L’Australia corre ai ripari, arriva il ciclone Trevor: stato di emergenza, evacuazioni record

Dichiarato lo stato di emergenza in Australia: il Paese si prepara all’arrivo del potente ciclone Trevor, il cui “landfall” è atteso nella giornata di sabato sulla costa settentrionale, con venti a 200km/h e raffiche a oltre 300km/h (classificabile quindi per potenza ad un uragano di categoria 2 o 3).
Trevor ha già attraversato la penisola di Capo York, nel nord del Queensland, causando inondazioni e la chiusura di molte vie di comunicazione.
A seguito della dichiarazione dello stato di emergenza, sono state evacuate dalla costa circa 2mila persone, soprattutto appartenenti a comunità indigene: si tratta della più grande evacuazione pre-ciclone nella storia del Territorio del Nord, e il più grande esodo legato ai cicloni da quando Tracy investì Darwin nel 1974, provocando la morte di 71 persone e costringendone 30mila a lasciare le proprie case.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questi tipi di mappe sono abbastanza specializzati e quindi generalmente dedicato a il più esperto.

Tutto accade in modo automatico, è vero, ma la macchina è stato di recente affrontato con interpretando dati e risultati ottenuti come ogni volta noi lavoriamo manualmente, cioè come avremmo fatto .

Il clima, uno dall’altra parte della moneta mani , è il gruppo di condizioni meteorologiche che sono circostanza nel corso di un anno, dipendente sui sondaggi completato per un periodo di almeno 30 anni .

Le zone di bassa pressione sull’Europa, hanno il loro centro sulla Polonia e l’Egeo.

Stabile temperature, massime tra dieci e 14.

Temperature in aumento, massime fra 18 e tredici.

Domani Sabato 9 Aprile Verso nord: nuvolosità che si innalzano nel nord-ovest con un fenomeno debole nella sera , nevoso nelle Alpi a partire da 1500m, per lo più buono altrove. Temperature in slight declino, massime tra diciassette e 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*