Meteo estremo, prossime 36 ore probabili nubifragi acquazzoni di fortissima impeto



Le situazioni meteo sull’Italia sono caratterizzate da temperature sensibilmente maggiori a la media (caldo tropicale), e facendo un paragone con le temperature che dovremo misurare in questo periodo dell’anno, rileviamo che ci sono anche oltre 5° centigradi sovra la norma. Potremmo dire che stiamo misurando le caratteristiche temperature del mese di luglio, ma ormai siamo in settembre inoltrato.


Il riferimento è ad un mese di luglio che non c’è più per causa dei mutamenti climatici che stiamo osservando ne gli ultimi anni, che appaiono più decisi riguardo al passato, e che sembrano intensificarsi.

Ma vediamo l’evoluzione: una massa d’aria più fresca proveniente dalla Francia tenderà catapultare verso l’Italia una semi stazionaria instabilità atmosferica che da giorni sosta intorno a le Baleari e la Spagna orientale, laddove gli scorsi giorni si sono avuti nubifragi acquazzoni di eccezionale violenza.

L’aria fresca giungerà durante de la giornata di giovedì, e attiverà masse coperto di nuvole foriere di nubifragi acquazzoni che tenderanno ad investire la Sardegna, la Toscana, e buona parte delle aree del Nord, con eventi a macchia di leopardo anche di forte impeto.

Come ha segnalato anche la Protezione Civile con un comunicato stampa con cui ha diffuso un’allerta meteo, si potrebbero verificare su scala locale anche precipitazioni consistenti, oltre che grandinate.

Ma il cambio meteo sarà solo caduco, subito successivamente tornerà l’alta pressione con temperature sensibilmente maggiori a la media.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*