Meteo Protezione Civile domani: celere perturbazione, acquazzoni e nubifragi acquazzoni maggiormente al centro-meridionale

Nella giornata di domani abbiamo un celere transito perturbato, che interesserà principalmente le aree adriatiche ed il Sud Italia. Vediamo il bollettino meteo de la Protezione Civile:

Previsioni meteo Sabato 8 Dicembre 2018

Precipitazioni: da isolate a sparse, su Lombardia orientale, Triveneto, Emilia-Romagna, Toscana del nord e orientale, Marche, Umbria, Lazio, versanti occidentali di Abruzzo e Molise, Campania, versanti del Nord e tirrenici de la Basilicata, Puglia del nord e versanti tirrenici de la Calabria, prevalentemente concentrate nelle prime ore de la giornata specialmente su le citate aree centro-settentrionali, con quantitativi cumulati tenui, globalmente più eloquenti su Friuli Venezia Giulia, pianura veneta, Romagna, Marche centro-settentrionali, Toscana nord-orientale, Umbria orientale, versanti orientali e del sud del Lazio e su i versanti tirrenici del Meridione peninsulare, ove i fenomeni potranno localmente assumere anche carattere di rovescio o temporale.
Precipitazioni nevose: nelle primissime ore de la giornata su i versanti delle alpi e prealpini centro-est al di sopra dei 1200-1400 metri, in calo sino a i 1000 metri su i versanti di frontiera, con apporti al suolo da tenui a contenuti.
Visibilità: nessun evento eloquente.
Temperature: minime al Centro-Sud peninsulare in sensibile aumento ne i valori mattutini, in sensibile diminuzione in questi serali.
Venti: forti nord-occidentali su tutte le aree centro-meridionali, con rinforzi di burrasca su la Sardegna, specialmente su i versanti occidentali e del Nord insulare, e più momentaneamente al primo mattino su i litorali tirrenici del centro, nel pomeriggio su questi adriatici del centro e in sera su la Puglia; di burrasca o burrasca forte sud-occidentali, in rotazione da nord ovest, lungo tutta la catena appenninica, con raffiche sino a tempesta su i pendii toscani e campani; originariamente forti o di burrasca del Nord su i versanti delle alpi occidentali, con raffiche di Foehn nelle valli circostanti, in diminuzione.
Mari: allarmati il Mare e il Canale di Sardegna, lo Stretto di Sicilia e il Tirreno del sud; molto manovrati i residui bacini occidentali e lo Ionio, sino a temporaneamente affannato il Tirreno del centro; da molto mosso a temporaneamente affannato l’Adriatico Centro-Sud.


Articolo di Francesco Ladisa

SEGUI INMETEO SU FACEBOOK

Ultime notizie Leggi tutte


Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*