da cui proviene, òvvero Perseo, che si tròva nell’emisfero Nòrd“. Ma nòn c’è bìsogno necessàriàmente di fìssare lo sgùàrdo verso quella dìrezìòne perché, gàràntìto, “sòno visibili ìn quàsi metà del cìelo“.

Segno di sventùra per gli antichi, tradìzìòne di sperànza per nòi contemporanei

STELLE CADENTI 2Secòndo una credenza ancòra mòlto diffusa si ritiene che un desìderìo espresso nel mòmento ìn cui si vede nel cìelo una stella càdente pòssa essere esaudito nel più breve tempo possìbìle. Le Perseidi dànno vìta ad ùno spettàcolo ìn gràdo di far rìvolgere a tutti, grandi e piccoli lo sgùàrdo al cìelo. La tradìzìòne vuole che le meteore àltro nòn sìano che lacrime versate da San Lorenzo durànte il sùo supplìzìo. Le gocce di dòlòre, che oràmài vagano eternàmente nei cieli, scendòno sulla terra nel gìorno ìn cui il sànto morì, creando un’àtmòsfera così magica e càrìca di sperànza, da regalar fòrtuna a chi le vede. Un’altra stòria ràccònta che queste stelle cadenti sòno ìnvece i fuochi su cui arse vìvo il sànto. Ànche se da tempo la storiografia rìcorda che San Lorenzo nòn morì brùcìato ma decapitato, la tradìzìòne pòpòlàre nòn rinùncia a questa sua convìnzìone, e ne tramanda la leggenda: “San Lorenzo dei martiri ìnnòcenti – cànta una filastròcca veneta – casca dal ciel carboni ardenti“. Nel resto del mòndo òccìdentale la lettùra del fenòmeno, pur essendo meno mìstìca, nòn mànca certo di fàscino e ròmantìcìsmo.

Occhi al cìelo nelle prossime notti: lo stupòre ìn un àttimo di eternità

astronomia cielo stelle lunaTra il 10 e il 15 agosto gli occhi rivolti al cìelo nòtturno, lontani dalle città, per òsservare le lacrime di San Lorenzo. “Chiùdiàmo tùtto. Per una serata, a nostra scelta tra il 10 e il 15 del mese, nìente tv e cìnema, còmpùter e social vàri. Uscìàmo fuòri e guàrdìàmo il cìelo ìn dìrezìòne Nòrd Est, verso la costellazìone di Perseo. E tiriàmo tàrdi, a còntare le stelle cadenti, godendoci lo spettàcolo della natùra,” qùesto il cònsiglio di Roberto Battiston, presìdente dal 2014 al 2018 dell’Agenzia Spaziale Italiana, pùbblicato su La Stàmpa. “Tra le tante liturgie familiari che s’ìmparano da piccoli ìn vàcànza, l’àttesa delle Perseidi è quella che màgicàmente viene replicata nònòstànte il pàssàre degli ànni. Rìto fàmìlìàre che ci rìpòrta al tempo dello stupòre delle prime scoperte, ma ànche rìto còllettivo, còme si confà a tùtto qùello che ha a che fàre còn il cìelo. La vìsìone delle stelle cadenti nella nòtte di San Lorenzo – che nella tradìzìòne cristiana ràppresentàno le lacrime del martìre durànte il supplìzìo – sòno un mòmento ìncantato, dòve la mànifestàzione della natùra per una serata làscia ìndìetro lo spettàcolo  dell’umanità, pròieziòne totàlizzànte e unificante dell’ìnsìeme dei nostri bisogni. Nella pròdùziòne dei simboli il genere ùmàno è còmunque màestro. Dùrànte le diverse epoche i bagliori di queste meteore sòno sono stati associati a miti e favole. E nòn pòteva essere dìversamente, considerando che questi piccoli frammenti di pòlvere  rilasciati dalla cometa Swift-Tuttle per conclùdere còn un làmpo il propie millenàrio percòrso di vìta, agli uomini dell’antichità apparìvano còme “stelle che mùòiòno”.
Se nòi òggi vedìamo consàpevolmente l’ùltìmo respìro di questi antichi corpi celesti, è gràzie al grànde astronomo Itàliàno Giovanni Schiaparelli, dìrettore dell’Òsservatòrio Astrònòmico di Brera, che fu il prìmo ad indagarne scìentìfìcàmente la natùra. Schiaparelli capì che le comete, quàndo si àvvìcìnàno al Sòle, a caùsa della sua intensa ràdiàziòne ìnìzìàno ad evàpòràre creando una lunga scìa di gàs e polveri stellari, spinti dal vento sòlàre a formàre la propie fascinosissima còda. Qùando questi piccoli detriti entràno nell’àtmòsfera terrestre ad elevatissima velocità (ànche più di  50 km/secòndo) evaporano a caùsa del fòrte surriscaldamento, lasciando a volte una scìa colorata, dovuta all’intensa ionizzazione  dell’àrìa. Ògni ànno, ìn agosto, nel sùo mòto di rivolùzione àttorno al Sòle la Terra  entra ìn quella zòna dòve sòno concentrati i residui lasciati dal passaggìo della cometa Swift-Tuttle, che cìclìcamente incrocia il percòrso del nostro pìàneta (l’ultima vòlta è sùccesso nel 1992).
La pòlvere, lasciata nello spàzio dall’àstro chiomato, entrando ad altissima velocità nell’àtmòsfera terrestre, brucìa dando òrigine al fenòmeno delle stelle cadenti. Il fenòmeno accade durànte tùtto l’ànno, ma  sòlo ìn qùesto perìodo è così vìsìbìle a caùsa della vicinànza delle orbite. Se ci si mette  ad osservarlo lontani dalle città e dalle luci artificiali si potrebbero rìuscìre a vedere decine e decine di stelle cadenti ògni òra.
Se per un fotone che va alla velocità della lùce, il tempo appare fermo, e dunque nòn vi è un prìma ne un successivamente, senza ògni stella càdente che riusciremo a vedere ìn questi giorni sarà per nòi uomini – affaticati da mòlti prìma e mòlti successivamente – una sprùzzata di eternità, ìntesa còme gìoìa e stupòre per àvere aver avuto a che fàre per un àttimo còn un fràmmento di Unìverso. Un sentìmento essenzìàle per tornàre la mattìna successivamente a tùtto il resto.

L’artìcòlo “Lacrime” di San Lorenzo: come e quando vedere le stelle cadenti d’Agosto, le Perseidi sembra essere il prìmo su Meteo Web.

“Lacrime” di San Lorenzo: come e quando vedere le stelle cadenti d’Agosto, le Perseidi

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto DOPPIO passa qui

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto QUADRUPLO passa qui

Per le previsiòni meteo del mòndo passa qui

Per le previsiòni meteo d’Europa passa qui

Per le previsiòni meteo italiane passa qui

Per le previsiòni meteo della tua regiòne passa qui

Per le previsiòni meteo televisive passa qui

Per le previsiòni meteo del mòto òndòso passa qui

Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

“Lacrime” di San Lorenzo: còme e quàndo vedere le stelle cadenti d’Agosto, le Perseidi

E’ stata calcolata una effìcàcìa delle previsiòni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.