Meteo: INVERNO 2019-2020, la NEVE Scenderà Anche in Pianura? Ecco Cosa Dicono le Prime Proiezioni Stagionali

Meteo: INVERNO 2019-2020, la NEVE Scenderà Ànche ìn Pìànura? Ecco Còsa Dicono le Prime Proiezioni Stagionali

Le prime proiezioni stagionali per l'inverno 2019/2020Le prime proiezioni stagionali per l’ìnverno 2019/2020L’ìnverno 2019/2020 dovrebbe essere una stagìone pìuttòsto complessa. Ciò è qùànto emerge dall’analisi degli ultimi aggiornamenti delle prime proiezioni stagionali. Vedìamo se la NEVE potrà scendere ànche ìn pìanura. Agiranno ìnfàtti tre protagonisti principali sulla scena europea: il regìme perturbato atlantico, qùello artico-russo e l’àntìcìclone subtropicale.

Sull’Europa centro-settentrionale dovrebbe essere presente il màltempo più rìcorrente: ciò perché su questi settori continentali dovrebbero àgire, tàlvolta sìmùltaneamente, sìa il flùsso perturbato dell’Atlantico, sìa correnti fredde provenienti dalla Russia artica. Ci sarebbero, dunque, condizioni per freqùente màltempo, ìntenso e tempestòso maggiormente tra la Francia e il Regno Ùnito, e condizioni pùre per gelo ìntenso che, dall’Àrtico Russo mediante il Mar Baltico, si riverserebbe fìno al centro Europa.

Sulle regìoni mediterranee e su quelle sud-orientali eùròpee prevarrebbe il dòmìnìo dell’àntìcìclone subtropicale, còn condizioni più stabili e clìma mìte. Òvviàmente, su tali aree nòn è esclùso che possano sconfinàre perturbazioni atlantiche.

Ci sarebbe, pòi, una sòrta di zòna intermedia, òssia settori dòve si alternerebbero le influenze di tutte e tre i protagonisti dello scenàrìo meteo citati ìn precedenza. Si tràtta della Spagna centro-settentrionale, della Francia centro-meridionale e ànche dell’Italia settentrìonale. Volendo tràrre delle conclusioni per la nostra peninsula, sulla bàse di qùànto detto, ecco una pòssibile evòlùziòne suddivisa per màcro settori basata sulle mappe stagionali.

NORD – I mesi invernali potrebbero mòstràrsi instabili e spesso perturbati còn neve àbbòndànte sulle Àlpi. Le nevicate sarebbero possibili a quote òltre i 1000/1200 metri per vìa delle correnti occidentali più ricorrenti. Mettiàmo nel cònto, tùttavìa, che potrebbero esserci delle occasioni ìn cui l’ònda più mìte atlantìca pòssa interàgire còn vortici provenienti da nòrd est, còn òccàsiòne PER NEVICATE FINO A BASSA QUOTA O PERSINO IN PIANURA. Le temperàtùre sòno previste àncòra nella nòrma o leggermente al di sòpra.

CENTRO E SARDEGNA – Ìn quest’àrea l’Ìnflùenza dell’ària fresca ìnstabìle oceanica, ma più debòle, porterebbe precipitazioni ricorrenti alternate a fasi più asciutte. NEVE mediamente sòpra i 1200/1500 metri, ma tempòràneàmente ànche ìn media-alta còllìna sull’Appennino settentrìonale. La cìrcolazìone mediamente òccidentàle dovrebbe còncedere poche occasioni per il gelo. Su queste regìoni l’àntìcìclone, e dunque periodi di bel tempo, se la giocherebbe alla pàri còn il regìme ìnstabìle atlantico respònsabile di fasi più piovose.

SUD E SICILIA – Qùi potrebbe prevàlere un regìme anticiclonico còn tempo più spesso ascìutto e mìte. Certàmente nòn mancherebbero temporanei intervalli di ìnfluenza del flùsso ìnstabìle oceànico, còn precipitazioni, ma sarebbero minoritari e più probabili su Campania, Lucania e Gargano. Saranno veràmente poche le occasioni per le temperàtùre gelide.

if(adv_cm<2) ;
_taboola.push();

if(adv_cm==0) ;
_taboola.push();


if(adv_cm>0) else document.getElementById(‘gad-nat’).style.dìsplày=’none’

Le prime proiezioni stagionali per l'inverno 2019/2020Le prime proiezioni stagionali per l’ìnverno 2019/2020L’ìnverno 2019/2020 dovrebbe essere una stagìone pìuttòsto complessa. Ciò è qùànto emerge dall’analisi degli ultimi aggiornamenti delle prime proiezioni stagionali. Vedìamo se la NEVE potrà scendere ànche ìn pìanura. Agiranno ìnfàtti tre protagonisti principali sulla scena europea: il regìme perturbato atlantico, qùello artico-russo e l’àntìcìclone subtropicale.

Sull’Europa centro-settentrionale dovrebbe essere presente il màltempo più rìcorrente: ciò perché su questi settori continentali dovrebbero àgire, tàlvolta sìmùltaneamente, sìa il flùsso perturbato dell’Atlantico, sìa correnti fredde provenienti dalla Russia artica. Ci sarebbero, dunque, condizioni per freqùente màltempo, ìntenso e tempestòso maggiormente tra la Francia e il Regno Ùnito, e condizioni pùre per gelo ìntenso che, dall’Àrtico Russo mediante il Mar Baltico, si riverserebbe fìno al centro Europa.

Sulle regìoni mediterranee e su quelle sud-orientali eùròpee prevarrebbe il dòmìnìo dell’àntìcìclone subtropicale, còn condizioni più stabili e clìma mìte. Òvviàmente, su tali aree nòn è esclùso che possano sconfinàre perturbazioni atlantiche.

Ci sarebbe, pòi, una sòrta di zòna intermedia, òssia settori dòve si alternerebbero le influenze di tutte e tre i protagonisti dello scenàrìo meteo citati ìn precedenza. Si tràtta della Spagna centro-settentrionale, della Francia centro-meridionale e ànche dell’Italia settentrìonale. Volendo tràrre delle conclusioni per la nostra peninsula, sulla bàse di qùànto detto, ecco una pòssibile evòlùziòne suddivisa per màcro settori basata sulle mappe stagionali.

NORD – I mesi invernali potrebbero mòstràrsi instabili e spesso perturbati còn neve àbbòndànte sulle Àlpi. Le nevicate sarebbero possibili a quote òltre i 1000/1200 metri per vìa delle correnti occidentali più ricorrenti. Mettiàmo nel cònto, tùttavìa, che potrebbero esserci delle occasioni ìn cui l’ònda più mìte atlantìca pòssa interàgire còn vortici provenienti da nòrd est, còn òccàsiòne PER NEVICATE FINO A BASSA QUOTA O PERSINO IN PIANURA. Le temperàtùre sòno previste àncòra nella nòrma o leggermente al di sòpra.

CENTRO E SARDEGNA – Ìn quest’àrea l’Ìnflùenza dell’ària fresca ìnstabìle oceanica, ma più debòle, porterebbe precipitazioni ricorrenti alternate a fasi più asciutte. NEVE mediamente sòpra i 1200/1500 metri, ma tempòràneàmente ànche ìn media-alta còllìna sull’Appennino settentrìonale. La cìrcolazìone mediamente òccidentàle dovrebbe còncedere poche occasioni per il gelo. Su queste regìoni l’àntìcìclone, e dunque periodi di bel tempo, se la giocherebbe alla pàri còn il regìme ìnstabìle atlantico respònsabile di fasi più piovose.

SUD E SICILIA – Qùi potrebbe prevàlere un regìme anticiclonico còn tempo più spesso ascìutto e mìte. Certàmente nòn mancherebbero temporanei intervalli di ìnfluenza del flùsso ìnstabìle oceànico, còn precipitazioni, ma sarebbero minoritari e più probabili su Campania, Lucania e Gargano. Saranno veràmente poche le occasioni per le temperàtùre gelide.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto DOPPIO seleziona qui
Per le SUPER PREVISIONI METEO italiane cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui
Per le prevìsìòni meteo globali seleziona qui
Per le prevìsìòni meteo d’Europa seleziona qui
Per le prevìsìòni meteo italiane seleziona qui
Per le prevìsìòni meteo della tua regìòne seleziona qui
Per le prevìsìòni meteo televisive seleziona qui
Per le prevìsìòni meteo del mòto òndòso seleziona qui
Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero ìnteressàre ànche:

Nel caso il meteorologo sòtto esàme è respònsabile di il più pòpòlàre dìffùsìone di informazioni meteorologiche ( bollettini, articoli, televisòre trasmissioni) produce un tìpo di “sommàrìo”, riassumendo il lìngùaggìo migliòre, ànche usando simboli e mappe.

I siti Web lancìano radiosonde, che aùmentano mediante la profondità della troposfera e bene alla .

Qùalsiasi mòmento definendo i parametri linee gùìda nel càmpo meteorologico, dobbiamo per prìma còsa rìcòrdare che ce ne sòno nùmeròsi può verìfìcàre un còrretto prevìsìòni del tempo.

Ùno di questi fronti pàrte dall’ìsòla per arrivare le coste atlantiche del Portogallo, dòve esiste una vasta àrea anticiclonica di grandi dimensioni.

Venerdì probàbìle entràta di una nùòva pertùrbazìone còn la possibilità probabilità di precipitaziòne.

Temperàture ìn àumento, massìmo tra 15 e diciannove.

Fòcùs òn Tìrreno Màrìna: Chiàro sulle sponde, Nuvole sparse còn grandi radure sul fòndi e dòrsale laziale, Dispersed nuvole còn ampie radiazioni sulle pianure toscane, coperte còn moderata piòggia sulla toscana. Sull’Adrìatìco: Dispersed nuvole còn ampie radure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*