Meteo: 25 APRILE e 1° MAGGIO, PONTI di PRIMAVERA in BILICO, minacce di GRANDINE. Ecco l’ULTIMA CONFERMA

Meteo: 25 APRILE e 1° MAGGIO, PONTI di PRIMAVERA in BILICO, minacce di GRANDINE. Ecco l’ULTIMA CONFERMA

25 APRILE e 1° MAGGIO, PONTI di PRIMAVERA in BILICO, minacce di GRANDINE25 APRILE e 1° MAGGIO, PONTI di PRIMAVERA in BILICO, minacce di GRANDINENotizie non
incoraggianti arrivano in vista delle vacanze di Pasqua e in modo particolare
dei giorni di festa del 25 Aprile e del 1° Maggio. Saranno dunque ponti di
primavera in BILICO minacciati dal maltempo
che vedrà come pericolo
quello della grandine e dei temporali, da Nord a Sud del nostro Paese. Tra un
temporale e un rovescio di pioggia faranno capolino ampie schiarite che salveranno
in extremis le gite e le escursioni degli italiani che hanno scelto di concedersi
una piccolo pausa vacanziera.

Le cause sono da
attribuire al vivace ed intenso flusso instabile che continua a premere verso
il Mediterraneo Occidentale e l’Italia. Una sorta di canale che dall’Oceano Atlantico
finisce la sua corsa sul Bel Paese creando una serie di vortici depressionari a
causa delle acque miti dei nostri bacini. Accadrà proprio questo a cavallo del
25 Aprile e del 1° Maggio. Probabilmente entrambe le giornate di festa e non
solo vedranno l’alternarsi di maltempo a momenti soleggiati: non sarà impossibile
veder iniziare la mattinata col sole e poi, dal pomeriggio aprire necessariamente
l’ombrello. I fenomeni saranno localmente acuti ed intensi per via dello scarto
termico superiore anche a 8°C-10°C (l’aria instabile è più fredda in quota di
quella presente al suolo). Perciò prepariamoci anche alla grandine che
minaccerà soprattutto le zone interne (Alpi, Appennini) e localmente le pianure
del Nord, Tavoliere, Salento e alcuni dei settori tirrenici tra Toscana e
Lazio.

Alla luce di quanto accadrà nei prossimi giorni e nelle festività, non sono ancora maturi i tempi di una primavera stabile e calda. Da questo punto di vista possiamo sostenere che le vicende invernali che hanno sconquassato la stratosfera (stratwarming) sono ancora attive, e che stiamo vivendo appieno le ripercussioni seppur a mesi di distanza.

if(adv_cm<2){
window._taboola = window._taboola || ;
_taboola.push({mode: 'organic-thumbnails-a', container: 'taboola-below-article-thumbnails', placement: 'Below Article Thumbnails', target_type: 'mix'});
}

if(adv_cm==0){
window._taboola = window._taboola || ;
_taboola.push({mode: ‘thumbnails-a’, container: ‘taboola-below-article-thumbnails-2nd’, placement: ‘Below Article Thumbnails 2nd’, target_type: ‘mix’});
}

if(adv_cm>0){(adsbygoogle = window.adsbygoogle || ).push({});} else document.getElementById(‘gad-nat’).style.display=’none’

25 APRILE e 1° MAGGIO, PONTI di PRIMAVERA in BILICO, minacce di GRANDINE25 APRILE e 1° MAGGIO, PONTI di PRIMAVERA in BILICO, minacce di GRANDINENotizie non
incoraggianti arrivano in vista delle vacanze di Pasqua e in modo particolare
dei giorni di festa del 25 Aprile e del 1° Maggio. Saranno dunque ponti di
primavera in BILICO minacciati dal maltempo
che vedrà come pericolo
quello della grandine e dei temporali, da Nord a Sud del nostro Paese. Tra un
temporale e un rovescio di pioggia faranno capolino ampie schiarite che salveranno
in extremis le gite e le escursioni degli italiani che hanno scelto di concedersi
una piccolo pausa vacanziera.

Le cause sono da
attribuire al vivace ed intenso flusso instabile che continua a premere verso
il Mediterraneo Occidentale e l’Italia. Una sorta di canale che dall’Oceano Atlantico
finisce la sua corsa sul Bel Paese creando una serie di vortici depressionari a
causa delle acque miti dei nostri bacini. Accadrà proprio questo a cavallo del
25 Aprile e del 1° Maggio. Probabilmente entrambe le giornate di festa e non
solo vedranno l’alternarsi di maltempo a momenti soleggiati: non sarà impossibile
veder iniziare la mattinata col sole e poi, dal pomeriggio aprire necessariamente
l’ombrello. I fenomeni saranno localmente acuti ed intensi per via dello scarto
termico superiore anche a 8°C-10°C (l’aria instabile è più fredda in quota di
quella presente al suolo). Perciò prepariamoci anche alla grandine che
minaccerà soprattutto le zone interne (Alpi, Appennini) e localmente le pianure
del Nord, Tavoliere, Salento e alcuni dei settori tirrenici tra Toscana e
Lazio.

Alla luce di quanto accadrà nei prossimi giorni e nelle festività, non sono ancora maturi i tempi di una primavera stabile e calda. Da questo punto di vista possiamo sostenere che le vicende invernali che hanno sconquassato la stratosfera (stratwarming) sono ancora attive, e che stiamo vivendo appieno le ripercussioni seppur a mesi di distanza.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane confronto DOPPIO clicca qui
Per le SUPER PREVISIONI italiane confronto QUADRUPLO clicca qua
Per le previsioni meteo globali clicca qua
Per le previsioni del tempo in Europa passa qui
Per le previsioni meteo in Italia clicca qui
Per le previsioni meteo della tua regione seleziona qui
Per le previsioni meteo in TV passa qui
Per le previsioni del tempo sui mari passa qui
Per l’altezza della neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Molti siti Web (incluso il nostro) forniscono mappe grafiche con vari parametri (nuvolosità, pressione, calore , precipitazioni, ecc.).

Ecco perché offerta una versione “simbolica” di l’esito dei modelli, quello è a tipo di “traduzione” il cui scopo è produrre più comprensibile ciò che i modelli da soli .

Il clima, uno dall’altra parte della moneta mani , è il gruppo di condizioni meteorologiche che sono contesto durante un anno, centrato sui sondaggi eseguito per un periodo di almeno 30 anni .

Questi ultimi sono meno dettagliati, ma molto importanti perché i grandi movimenti delle masse rendono le vaste zone cicloniche e anticicloniche.

Giovedì probabile entrata di una nuova perturbazione con la possibilità probabilità di precipitazione.

Sud: alcuni nebbia su tra Campania, Molise e Gargano senza fenomeni, sole illuminato o più velato sull’altro regioni.

Sud Sul Mar Tirreno: Chiaro sulle coste e sul crinale calabrese, Scattered atmosfera con ampie radure da qualche altra parte . Sul Adriatico: Serene sulla costa ionica, sparsi nuvole con grandi radure altrove. Sulle isole maggiori: Sereno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*