Meteo Italia: ha fatto TROPPO CALDO, vi facciamo vedere il motivo delle ALLUVIONI


immagine 1 articolo 53835

Il meteo estremo del 29 ottobre deve porci una questione: tutta quell’energia in gioco da laddove è scaturita?

Teniamo presente il fatto che l’autunno è sempre stata una stagione di contrasti termici più o meno decisi, nonché di episodi piovigginosi alluvionali (si ricordano le alluvioni del 1951 e del 1966), ma gli episodi di fine ottobre scorso sono stati davvero eccezionali.

La risposta sta (per lo meno in parte) nell’eccessiva anomalia termica dei mesi passati che, a livello europeo, si trascina considerevole da aprile, con il culmine fra agosto e ottobre, con 3 mesi davvero troppo caldi, come si evince dalla immagine.

Conseguentemente, simile anomalia è rispecchiata anche nelle temperature delle acque superficiali del Mediterraneo, determinabile in 1.5-2°C in surplus riguardo a quello che ci aspetteremmo a inizio novembre; mare più caldo comporta più differenze di energia in gioco (riguardo all’aria di estrazione polare in arrivo da Nord) e dunque maggior possibilità di meteo severo. Se poi ci mettiamo anche la stazionarietà dei eventi (le saccature sono bloccate a est, dunque scaricano tutta la propie energia nel Mediterraneo), si spiega il continuo perdurare di eventi intensi da Nord a Sud.

Questi avvertimenti sono già stati pensati mesi fa, quando le temperature superficiali del mare sono troppo alte (link): purtroppo il continuo prolungarsi di tali anomalie fa pagare un conto arguto in autunno avanzato, quando arriva aria più fredda da le alte latitudini e gli scontri termici sono massimi e il meteo dei prossimi giorni non promette nulla di buono.



immagine 2 articolo 53835

Anomalie di temperatura a 1000mb (praticamente al suolo) del continente europeo (fonte: NOAA) per il trimestre agosto-ottobre, esclusa l’ondata di cattivo tempo di fine ottobre: risulta evidente l’anomalia significante su tutto il continente, nonché su tutto il Mare Mediterraneo.



immagine 3 articolo 53835

Temperature superficiali del Mare Mediterraneo, a cura del CEAM: mentre nelle aree interessate dal cattivo tempo c’è un primo rimescolamento delle acque (con conseguente decremento delle temperature di esse), nella parte orientale del mare le acque sono ancora tropicali, con valori anche maggiori a i 25°C.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO dell’italia comparazione DOPPIO passa qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO dell’italia comparazione QUADRUPLO passa qui

Per le previsioni meteo globali passa qui

Per le previsioni meteo d’Europa passa qui

Per le previsioni meteo dell’italia passa qui

Per le previsioni meteo de la tua regione passa qui

Per le previsioni meteo in TV passa qui

Per le previsioni meteo del moto ondoso passa qui

Per l’quota de la neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*