Meteo assurda Alta Pressione? Si sapeva da Gennaio, e adesso?


immagine 1 articolo 57254

Ve lo avevamo detto. Era fine gennaio e provavamo a ipotizzare il trend meteo climatico di febbraio. Si parlava a più non posso del Vortice Polare, perché a dicembre era stato rivoltato come un calzino dall’improvviso riscaldamento della Stratosfera.

All’epoca si guardava con fiducia al freddo, nel senso che le dinamiche era tutte pro-irruzione. Ci si lasciò andare persino all’ipotesi gelo, gelo che poi effettivamente colpì l’Europa orientale ma che non riuscì a spingersi sul Mediterraneo. In quel momento sopraggiunsero i primi dubbi.

Ondata di caldo straordinaria travolge anche l’Alaska

Ci chiedemmo quale fosse il motivo di un cambiamento così importante, iniziammo a domandarci come mai l’Alta Pressione se ne stava appollaiata ostinatamente a ridosso dell’Italia. Per rispondere si dovette rianalizzare il Vortice Polare, più in generale alcuni pattern dell’atmosfera che servono per stilare le tendenza a lungo termine.

La risposta fu relativamente semplice: il Vortice Polare si stata ricompattando. Già, dopo essersi trovato allo sbando si preparava alla gran rivincita. La stratosfera si stava rapidamente tanto velocemente quanto prima s’era riscaldata. Il raffreddamento, lo si sapeva, avrebbe provocato un ricompattamento della struttura vorticosa polare.

Clima e meteo: riscaldamento globale confermato, febbraio 2019 quarto più caldo di sempre

A quel punto stilare un altro trend non fu difficile. Molti di voi, i più assidui lettori dei nostri articoli, rammenteranno che si parlò della casistica meteo climatica scaturente da un Vortice Polare “strong”. La configurazione più probabile, statistiche alla mano, era proprio quella che poi si è realizzata: perturbazioni confinate sul nord Europa e Anticiclone a medie latitudini.

Ecco, sul nord Europa si sono abbattute vere e proprie tempeste, qui da noi dominava l’Alta Pressione. Solamente in pochissime circostanze abbiamo avuto dei timidi tentativi di abbassamento del flusso atlantico. Tentativi puntualmente messi a tacere dal dominio anticiclonico.

Meteo prossima settimana: fuori giubbotti e ombrelli

Ora la domanda è la seguente: come uscirne? Semplice (si fa per dire). Stiamo andando incontro alla naturale dissoluzione del Vortice Polare ed è per questo motivo che iniziamo a dar credito alle proiezioni che vorrebbero un inizio d’aprile caratterizzato da un sostanziale cambiamento delle condizioni meteo. Sì, lo sblocco potrebbe arrivare tra non molto e le piogge ripresentarsi come si deve.

Previsione sino a PASQUA. Pessime news nel Meteo Aeronautica previsioni 30 giorni

METEO 15 giorni: fine della SICCITA’, ad Aprile cambierà tutto

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia confronto DOPPIO passa qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO nazionali confronto QUADRUPLO clicca qua

Per le previsioni del tempo del mondo clicca qui

Per le previsioni meteo d’Europa clicca qua

Per le previsioni meteo italiane clicca qua

Per le previsioni regionali clicca qui

Per le previsioni del tempo televisive seleziona qui

Per le previsioni sui mari passa qui

Per l’altezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

 

Se il meteorologo sotto esame è responsabile di il più popolare diffusione di informazioni meteorologiche ( bollettini, articoli, televisore trasmissioni) fa a tipo di “sommario”, semplificando la lingua migliore, anche utilizzando simbologie e mappe.

I siti lanciano radiosonde, che aumentano attraverso la profondità della troposfera e bene stratosfera.

La scienza che studia il prossimo temporale, come definito sopra, si chiama meteorologia.

Queste correnti d’aria fredda si scontrano con le Alpi svizzere, e verso la Padania in questo momento c’è un forte aumento delle temperatire.

Giovedì probabile ingresso di un nuovo fronte perturbato con la probabilità di piogge.

Fra tre giorni Sabato 13 Ottobre

Temperature stabili, massime tra sedici e 12.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*