Meteo Italia: INCUBO caldo d’Africa, ormai ci siamo



Le previsioni meteo per il finire de la prossima settimana continuano a prospettare l’avvento di una forte onda di calore verso l’Italia. Qualunque volta che i bollettini meteo annunciano il caldo, in specialmente africano, si leva un coro di lamentele da parte dei lettori che è meglio materiale ne i social network.

In effetti non abbiamo più le stagioni estive di una volta, ormai il caldo estivo diventa presto rovente, e buona parte delle persone patisce una simile calura.

Il caldo è una realtà, e lo certifica l’ISTAT.

Maggiormente in Valle Del Po sono aumentate le notti dette tropicali, ovvero con temperatura minima superiore a i 20°C. Ma i cambi climatici avvenuti nel nostro Paese sono considerevole, e quando si parla di caldo, ormai è quello che 15/20 anni fa veniva definito grande caldo, oggigiorno il grande caldo è il caldo che si avvicina a i record storici di temperatura.

Dunque, le previsioni meteo non prospettano temperature da record, questa estate per ora in Italia mostra un volto equilibrato, senza eccessi di calura, ma con tutta una serie di consistenti anomalie, come le piogge eccessive al Sud e le Isole Maggiori.

Ed vi facciamo vedere che affiora la previsione di calura, che secondo le stime prospettate dai calcolatori dovrebbe avere breve persistenza, poichè gli farebbe seguito un’altra area ciclonica con annessa perturbazione.

Sia sul caldo che per il consecutivo peggioramento, siamo nel periodo del meteo lungo termine, aspettiamo di averne conferma, ma dobbiamo anche sottolineare come ormai da qualche mese le previsioni a 15 giorni hanno aumentato notevolmente le performance di affidabilità.

Contrariamente, rimane stazionaria l’affidabilità del meteo a breve termine, con le solite incertezze nella previsione di episodi burrascosi su scala locale.


Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*