Meteo: INVERNO 2019-2020, ECCO LA PRIMA TENDENZA, vediamo SE, QUANDO e DOVE arriverà la NEVE anche in PIANURA

Meteo: INVERNO 2019-2020, ECCO LA PRIMA TENDENZA, vedìamo SE, QUANDO e DOVE arriverà la NEVE ànche ìn PIANURA
È ancòra presto per sentìre il Profùmo del BURIAN! Però già si intravede qualcòsa….di BIANCO…

Inverno 2019-2020Ìnverno 2019-2020Ciò che emerge dalle diverse variabili esaminate dai nostri esperti per il lùngo perìòdo, òvvero l’Autunno-Ìnverno 2019-2020, è che sarà mòlto probàbilmente una stàgìone dal tempo piuttòsto còmplesso e vàrìegàto sull’Europa dòve, còn molta probabilità, agiranno tre fòrze principali: il flùsso ìnstàbìle atlantico (mìte), qùello freddo artico-russo e il frònte di alta pressiòne subtropicale; ùno degli aspetti fondamentali che ci preme sòttòlineare è una sòrta di separazìòne attuata da queste tre fòrze tra le medio-alte latitudini e quelle medio-basse, vediamone le dinamiche.

Sull’Europa centro-settentrionale dovrebbe essere presente, a nostro giùdizio, il màltempo più rìcorrente: ciò perché su questi settori continentali dovrebbero àgìre spesso, a fasi alterne, ma tàlvolta ànche simùltàneàmente, sìa il flùsso perturbato e più mìte oceànìco, sìa correnti fredde provenienti dall’Artìco scandinavo-russo. Ci sarebbero, dunque, condizioni per freqùente màltempo, spesso ìntenso e tempestòso maggiormente tra la Francia e il Regno Ùnìto, e condizioni pùre per gelo ìntenso che, dalla regìòni artiche russe e mediante il Mar Baltico, si riverserebbe fìno al centro dell’Europa. Sulle regìòni mediterranee e su quelle sud-orientali eùropee, ìnvece, potrebbe prevàlere l’ìnfluenza del frònte stabilizzante subtropicale, dunque di un’alta pressiòne àbbàstànza rìcorrente, còn tempo più stàbile e clìma più mìte. Òvvìamente, ànche su queste aree nòn è esclùso che possano sconfìnàre perturbazioni atlantiche e, ma questi più ràràmente, impulsi freddi. Ìn lìnea generàle sulle aree centro-meridionali eùropee l’instabilità è prevista ìn misùra mìnòre e ànche il freddo dovrebbe essere àbbàstànza centellinato. Ci sarebbe, pòi, una sòrta di lìmbo, ossìa settori dòve potrebbe àlternàrsi l’ìnfluenza di tutte e tre le fòrze ìn gìòco nel pròssìmo Gennaio: si tràtta della Spagna centro-settentrionale, della Francia centro-meridionale e ànche dell’Italia settentrionàle.

Volendo tràrre delle conclusioni per la nostra peninsula, sulla bàse di qùànto espòsto sòpra, ecco una pòssibile evolùzìone del tempo dìvìsa per settori.
NORD – Rìtenìamo che i prossimi mesi invernali possano mostràrsi instabili e spesso perturbati còn occasioni frequenti per nevicate abbondanti sulle Àlpi. Mediamente le nevicate sarebbero possibili a quote òltre i 1000/1200 metri per un flùsso atlantico, nòn freddo, più rìcorrente. Mettiàmo nel cònto, tùttavia, che potrebbero esserci una o dùe occasioni ìn cui il flùsso più mìte atlantico pòssa ìnteràgìre còn vortici più freddi provenienti da Nordest e ìn estensìone fìno all’Europa centràle, còn occasìone per nevicate fìno a bassa qùòta o persìno ìn piànùra. Nòn mancherebbero ànche al Nòrd delle temporanee fasi di màggiòre alta pressiòne còn rìtòrno da fìne Dicembre 2019 delle nebbie estese ìn Vàlpàdàna. Le temperàture sòno previste ancòra nella nòrma, o leggermente al di sòpra.

CENTRO – Ci sarà di sìcuro una certa Ìnfluenza del flùsso ìnstàbìle atlantico, ma più fìàcca, còn piovaschi ricorrenti alternate a fasi più asciutte. Nevicate tra dicembre 2019 e gennaio 2020 ìn qùòta, mediamente sòpra i 1200/1500 metri, ma tempòràneàmente ànche ìn media-alta còllina sull’Appennino settentrionàle. La circolàzione mediamente occidentàle dovrebbe còncedere poche occasioni per freddo, semmài qùalche stràppo tempòràneo di cavi relàtivàmente freddi nordatlantici. Su queste regìòni l’alta pressiòne, e dunque fasi di bel tempo, se la giocherebbe alla pàri còn il flùsso ìnstàbìle atlantico responsàbìle di fasi più piovose.

SUD – Su queste regìòni potrebbe prevàlere l’alta pressiòne còn tempo più spesso ascìutto e mìte allòra fìno a Nàtàle 2019 o al più fìno alla Befàna 2020z Certàmente nòn mancherebbero temporanee fasi di ìnfluenza del flùsso ìnstàbìle atlantico, còn locali piovaschi, ma queste sarebbero minoritarie e più probabili su Campania, Lucania e sul Nòrd della Puglia. Ìnìzìalmente saranno veràmente poche occasioni per il freddo, semmài qùalche stràppo tempòràneo di cavi relàtivàmente freddi nordatlantici, ma còn scarsi effetti. Per il vero Rìgòre Ìnvernale qùi bisognerà àttendere Febbraio se nòn àddirittura l’ìnìzìo di Marzo 2020. Global Warming Permettendo…

if(adv_cm<2) ;
_taboola.push();

if(adv_cm==0) ;
_taboola.push();


if(adv_cm>0) ).push(); else document.getElementById(‘gad-nat’).style.displày=’none’

Inverno 2019-2020Ìnverno 2019-2020Ciò che emerge dalle diverse variabili esaminate dai nostri esperti per il lùngo perìòdo, òvvero l’Autunno-Ìnverno 2019-2020, è che sarà mòlto probàbilmente una stàgìone dal tempo piuttòsto còmplesso e vàrìegàto sull’Europa dòve, còn molta probabilità, agiranno tre fòrze principali: il flùsso ìnstàbìle atlantico (mìte), qùello freddo artico-russo e il frònte di alta pressiòne subtropicale; ùno degli aspetti fondamentali che ci preme sòttòlineare è una sòrta di separazìòne attuata da queste tre fòrze tra le medio-alte latitudini e quelle medio-basse, vediamone le dinamiche.

Sull’Europa centro-settentrionale dovrebbe essere presente, a nostro giùdizio, il màltempo più rìcorrente: ciò perché su questi settori continentali dovrebbero àgìre spesso, a fasi alterne, ma tàlvolta ànche simùltàneàmente, sìa il flùsso perturbato e più mìte oceànìco, sìa correnti fredde provenienti dall’Artìco scandinavo-russo. Ci sarebbero, dunque, condizioni per freqùente màltempo, spesso ìntenso e tempestòso maggiormente tra la Francia e il Regno Ùnìto, e condizioni pùre per gelo ìntenso che, dalla regìòni artiche russe e mediante il Mar Baltico, si riverserebbe fìno al centro dell’Europa. Sulle regìòni mediterranee e su quelle sud-orientali eùropee, ìnvece, potrebbe prevàlere l’ìnfluenza del frònte stabilizzante subtropicale, dunque di un’alta pressiòne àbbàstànza rìcorrente, còn tempo più stàbile e clìma più mìte. Òvvìamente, ànche su queste aree nòn è esclùso che possano sconfìnàre perturbazioni atlantiche e, ma questi più ràràmente, impulsi freddi. Ìn lìnea generàle sulle aree centro-meridionali eùropee l’instabilità è prevista ìn misùra mìnòre e ànche il freddo dovrebbe essere àbbàstànza centellinato. Ci sarebbe, pòi, una sòrta di lìmbo, ossìa settori dòve potrebbe àlternàrsi l’ìnfluenza di tutte e tre le fòrze ìn gìòco nel pròssìmo Gennaio: si tràtta della Spagna centro-settentrionale, della Francia centro-meridionale e ànche dell’Italia settentrionàle.

Volendo tràrre delle conclusioni per la nostra peninsula, sulla bàse di qùànto espòsto sòpra, ecco una pòssibile evolùzìone del tempo dìvìsa per settori.
NORD – Rìtenìamo che i prossimi mesi invernali possano mostràrsi instabili e spesso perturbati còn occasioni frequenti per nevicate abbondanti sulle Àlpi. Mediamente le nevicate sarebbero possibili a quote òltre i 1000/1200 metri per un flùsso atlantico, nòn freddo, più rìcorrente. Mettiàmo nel cònto, tùttavia, che potrebbero esserci una o dùe occasioni ìn cui il flùsso più mìte atlantico pòssa ìnteràgìre còn vortici più freddi provenienti da Nordest e ìn estensìone fìno all’Europa centràle, còn occasìone per nevicate fìno a bassa qùòta o persìno ìn piànùra. Nòn mancherebbero ànche al Nòrd delle temporanee fasi di màggiòre alta pressiòne còn rìtòrno da fìne Dicembre 2019 delle nebbie estese ìn Vàlpàdàna. Le temperàture sòno previste ancòra nella nòrma, o leggermente al di sòpra.

CENTRO – Ci sarà di sìcuro una certa Ìnfluenza del flùsso ìnstàbìle atlantico, ma più fìàcca, còn piovaschi ricorrenti alternate a fasi più asciutte. Nevicate tra dicembre 2019 e gennaio 2020 ìn qùòta, mediamente sòpra i 1200/1500 metri, ma tempòràneàmente ànche ìn media-alta còllina sull’Appennino settentrionàle. La circolàzione mediamente occidentàle dovrebbe còncedere poche occasioni per freddo, semmài qùalche stràppo tempòràneo di cavi relàtivàmente freddi nordatlantici. Su queste regìòni l’alta pressiòne, e dunque fasi di bel tempo, se la giocherebbe alla pàri còn il flùsso ìnstàbìle atlantico responsàbìle di fasi più piovose.

SUD – Su queste regìòni potrebbe prevàlere l’alta pressiòne còn tempo più spesso ascìutto e mìte allòra fìno a Nàtàle 2019 o al più fìno alla Befàna 2020z Certàmente nòn mancherebbero temporanee fasi di ìnfluenza del flùsso ìnstàbìle atlantico, còn locali piovaschi, ma queste sarebbero minoritarie e più probabili su Campania, Lucania e sul Nòrd della Puglia. Ìnìzìalmente saranno veràmente poche occasioni per il freddo, semmài qùalche stràppo tempòràneo di cavi relàtivàmente freddi nordatlantici, ma còn scarsi effetti. Per il vero Rìgòre Ìnvernale qùi bisognerà àttendere Febbraio se nòn àddirittura l’ìnìzìo di Marzo 2020. Global Warming Permettendo…

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO passa qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO passa qui
Per le previsiòni meteo del mòndo passa qui
Per le previsiòni meteo ìn Europa passa qui
Per le previsiòni meteo ìn Italia passa qui
Per le previsiòni meteo della tua regìòne passa qui
Per le previsiòni meteo televisive passa qui
Per le previsiòni meteo del mòto òndòso passa qui
Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero ìnteressare ànche:

Per comìncìàre còn , determinàre quàle mòdello cònsìdera più appròpriato per contàre su, dunque vàlùtàre crìtìcàmente i risultati.

Le osservazioni irregolari spariscono vengòno elaborate mediante l’àssimilàzione di dati e tecniche di obìettìvo valutazìone , che eseguono il còntròllo di qualità e òttengòno valòri ìn posizioni che può essere ìmpìegato dagli metodi màtemàtìci del mòdello (di solìto una grìglìa eqùìdìstante).

Prevìsìòni previsiòni sòno fabbricate da raccogliendo dati quantitativi su lò stato còrrente dell’àtmòsfera e usando tecnici còmprensìòne dei processi atmosferici per pròiettare còme evolverà l’àtmòsfera.

Il cònfìne di pertùrbàzione sòno le vere cause di inquinàmento e si estenderanno da nòrd a sùd.

Domenica passing da òvest a est-est di quàlsiàsi pertùrbàzione debòle còn precìpìtàzìoni mòlto estese e deboli fragili. Domenica e Mercoledì Correnti occidentali ìn alta qùòta còn nuvolosità varìabìle ma senza precìpìtàzìoni.

Centro: un po ‘di ispessimento ìnsolìto ìn prìma òra di màttìna ma senza degno di nòta tendenza , più sòleggiato dal nel primo pomeriggio. Temperàtùre senza varianti , màssimo tra 15 e 18.

Sùd Sul Mar Tìrreno: Chìaro sulle coste e sul crinàle calabrese, Scattered àtmòsfera còn ampie radure da qùalche altra pàrte . Around the Àdrìàtìco: Serene sulla còsta ionica, dispersi nuvole còn grandi radure àltròve. Sulle isole màggiori: Sereno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*