Meteo invernale: ondata di gelo ovvero ondata di freddo? Burian?



Dando per abile il cambio climatico, c’è una precisazione da creare: si tratta di ondata di gelo o ondata di freddo?

La distinzione è molto poca, ma molto significante. Si tratta di ondata di gelo quando una buona parte dell’Italia scende sottozero nelle minime, e si sta intorno a lo zero nelle massime, come febbraio 2012 e febbraio-marzo 2018.

Si parla viceversa di ondata di freddo quando i termometri scendono diffusamente sotto zero la nottata, ma di giorno sale di diversi gradi.

Dunque, siccome ci saranno le prime brinate e le massime saranno, per lo meno in Pianura, intorno a i 3-8°C, a seconda delle giornate, possiamo parlare di avvezzioni di freddo. Questo non toglie che ci sarà più freddo riguardo ad ora, sia perché la settimana a venire sarà molto sotto la media, sia perché veniamo da una lunga fase meteorologica piacevole e non siamo acclimatati a certi valori, caratteristici di dicembre o gennaio.

Questo freddo tuttavia ha 3 pregi:
• Regolare le anomalie, impressionanti, di questa prima metà di novembre;
• Terminare il ciclo vitale di molti insetti;
• Abbassare la temperatura dei mari, riducendo dunque la possibilità di eventi intensi nel Mediterraneo. Eppure, i eventi estremi potrebbero persistere ancora.

In Italia l’ondata di gelo è nota anche Burian, ovvero grande freddo che viene dalla Russia. Un evento del genere per ora non dovrebbe verificarsi nel breve periodo. Oltre, tutto è probabile che succeda, viviamo un periodo climatico laddove sembrano accentuate le situazioni meteo estreme.

A dirlo sono scienziati multidisciplinari.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*