Meteo PROSSIMA SETTIMANA: benvenuto Autunno quasi INVERNO, sino a 10°C in meno, prime gelate e anche la neve

Meteo PROSSIMA SETTIMANA: benvenuto Autunno quasi INVERNO, sino a 10°C in meno, prime gelate e anche la neve
Deciso crollo delle temperature, le temperature scenderanno notevolmente su tutto il Paese
Articolo del 17/10/2018

ore 19:38

scritto da

Marco Castelli

Meteorologo

Meteo PROSSIMA SETTIMANA: benvenuto Autunno, fino a 10°C in meno, prime gelate e anche la neveMeteo PROSSIMA SETTIMANA: benvenuto Autunno, sino a 10°C in meno, prime gelate e anche la neveE’ un Ottobre un po’ atipico quello che stiamo vivendo, certo le piogge non sono fallite principalmente al Centro-Sud, Isole Maggiori comprese, ma dal opinione climatico possiamo dire che l’Autunno finora non si è rivelato interamente, o quasi affatto. Abbiamo potuto godere di una fase iniziale de la stagione molto piacevole e quasi calda, con temperature sovra la media del periodo di qualche grado, ma questo trend sta per subire un improvviso e brutale stop. Fra pochi giorni, in realtà, assisteremo ad un totale cambio di circostanza con la stagione che entrerebbe finalmente nel vivo. Da Giovedì 18 l’alta pressione riporterà non solo situazioni più costanti su tutto il nostro Paese, ma anche un altro crescita delle temperature con i termometri che potranno localmente anche superare i 28°C. Il sole e il tepore ci terranno compagnia anche durante del prossimo weekend, ma già a cominciare dal dopopranzo di Domenica 21 abbiamo le prime avvisaglie di un mutamento del tempo.

Ma andiamo con ordine e vediamo insieme nel dettaglio la previsione per la prossima settimana, che si preannuncia piuttosto animata.
Lunedì 22, complici anche i forti venti di Bora (in arrivo già dal dopopranzo serata di Domenica 21), si formerà un ciclone ne i pressi delle zone del sud, ed vi facciamo vedere dunque che piogge e forti rovesci localmente anche molto intensi interesseranno il Sud, laddove sarà elevato il rischio di eventi contenuti o forti. Qualche precipitazione anche sul medio settore adriatico.
Il cattivo tempo intenso riguarderà le zone del sud anche nella giornata di Martedì 23, mentre a seguire la pressione potrebbe aumentare, contribuendo a riportare una maggiore stabilità, in specifico a cominciare da Mercoledì 24, con tempo più asciutto e soleggiato sull’Italia.

Come annunciato la novità più eclatante riguarderà le temperature: se finora abbiamo goduto di un gradevole tepore, da Lunedì viceversa dovremo fare i conti con il freddo. Ci attendiamo un deciso e generale crollo delle temperature, anche nell’ordine di circa 10°C: vi facciamo vedere dunque che di giorno la colonnina di mercurio non oltrepasserà i 20°C un po’ su tutto il territorio statale, mentre le minime notturne sarannovicine a lo zero, o di poco maggiori, su le pianure del Nord, laddove non si escludono le prime gelate; soltanto pochi gradi in più al Centro-Sud, laddove tuttavia il freddo notturno si farà sentire. Su le alture farà capolino la neve, che potrà cadere ad inizio settimana sino a 1400 m in Appennino, a altezze anche lievemente più basse su le Alpi orientali.

In finale, con la prossima settimana potremo dare il benvenuto all’Autunno, che finora ha latitato un po’, anzi possiamo dire che questa svolta fredda potrà assomigliare quasi ad un assaggio invernale. Ne i nostri prossimi approfondimenti vi daremo conto naturalmente di conferme o di possibili aggiornamenti.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO dell’italia paragone DOPPIO passa qui
Per le SUPER PREVISIONI METEO dell’italia paragone QUADRUPLO passa qui
Per le previsioni del tempo globali passa qui
Per le previsioni del tempo d’Europa passa qui
Per le previsioni del tempo dell’italia passa qui
Per le previsioni del tempo de la tua regione passa qui
Per le previsioni del tempo in TV passa qui
Per le previsioni del tempo del moto ondoso passa qui
Per l’altitudine de la neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*