Meteo al 30 Giugno: TEMPORALI e GRANDINE su mezza Italia, poi CALDO AFRICANO e MALTEMPO



EVOLUZIONE METEO PROBABILE SINO AL 30 GIUGNO 2018
In Italia è in atto un declino de la temperatura per il transito di una massa d’aria relativamente fresca giunta dal Nord Europa. Il flusso d’aria fredda trascinerà verso il nostro Paese successivo aria instabile che fra domenica e lunedì, e su molteplici aree anche per certi giorni seguenti, produrrà situazioni ideali per lo sviluppo di regioni coperto di nuvole foriere di precipitazioni spesso burrascose.

Lo abbiamo detto in passato molteplici volte, se per il Nord Italia, e tratti dell’alto adriatico non è anormale che ci sia un ricambio d’aria con nubifragi acquazzoni a fine giugno, è viceversa anormale che succeda in tutta la Peninsula e le Isole Maggiori, laddove ne i prossimi giorni ci sarà la possibilità di avere nubifragi acquazzoni e rovesci.

D’Estate nelle aree a tempo mediterraneo le precipitazioni sono scarsissime, è stagione di siccità e di preponderante bel tempo, questo è il tempo normale per tali aree, e non lo sono di certo i nubifragi acquazzoni, le tempeste di inaspettati come è accaduto questi giorni, i super nubifragi, fiumi e torrenti che esondano, le grandinate. Tali situazioni meteo sono anomalie climatiche, e parrebbe che non siano prossime al termine.

Dopotutto, l’Estate 2018 che meteorologicamente è iniziata il 1° Giugno, prosegue con anomalie in molteplici aree dell’italia, produce considerevoli danni all’agricoltura. Pone seri timori in coloro che hanno prenotato le vacanze, ma su questo non si possono avere notizie previsionali affidabili.

DETTAGLI METEO
Domenica un stimolo di aria instabile dovrebbe determinare ideali situazioni per lo sviluppo di una vivace instabilità atmosferica su molte aree, quelle che appaiono più esposte sono:

la Sardegna, laddove potrebbero esserci nubifragi acquazzoni diffusi da metà giornata fino su le coste. Poi la Sicilia, laddove si avrebbe un peggioramento di sera e poi notturno, con nubifragi acquazzoni a macchia di leopardo, anche intensi, sino a la mattinata di lunedì.

Lunedì nubifragi acquazzoni a macchia di leopardo potrebbero esserci su le Venezie, l’Emilia Romagna, forse a tratti anche la Lombardia, il Piemonte ed anche la Liguria. Ma non è atteso cattivo tempo, bensì una breve fase laddove a carattere locale potrebbero esserci nubifragi acquazzoni.

Martedì i nubifragi acquazzoni insisteranno al Sud Italia, tratti de la Sicilia, dell’Abruzzo e del Molise, e non solo al dopopranzo. Altrove prevarrà il bel tempo, con un crescita de la temperatura massima. Il tempo sarà ancora frizzante al mattino. La ventilazione del nord.

TENDENZA DA MERCOLEDI’
I primi giorni si avrà una ulteriore instabilità atmosferica al Sud Italia, con ulteriori nubifragi acquazzoni, poi il tempo volgerà verso un progresso.

Nelle altre aree dell’italia il tempo sarà tipicamente estivo, soleggiato e via via caldo. Ed è giusto verso il finire de la settimana che si manifesterà un crescita de la temperatura.

Ma il sole non sarà presente da ogni parte, in realtà al caldo che diventerà africano, e dunque rovente su buona parte d’Italia, si stenderanno gli effetti di aria oceanica che dapprima si porterà verso il Nord Italia, laddove specialmente nella regione alpina si avranno nubifragi acquazzoni.

Ciononostante, nel finire de la settimana, potrebbe giungere un recente fronte perturbato nel Centro Nord Italia, ma questo sarà da confermare.

Aggiornamenti e controllo evoluzione meteo, 24 ore su 24, a cura dello Staff

Vi suggeriamo di diventare nostri fan per rimanere aggiornati:
www.facebook.com/tempoitalia.it
twitter.com/tempoitaliait

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*