Meteo oggi peggiora al Centro-Nord, rischio crudeli nubifragi acquazzoni


immagine 1 articolo 51340

Il promontorio anticiclonico sub-tropicale, successivamente essersi esteso all’Italia, si va ritirando sotto l’azione di una saccatura che preme dalla Spagna e dalla Francia. Ci attendiamo dunque un cambio meteo con instabilità crescente a cominciare da le zone del Nord Italia.

Nel dettaglio, nel corso di il giorno di martedì l’instabilità si intensificherà ulteriormente al Nord, con nubifragi acquazzoni che si porteranno più diffusamente in Valle Del Po, specialmente su le pianure a nord del Po, laddove non sono esclusi i soliti eventi di forte impeto. Sarà elevato il rischio di grandinate e colpi di vento.



immagine 2 articolo 51340

Situazione all’inizio soleggiati al Centro-Sud, ma con piogge e nubifragi acquazzoni maggiormente sull’Alta Toscana. Nella seconda parte del giorno qualche rovescio burrascoso interesserà anche le regioni interne del Centro Italia, specialmente fra Toscana, Umbria e Marche. Il meteo sarà viceversa certamente più soleggiato al Sud e su le Isole.

L’estate non appare dunque affatto in grado di decollare, nonostante che l’illusione dell’alta pressione nord-africano che ha fatto pensare all’affermazione decisa de la bella stagione. Un periodo turbolento ce lo siamo lasciati di scarso valore a le spalle, un altro sta arrivando.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO dell’italia comparazione DOPPIO passa qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO dell’italia comparazione QUADRUPLO passa qui

Per le previsioni del tempo del pianeta passa qui

Per le previsioni del tempo in Europa passa qui

Per le previsioni del tempo dell’italia passa qui

Per le previsioni del tempo de la tua regione passa qui

Per le previsioni del tempo in TV passa qui

Per le previsioni del tempo del moto ondoso passa qui

Per l’altitudine de la neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*