Meteo: GIUGNO 2019, AFRICA contro POLO NORD, SCONTRO FINALE. Ecco gli ultimi AGGIORNAMENTI

Meteo: GIUGNO 2019, AFRICA contro POLO NORD, SCONTRO FINALE. Ecco gli ultimi AGGIORNAMENTI

Giugno, ultimi aggiornamentiGiugno, ultimi aggiornamentiNel corso di GIUGNO l’Italia si troverà nel mezzo del campo di battaglia tra incursioni di aria fredda ed instabile in discesa dal POLO NORD da una parte e la rimonta dell’alta pressione dall’AFRICA dall’altra. Uno SCONTRO FINALE tra configurazioni meteo diametralmente opposte, vediamo subito cosa aspettarci e quali saranno le conseguenze tracciando una tendenza con le ultime PROIEZIONI per il PROSSIMO MESE.

Grazie ai modelli meteo sul medio e lungo periodo possiamo vedere come nella prima parte del mese l’anticiclone africano riuscirà a distendersi per bene su tutto il nostro Paese garantendo più stabilità atmosferica. In particolare almeno fino al 4 Giugno ci aspettiamo tanto sole con le temperature previste in deciso aumento con punte che sfioreranno i 30-32°C al Centro Sud e sulle basse pianure del Nord. In questa fase i rovesci si concentreranno durante le ore pomeridiane esclusivamente lungo le catene montuose di Alpi e Appennini. Poi le incertezze aumentano a causa degli sconvolgimenti stratosferici che si sono registrati negli ultimi mesi sopra le zone Polari: il così detto (riscaldamento anomalo della stratosfera). Per questo motivo non sono da escludere discese di aria fredda dal Nord Europa tra il 5 e il 10 Giugno con la possibile formazioni di vortici ciclonici in rotta di collisione anche con l’Italia. Dati i forti constasti che si verranno a creare e la tanta energia in gioco saranno possibili temporali localmente anche molto intensi con grandinate e forti colpi di vento. Maggiormente a rischio in questi caso sono le regioni centro settentrionali, più esposte ai flussi instabili e freddi in arrivo da Nord Ovest.

Poi però l’Estate tornerà a far la voce grossa, nell’eterno scontro tra le due fazioni, con l’alta pressione pronta a portarsi dalle coste del nord al cuore dell’Europa. Per questo motivo sull’Italia ci aspettiamo una seconda e terza decade di GIUGNO prettamente estiva con temperature massime che supereranno i 30°C/32°C al Sud (Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia). Al Centro-Nord qualche grado in meno (29°C-30°C), ma il tutto in un contesto più caldo e stabile (valori leggermente più bassi solo sull’arco alpino).

if(adv_cm<2){
window._taboola = window._taboola || ;
_taboola.push({mode: 'organic-thumbnails-a', container: 'taboola-below-article-thumbnails', placement: 'Below Article Thumbnails', target_type: 'mix'});
}

if(adv_cm==0){
window._taboola = window._taboola || ;
_taboola.push({mode: ‘thumbnails-a’, container: ‘taboola-below-article-thumbnails-2nd’, placement: ‘Below Article Thumbnails 2nd’, target_type: ‘mix’});
}

if(adv_cm>0){(adsbygoogle = window.adsbygoogle || ).push({});} else document.getElementById(‘gad-nat’).style.display=’none’

Giugno, ultimi aggiornamentiGiugno, ultimi aggiornamentiNel corso di GIUGNO l’Italia si troverà nel mezzo del campo di battaglia tra incursioni di aria fredda ed instabile in discesa dal POLO NORD da una parte e la rimonta dell’alta pressione dall’AFRICA dall’altra. Uno SCONTRO FINALE tra configurazioni meteo diametralmente opposte, vediamo subito cosa aspettarci e quali saranno le conseguenze tracciando una tendenza con le ultime PROIEZIONI per il PROSSIMO MESE.

Grazie ai modelli meteo sul medio e lungo periodo possiamo vedere come nella prima parte del mese l’anticiclone africano riuscirà a distendersi per bene su tutto il nostro Paese garantendo più stabilità atmosferica. In particolare almeno fino al 4 Giugno ci aspettiamo tanto sole con le temperature previste in deciso aumento con punte che sfioreranno i 30-32°C al Centro Sud e sulle basse pianure del Nord. In questa fase i rovesci si concentreranno durante le ore pomeridiane esclusivamente lungo le catene montuose di Alpi e Appennini. Poi le incertezze aumentano a causa degli sconvolgimenti stratosferici che si sono registrati negli ultimi mesi sopra le zone Polari: il così detto (riscaldamento anomalo della stratosfera). Per questo motivo non sono da escludere discese di aria fredda dal Nord Europa tra il 5 e il 10 Giugno con la possibile formazioni di vortici ciclonici in rotta di collisione anche con l’Italia. Dati i forti constasti che si verranno a creare e la tanta energia in gioco saranno possibili temporali localmente anche molto intensi con grandinate e forti colpi di vento. Maggiormente a rischio in questi caso sono le regioni centro settentrionali, più esposte ai flussi instabili e freddi in arrivo da Nord Ovest.

Poi però l’Estate tornerà a far la voce grossa, nell’eterno scontro tra le due fazioni, con l’alta pressione pronta a portarsi dalle coste del nord al cuore dell’Europa. Per questo motivo sull’Italia ci aspettiamo una seconda e terza decade di GIUGNO prettamente estiva con temperature massime che supereranno i 30°C/32°C al Sud (Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia). Al Centro-Nord qualche grado in meno (29°C-30°C), ma il tutto in un contesto più caldo e stabile (valori leggermente più bassi solo sull’arco alpino).

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO nazionali confronto DOPPIO clicca qui
Per le SUPER PREVISIONI in Italia confronto QUADRUPLO clicca qui
Per le previsioni del tempo globali clicca qua
Per le previsioni europee passa qui
Per le previsioni meteo nazionali clicca qui
Per le previsioni della tua regione passa qui
Per le previsioni del tempo in TV clicca qua
Per le previsioni sui mari passa qui
Per l’altezza della neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Questi tipi di mappe sono piuttosto tecnologici e quindi generalmente impegnato a il più esperto.

I siti Web lanciano radiosonde, che aumentano attraverso la profondità della troposfera e bene nella .

Il clima, dall’altra mano , è il gruppo di condizioni meteorologiche che sono circostanza durante un anno, dipendente sui sondaggi eseguito per un periodo di almeno 30 anni .

Questo è chiamato foen: si verifica quando tra il nord e il sud delle Alpi c’è una differenza di pressione

Temperature in calo, massimo tra 13 e 18.

Centro: un po ‘di ispessimento anormale in prima ora di mattina ma senza degno di nota tendenze, più soleggiato dal pomeriggio. Temperature senza variazioni , massimo tra 15 e 18.

Centro: Generalmente soleggiato, tranne alcuni sparsi ispessimenti che arrivano in Toscana con pioviggine locale nelle aree settentrionali industrie nella notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*