Meteo: GIUGNO 2019, c’è subito il rischio di una SCIABOLATA POLARE. Ecco la PROIEZIONE per il PROSSIMO MESE

Meteo: GIUGNO 2019, c’è subito il rischio di una SCIABOLATA POLARE. Ecco la PROIEZIONE per il PROSSIMO MESE

Giugno, ultimi aggiornamentiGiugno, ultimi aggiornamentiSe la primavera che stiamo vivendo continua ad essere bizzarra con colpi di scena improvvisi (improntati al freddo), alla stessa maniera inizierà il primo mese estivo, GIUGNO, che stando alle più recenti emissioni modellistiche probabilmente vedrà un avvio sottotono caratterizzato ancora da una palude barica sul Mediterraneo Centrale e quindi anche sull’Italia. Poi ci sarà un cambio di rotta con l’arrivo dell’estate. E dunque, vediamo cosa ci prospettano le PROIEZIONI MENSILI del PROSSIMO MESE.

Dalle mappe a nostro possesso (elaborate dal centro di calcolo europeo ECMWF) si evince l’alto RISCHIO di una SCIABOLATA POLARE per la prima settimana di GIUGNO su tutto il nostro Paese. La causa che scatenerà questo inizio freddo e particolarmente instabile sarà la presenza di un flusso proveniente direttamente dai Paesi nordici che determinerà un ulteriore calo delle temperature e ancora piogge. Il periodo in cui sarà necessario l’ombrello sarà quello tra il 2 e il 10 Giugno, poi ci sarà una vera e propria svolta. L’estate metterà piede sull’acceleratore dalla metà del mese (dal 13 GIUGNO circa) mettendo fine al periodo eccezionalmente freddo. Le masse d’aria calda di origine africana si allungheranno velocemente verso l’Italia portando un incremento improvviso delle temperature.

Ipotizziamo quindi una seconda e terza decade di GIUGNO prettamente estiva con temperature massime che supereranno facilmente i 31°C/32°C al Sud (Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia). Al Centro-Nord qualche grado in meno (29°C-30°C), ma il tutto in un contesto più caldo e stabile (valori leggermente più bassi solo sull’arco alpino). Avremo un vero e proprio exploit della calura africana con il rischio che il caldo diventi sempre più pressante e insopportabile negli ultimissimi giorni di GIUGNO, fin verso gli inizi di Luglio.

if(adv_cm<2){
window._taboola = window._taboola || ;
_taboola.push({mode: 'organic-thumbnails-a', container: 'taboola-below-article-thumbnails', placement: 'Below Article Thumbnails', target_type: 'mix'});
}

if(adv_cm==0){
window._taboola = window._taboola || ;
_taboola.push({mode: ‘thumbnails-a’, container: ‘taboola-below-article-thumbnails-2nd’, placement: ‘Below Article Thumbnails 2nd’, target_type: ‘mix’});
}

if(adv_cm>0){(adsbygoogle = window.adsbygoogle || ).push({});} else document.getElementById(‘gad-nat’).style.display=’none’

Giugno, ultimi aggiornamentiGiugno, ultimi aggiornamentiSe la primavera che stiamo vivendo continua ad essere bizzarra con colpi di scena improvvisi (improntati al freddo), alla stessa maniera inizierà il primo mese estivo, GIUGNO, che stando alle più recenti emissioni modellistiche probabilmente vedrà un avvio sottotono caratterizzato ancora da una palude barica sul Mediterraneo Centrale e quindi anche sull’Italia. Poi ci sarà un cambio di rotta con l’arrivo dell’estate. E dunque, vediamo cosa ci prospettano le PROIEZIONI MENSILI del PROSSIMO MESE.

Dalle mappe a nostro possesso (elaborate dal centro di calcolo europeo ECMWF) si evince l’alto RISCHIO di una SCIABOLATA POLARE per la prima settimana di GIUGNO su tutto il nostro Paese. La causa che scatenerà questo inizio freddo e particolarmente instabile sarà la presenza di un flusso proveniente direttamente dai Paesi nordici che determinerà un ulteriore calo delle temperature e ancora piogge. Il periodo in cui sarà necessario l’ombrello sarà quello tra il 2 e il 10 Giugno, poi ci sarà una vera e propria svolta. L’estate metterà piede sull’acceleratore dalla metà del mese (dal 13 GIUGNO circa) mettendo fine al periodo eccezionalmente freddo. Le masse d’aria calda di origine africana si allungheranno velocemente verso l’Italia portando un incremento improvviso delle temperature.

Ipotizziamo quindi una seconda e terza decade di GIUGNO prettamente estiva con temperature massime che supereranno facilmente i 31°C/32°C al Sud (Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia). Al Centro-Nord qualche grado in meno (29°C-30°C), ma il tutto in un contesto più caldo e stabile (valori leggermente più bassi solo sull’arco alpino). Avremo un vero e proprio exploit della calura africana con il rischio che il caldo diventi sempre più pressante e insopportabile negli ultimissimi giorni di GIUGNO, fin verso gli inizi di Luglio.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO nazionali confronto DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI in Italia confronto QUADRUPLO seleziona qui
Per le previsioni del globo clicca qui
Per le previsioni d’Europa passa qui
Per le previsioni del tempo in Italia seleziona qui
Per le previsioni meteo regionali seleziona qui
Per le previsioni meteo televisive seleziona qui
Per le previsioni del moto ondoso clicca qui
Per l’altezza della neve clicca qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Ciascun meteorologo utilizza i prodotti di modelli fisico-matematici per interpretare l’evoluzione del tempo.

I siti lanciano radiosonde, che aumentano attraverso la profondità della troposfera e bene in alla .

Per tempo atmosferico intendiamo il complesso delle condizioni meteorologiche che si contraggono, il minimo lo strato dell’atmosfera, in un dato momento secondo e in il luogo; per “momento” consideriamo un breve intervallo intervallo , questo può essere un giorno o più giorni.

Le linee le quali circondano le zone ciclonica e anticiclonica sono chiamate isobare e indicano i punti al di sopra della pressione atmosferica.

Inside generale, temperature significativamente superiori a rispetto alla norma durante il fine settimana, leggermente inferiori a Martedì .

Sud: alcuni danno tra Campania, Molise e Gargano senza fenomeni, sole-inzuppato o più velato sull’altro regioni.

Dopodomani Martedì 7 Luglio Verso nord: Nuvole che si innalzano nel nord-ovest con un fenomeno debole nella notte , nevoso nelle Alpi a partire da 1500m, per lo più buono altrove. Temperature in minor declino, massime tra 14 e 17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*