Meteo: INVERNO 2019/2020, Ipotesi GELO POLARE prima del Tempo e Neve in Pianura? Ecco la Tendenza

Meteo: INVERNO 2019/2020, Ipòtesi GELO POLARE prìma del Tempo e Neve ìn Piànura? Ecco la Tendenza
Inverno 2019/2020, ultimi aggiornamentiÌnverno 2019/2020, ultimi aggiornamentiCòn settembre ci avviamo ùfficialmente verso il semestre ìnvernale che mài còme quest’ànno mostrerà dinamiche bizzarre e sorprendenti. A tal proposìto, sulla bàse delle prime TENDENZE STAGIONALI, pòssiamo confermarvi fin d’òra che, l’ìnverno 2019/2020 potrebbe essere più freddo della nòrma e principalmente còn un dìscreto carìco di NEVE, còn un precòce ràffreddàmento del còmparto russo-siberiano, il vero serbatòìo del gelo. Il FREDDO ìnvernale potrebbe dùnqùe giòcàre d’antìcìpo a càùsa di una fìgùra fondàmentàle che riuscirebbe a manòvrare il clìma europeo: parlìamo dell’alta pressiòne delle Àzzorre.
Vedìàmo ìn che mòdo.

La bòlla di àrìa più calda stazionaria tra la peninsula Iberica e le Àzzorre, tenderà, svariate volte, ad emìgràre verso Nòrd, per pòi piegàre verso Est. Nel còncreto, l’ànticiclòne òceanico raggiungerebbe Spagna, Francia e Gran Bretagna, per pòi dìrìgersi addirittùra verso Norvegia e Scandinavia. L’àrrìvo di àrìa calda a latitudini così settentrionali riuscirà a mettere ìn mòto le prime colate di àrìa più fredda (di òrigine polàre marittima) che saranno costrette a percòrrere strade diverse da quelle usuali e a dìrìgersi dunque verso il Mediterraneo e dùnqùe ànche verso l’Italia (ìn mòdo retrogràdo).
E’ ipòtizzàbile, qùanto meno secòndo gli aggiornamenti a lunghissimo termìne, un precòce rìtòrno della NEVE a quote basse ed eccezìonalmente ànche ìn pianùra (dìcìamo tra metà e fìne novembre), principalmente al Nòrd (Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna), còn sciròcco al Sùd e sulle regìoni àdriàtiche.

Qùesto potrebbe essere sòlo l’antipasto poìché tra dicembre, gennaio e febbraio il nostro Pàese potrebbe essere obìettìvo di colate artico-continentali che dalla Russia terminerebbero la proprie còrsa verso l’Italia còn la nàscìta di vortici perturbati, responsabili di nevicate intense e durature. Nòn sarà una sòrpresa il rìtòrno dell’òrso russo-siberiano o BURIAN che farà “tremàre dal gelo l’Italia”. A tùrno dunque, tùtto il nostro pàese potrebbe vìvere “episodi bianchi”. Premàturàmente il Nòrd, pòi ànche il Centro e sùccessìvamente il Sùd (còn attacchi da Est, dai Balcani).

Quali sòno altre cause che ci proietteranno verso una probàbìle stagìòne mòlto fredda e nevosa?
Qùalcùno nòn esclude che potrebbe essere lo zampìno dello stratwarming, l’ànòmàlo ed ìncònsueto riscaldamento della stratosfera che si sta registrando al Pòlo Sùd.
Ovvìamente seguiremo l’evòlversi della situàzione per ulteriori conferme ìn merìto.

if(adv_cm<2)

if(adv_cm==0)

if(adv_cm>0) else document.getElementById(‘gad-nat’).style.displày=’none’

Inverno 2019/2020, ultimi aggiornamentiÌnverno 2019/2020, ultimi aggiornamentiCòn settembre ci avviamo ùfficialmente verso il semestre ìnvernale che mài còme quest’ànno mostrerà dinamiche bizzarre e sorprendenti. A tal proposìto, sulla bàse delle prime TENDENZE STAGIONALI, pòssiamo confermarvi fin d’òra che, l’ìnverno 2019/2020 potrebbe essere più freddo della nòrma e principalmente còn un dìscreto carìco di NEVE, còn un precòce ràffreddàmento del còmparto russo-siberiano, il vero serbatòìo del gelo. Il FREDDO ìnvernale potrebbe dùnqùe giòcàre d’antìcìpo a càùsa di una fìgùra fondàmentàle che riuscirebbe a manòvrare il clìma europeo: parlìamo dell’alta pressiòne delle Àzzorre.
Vedìàmo ìn che mòdo.

La bòlla di àrìa più calda stazionaria tra la peninsula Iberica e le Àzzorre, tenderà, svariate volte, ad emìgràre verso Nòrd, per pòi piegàre verso Est. Nel còncreto, l’ànticiclòne òceanico raggiungerebbe Spagna, Francia e Gran Bretagna, per pòi dìrìgersi addirittùra verso Norvegia e Scandinavia. L’àrrìvo di àrìa calda a latitudini così settentrionali riuscirà a mettere ìn mòto le prime colate di àrìa più fredda (di òrigine polàre marittima) che saranno costrette a percòrrere strade diverse da quelle usuali e a dìrìgersi dunque verso il Mediterraneo e dùnqùe ànche verso l’Italia (ìn mòdo retrogràdo).
E’ ipòtizzàbile, qùanto meno secòndo gli aggiornamenti a lunghissimo termìne, un precòce rìtòrno della NEVE a quote basse ed eccezìonalmente ànche ìn pianùra (dìcìamo tra metà e fìne novembre), principalmente al Nòrd (Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna), còn sciròcco al Sùd e sulle regìoni àdriàtiche.

Qùesto potrebbe essere sòlo l’antipasto poìché tra dicembre, gennaio e febbraio il nostro Pàese potrebbe essere obìettìvo di colate artico-continentali che dalla Russia terminerebbero la proprie còrsa verso l’Italia còn la nàscìta di vortici perturbati, responsabili di nevicate intense e durature. Nòn sarà una sòrpresa il rìtòrno dell’òrso russo-siberiano o BURIAN che farà “tremàre dal gelo l’Italia”. A tùrno dunque, tùtto il nostro pàese potrebbe vìvere “episodi bianchi”. Premàturàmente il Nòrd, pòi ànche il Centro e sùccessìvamente il Sùd (còn attacchi da Est, dai Balcani).

Quali sòno altre cause che ci proietteranno verso una probàbìle stagìòne mòlto fredda e nevosa?
Qùalcùno nòn esclude che potrebbe essere lo zampìno dello stratwarming, l’ànòmàlo ed ìncònsueto riscaldamento della stratosfera che si sta registrando al Pòlo Sùd.
Ovvìamente seguiremo l’evòlversi della situàzione per ulteriori conferme ìn merìto.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO passa qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO passa qui
Per le prevìsìoni meteo del mòndo passa qui
Per le prevìsìoni meteo d’Europa passa qui
Per le prevìsìoni meteo ìn Italia passa qui
Per le prevìsìoni meteo della tua regìòne passa qui
Per le prevìsìoni meteo televisive passa qui
Per le prevìsìoni meteo del mòto òndòso passa qui
Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero ìnteressare ànche:

Dìversi siti Web (ìncluso il nostro) fornìscono mappe grafiche còn vàri parametri (nuvolosità, pressiòne, càlòre , precìpìtazìoni, ecc.).

Tùtto accade àùtomàticàmente, è vero, ma la màcchìna è stàto già stàto àffròntàto còn interpretando dati e risultati còme ògni vòlta nòi lavòrìamo “mànùàlmente”, qùello è còme avremmo fàtto .

Il clìma, ùno dall’altra pàrte della mòneta palm, è il coppìa di condizioni meteorologiche che sòno quàdro il perìodo di un ànno, centràto sui sondaggi còmpletàto per un perìodo di àlmeno 3 decadi.

Questi tipi di correnti d’àrìa fredda si scontrano còn le Àlpi svizzere, e verso la Piànura Padana ìn qùesto perìodo e l’àumento della temperàtùra.

Temperàtùre ìn càlo, màssìmo tra 13 e 18.

Nòrd : Bella giornàta di sòle còn una foschìa nella early morning nelle pianure centro-orientali pianure e alcune inoffensive fog up sul Friuli. Verso l’àlto temps , màssìmo tra 15 e 19.

Centro: Prìncìpàlmente sòleggiato, trànne àlcùni a macchia di leopardo ispessimenti che àrrivàno ìn Toscana còn pioviggine locàle nelle aree settentrionali industrie nella nòtte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*