METEO: CALDO INFINITO, anche 20 giorni; i CONDIZIONATORI faranno gli STRAORDINARI

METEO: CALDO INFINITO, anche 20 giorni; i CONDIZIONATORI faranno gli STRAORDINARI
Gli ultimi dati indicano un alta pressione sempre più presente sul nostro Paese con una persistenza maggiore a i 15 giorni
Articolo del 22/05/2018

ore 21:50

scritto da

Salvatore de Rosa

Meteorologo

Caldo infinitoCaldo infinitoCome annualmente, al primo caldo e con le non proprie rosee prospettive di una nuova estate infuocata, non solo si riaccendono le preoccupazioni per i disagi ne i confronti delle fasce più tenui come gli decani, ma si riaccendono maggiormente, ahinoi, i condizionatori, gioie e dolori per giovani e meno giovani; che piaccia o no, non riusciamo più a fare meno dell’aria condizionata, e l’unica che si ingrasserà sarà come al solito la Bolletta 😉

Durante del fine settimana si espanderà infatti un anticiclone africano, vale a dire una bolla calda che dall’Africa pomperà masse d’aria di origine tunisina e algerina e addirittura sahariana verso l’Italia: l’aria calda scorrendo sul mare Libico, sul mare Mediterraneo e sul Tirreno si arricchirà di umidità che renderà poi il tempo irritante nelle nostre città, per non dire appiccicoso, opprimente dunque.

Sia Sabato 26 che Domenica 27 si toccheranno i 30°C nelle grandi città del Nord (da Milano a Bologna , da Brescia a Padova, da Ferrara a Venezia fin a Trieste) afflitte anche da un elevato tasso di umidità, ma anche Firenze, Roma, Napoli, Palermo, Foggia non saranno da meno. La “coroncina” del caldo potrebbe essere assegnata a Firenze, che in questa stagione si rinviene in un contesto geografico micro-climatico favorevole ad un improvviso crescita delle colonnina di mercurio.

Staranno un po’ meglio le città costiere come Cagliari, Ancona, Pescara, Bari e ovviamente Genova e la Liguria, poiché la vicinanza del mare e le brezze mitigatrici renderanno il tempo più accettabile e anche leggermente più gradevole.
Rari isolati forti rovesci di calore non allevieranno di quasi nulla il disagio di chi, come tanti, soffre l’avanzata de la cosiddetta “bella stagione”.

Ma il caldo continuerà ed aumenterà tutta la settimana consecutiva: da Domenica 27 a Domenica 3 Giugno enormi bolle d’aria rovente si metteranno in marcia verso l’Europa e l’Italia e non daranno pace, faranno schizzare i termometri bene al di sovra dei 30°C, e si raggiungeranno facilmente i 35°C sia a Bologna, che a Firenze, ma anche Roma sfiorerà i 33-34°C.
Il caldo diventerà soffocante non solo di giorno, ma successivamente sarà meno accettabile anche di serata e nottetempo perché gradualmente ogni cosa, dal terreno, a la strada, a i palazzi, a le auto, a i laghi, aumenteranno di temperatura. E stendiamo un caritatevole velo su le periodici scene dell’incuria che vedono avversi animali lasciati incautamente nelle arroventati auto.

E NON è finita qua: l’alta pressione africano non darà segni di debolezza, appare mettere radici sul nostro Paese, e punta orgogliosamente a superare la persistenza allusiva delle 2 settimane di vita spingendosi verso la prima decina di Giugno, un traguardo che solo pochi anticicloni riescono a battere, ma questa volta potrebbe farcela. Simile configurazione meteorologica darà giusto l’idea di un caldo infinito.

Ma come dicevamo prima, ci sarà probabilmente un superlavoro per i condizionatori, e dolori per la bolletta.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO in Italia comparazione DOPPIO seleziona qui
Per le SUPER PREVISIONI METEO in Italia comparazione QUADRUPLO seleziona qui
Per le previsioni del tempo del pianeta seleziona qui
Per le previsioni del tempo d’Europa seleziona qui
Per le previsioni del tempo in Italia seleziona qui
Per le previsioni del tempo de la tua regione seleziona qui
Per le previsioni del tempo in TV seleziona qui
Per le previsioni del tempo del moto ondoso seleziona qui
Per l’quota de la neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*