Meteo: INVERNO 2018/2019, GELO e NEVE arriveranno a la fine [AGGIORNAMENTO UFFICIALE]

Inverno 2018/2019 seconda parte movimentata con temperature in media e possibili nevicateInverno 2018/2019 seconda parte agitata con temperature mediamente e probabili nevicateFra poche settimane inizierà la STAGIONE INVERNALE (l’Inverno meteorologico aprirà i battenti il 1° Dicembre) quandanche un anticipo del freddo lo stiamo vivendo già in questi giorni per causa de la prima irruzione di una massa di aria di origine artico-continentale in discesa dalla Russia. Sarà il preludio di un lungo e gelido Inverno? Proviamo allora a tracciare una linea tendenza per quello che sarà l’inverno 2018/2019.

Da gli ultimi aggiornamenti dei centri di ricerca europei (European Centre for Medium-Range Weather Forecasts) la prima parte dell’inverno, Dicembre, sembrerebbe caratterizzata da temperature leggermente al di sovra delle medie (di circa 0,5-1°C) su buona parte dei versanti grazie ad una prima parte del mese di Dicembre con assidui periodi di alta pressione. Nella seconda parte viceversa si prospettano maggiori attacchi perturbati sia di origine atlantica che più fredda dai quadranti del Nord con fasi di brutto tempo in specifico al Centro Sud per causa de la formazione di Vortici Ciclonici sul Mediterraneo. Anche al Nord tuttavia non mancheranno le nevicate in specifico sull’arco delle alpi per la gioia dei tanti amanti de la neve e dello sci. Novità interessante, a differenza del antecedente aggiornamento che vedeva anche il proseguo de la stagione con temperature sempre sovra media, è la probabile svolta fredda, o tuttavia il ritorno mediamente, fra Gennaio e Febbraio quando l’Inverno tornerà a tutti gli effetti con i classici canoni di temperature sotto lo zero, nevicate sino a altezze basse e nebbie. I più importanti indici (luminosi, correnti foltissime etc) indicano un radicale cambio di movimentazione riguardo a quello che è l’ultimo anno caratterizzato da periodi caldi.

Da valutare, infine, il comportamento del Vortice Polare, la ampia area depressionaria e gelida presente a le Alte Latitudini, che potrebbe andare in crisi giusto nell’ultima parte de la stagione invernale. Proprio così fra Febbraio e Marzo l’afflusso di aria certamente più calda in alta atmosfera, in termine tecnico stratwarming, potrebbe favorire la divisione del Ciclone Polare in due o più parti e all’innesco di enormi masse di aria gelida in discesa da le aree Artiche fino sul bacino del Mediterraneo.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione QUADRUPLO clicca qua
Per le previsioni meteo del globo clicca qua
Per le previsioni meteo in Europa clicca qua
Per le previsioni meteo in Italia clicca qua
Per le previsioni meteo de la tua regione clicca qua
Per le previsioni meteo in TV clicca qua
Per le previsioni meteo del moto ondoso clicca qua
Per l’altitudine de la neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*