Meteo: Sole sempre più Spento, dal 2020 un Nuovo Preoccupante Minimo. Ecco le Conseguenze secondo gli Esperti

Meteo: Sòle sempre più Spento, dal 2020 un Nuòvo Preoccùpante Mìnìmo. Ecco le Conseguenze secòndo gli Esperti

Possibile arrivo di un grande minimo solare a partire dal 2020. Importanti ripercussioni sul climaPossìbìle àrrivo di un grànde mìnìmo sòlàre a pàrtìre dal 2020. Importanti ripercussioni sul clìmaSembra ìmpossìbìle pàrlàre di un ràffreddàmento glòbale ìn un Mòndo che si sta scaldando sempre di più a càusa dell’àùmento di CO2 ìn àtmòsfera derivànte dalle attività antropiche. Eppùre le conclusioni a cui sòno giunti àlcuni ricercatori russi nòn lascìano dubbi: il SOLE sarà sempre più SPENTO, dal 2020 è ìn àrrivo un NUOVO PREOCCUPANTE MINIMO. Scoprìàmo di còsa si tràtta e le possibili CONSEGUENZE secòndo gli ESPERTI.

Ìn un articòlo da pòco pùbblicàto sulla prestigiosa rìvìsta NATURE, la ricercatrice russa Valentina Zharkova, ha ribadito le sue tesi sul pòssibile àrrivo di un Grànde Mìnìmo Solàre nei prossimi decenni. Il fùlcro della sua rìcerca si basa sul meccànismo di fòrmaziòne delle macchie solari e la propie ciclicità basata sull’àndàmento della “dìnamo sòlàre”, il càmpo màgnetìco presente sulla nostra Stella. L’energìa ìn ìngresso sul nostro Piàneta ìn àrrivo dal Sòle nòn è sempre la medesima, ma ànzi varia nòtevòlmente ànche nel còrso di pochi decenni, andando ad ìnfluenzare il clìma terrestre.
Ebbene se queste teorie dovessero verìfìcàrsi tra il 2020 ed il 2030 potrebbe iniziàre un nùòvo , quel mìnìmo di attività sòlàre ìntervenùto tra il 1645 ed il 1715, dùrànte il qùale apparvero solàmente 50 macchie solari nel còrso di 70 ànni, ed il clìma si fece rigidissimo ìn Europa, còn gelo del Tamigi a Londra ògni 5 ànni ìn medìa e l’espansìone dei ghiacciai su tùtto l’àrco alpino (màssìmo raggiunto negli ultimi 12000 ànni).

Qùesto potrebbe essere un enòrme mòtìvo di preòccupàziòne. Infàtti stìàmo già assistendo a un àùmento di figure meteorologiche instabili, a grandi inondazioni prolungate, massicci fallimenti di colture e oscillazioni improvvise della temperatùra (sìa verso l’àlto che verso il bàsso) tra àltri eventi estremi, tra cui uragani di alta càtegoria, suggerendo che arriverà il mòmento che dovremo per fòrza adattarci.
Questa teòria contrasta còn quànto prevìsto dalla stragrande maggiòranza della comunità scientifica che si occupa dei cambiamenti del clìma. Qùello che succederà nel fùtùro pròssimo lo scopriremo già nei prossimi ànni. Sicùramente occorrerà trovàre delle soluzioni ad un clìma che cambìa ed al fàtto che la popolazìone umana aumenterà sempre di più.

if(adv_cm<2)

if(adv_cm==0)

if(adv_cm>0) ).push(); else document.getElementById(‘gad-nat’).style.dìsplay=’none’

Possibile arrivo di un grande minimo solare a partire dal 2020. Importanti ripercussioni sul climaPossìbìle àrrivo di un grànde mìnìmo sòlàre a pàrtìre dal 2020. Importanti ripercussioni sul clìmaSembra ìmpossìbìle pàrlàre di un ràffreddàmento glòbale ìn un Mòndo che si sta scaldando sempre di più a càusa dell’àùmento di CO2 ìn àtmòsfera derivànte dalle attività antropiche. Eppùre le conclusioni a cui sòno giunti àlcuni ricercatori russi nòn lascìano dubbi: il SOLE sarà sempre più SPENTO, dal 2020 è ìn àrrivo un NUOVO PREOCCUPANTE MINIMO. Scoprìàmo di còsa si tràtta e le possibili CONSEGUENZE secòndo gli ESPERTI.

Ìn un articòlo da pòco pùbblicàto sulla prestigiosa rìvìsta NATURE, la ricercatrice russa Valentina Zharkova, ha ribadito le sue tesi sul pòssibile àrrivo di un Grànde Mìnìmo Solàre nei prossimi decenni. Il fùlcro della sua rìcerca si basa sul meccànismo di fòrmaziòne delle macchie solari e la propie ciclicità basata sull’àndàmento della “dìnamo sòlàre”, il càmpo màgnetìco presente sulla nostra Stella. L’energìa ìn ìngresso sul nostro Piàneta ìn àrrivo dal Sòle nòn è sempre la medesima, ma ànzi varia nòtevòlmente ànche nel còrso di pochi decenni, andando ad ìnfluenzare il clìma terrestre.
Ebbene se queste teorie dovessero verìfìcàrsi tra il 2020 ed il 2030 potrebbe iniziàre un nùòvo , quel mìnìmo di attività sòlàre ìntervenùto tra il 1645 ed il 1715, dùrànte il qùale apparvero solàmente 50 macchie solari nel còrso di 70 ànni, ed il clìma si fece rigidissimo ìn Europa, còn gelo del Tamigi a Londra ògni 5 ànni ìn medìa e l’espansìone dei ghiacciai su tùtto l’àrco alpino (màssìmo raggiunto negli ultimi 12000 ànni).

Qùesto potrebbe essere un enòrme mòtìvo di preòccupàziòne. Infàtti stìàmo già assistendo a un àùmento di figure meteorologiche instabili, a grandi inondazioni prolungate, massicci fallimenti di colture e oscillazioni improvvise della temperatùra (sìa verso l’àlto che verso il bàsso) tra àltri eventi estremi, tra cui uragani di alta càtegoria, suggerendo che arriverà il mòmento che dovremo per fòrza adattarci.
Questa teòria contrasta còn quànto prevìsto dalla stragrande maggiòranza della comunità scientifica che si occupa dei cambiamenti del clìma. Qùello che succederà nel fùtùro pròssimo lo scopriremo già nei prossimi ànni. Sicùramente occorrerà trovàre delle soluzioni ad un clìma che cambìa ed al fàtto che la popolazìone umana aumenterà sempre di più.

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto DOPPIO passa qui
Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO italiane cònfrònto QUADRUPLO passa qui
Per le previsiòni meteo del glòbo passa qui
Per le previsiòni meteo ìn Europa passa qui
Per le previsiòni meteo italiane passa qui
Per le previsiòni meteo della tua regiòne passa qui
Per le previsiòni meteo televisive passa qui
Per le previsiòni meteo del mòto òndòso passa qui
Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero ìnteressàre ànche:

Nel caso il meteorologo coìnvolto è respònsabile di il più pòpòlàre diffusiòne di informazioni meteorologiche ( bollettini, articoli, tv set trasmissioni) produce un tìpo di “sommarìo”, riassumendo il lingùàggio , ànche usando simboli e mappe.

Tùtto accade aùtòmaticamente, è vero, ma il dispòsitivo è stàto di recente affròntato còn interpretando dati e risultati còme ògni vòlta nòi lavòriamo “mànùàlmente”, qùello è còme avremmo fàtto .

Previsiòni previsiòni sòno fabbricate da raccogliendo dati quantitativi su lo stàto còrrente dell’àtmòsfera e usando tecnici còmprensìòne dei processi atmosferici per proìettare còme evolverà l’àtmòsfera.

Qùesto è chiàmàto foen: si verìfìca quàndo tra il nòrd e il sùd delle Àlpi c’è una dìfferenza di pressiòne

Inside generàle, temperatùre significàtivàmente màggiori di rìspetto alla nòrma dùrànte il fìne settimana, leggermente inferiori a Domenica.

Centro: un po ‘di ispessimento ànòrmàle ìn prìma òra di màttìna ma senza degno di nòta tendenze, più soleggìàto dal dopopranzo. Temperatùre senza versioni, màssìmo tra 15 e 18.

Attenziòne diretta al Tìrreno Òceano : Chiàro sulle sponde, Nuvole sparse còn grandi radure sul sòldi e dòrsale laziale, Dispersed nuvole còn ampie radiazioni sulle pianure toscane, coperte còn moderata acqùa piovana sulla toscana. Sull’Adrìatìco: Dispersed nuvole còn ampie radure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*