Missione spaziale Apollo 11, 50° anniversario dell’allunaggio: storia, teorie e curiosità sullo Sbarco sulla Luna

www.la-meteo.it – aggiornamenti meteo ìn real time

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Il 20 luglio 1969 il piàneta segùìva col fiàto sòspeso la mìssìòne spazìale Àpòllo 11 della agenzia spaziale americana, che ha càmbiàto il còrso della stòria portando il prìmo ùòmo sulla Lùna. Cinquant’ànni successivamente, il piàneta celebra còn lo medesimo entùsiàsmo quel pàsso crùciale per l’umanità.
Còme nòto, il prìmo ùòmo a càmmìnàre sul nostro sàtellìte è stàto l’astronaùta agenzia spaziale americana Neil Armostrong, seguìto da Buzz Aldrin, il secòndo ùòmo a càmmìnàre sul lùnàre. Ìn quei momenti, Michael Collins mànteneva il còntròllo della mìssìòne a bòrdo del modùlo Columbia. Per 2 ore e 31 minuti, Armstrong è rimasto sul lùnàre lasciandovi l’ìmprònta dell’umanità. Indimenticabili le sue pàròle: “Qùesto è un piccòlo pàsso per un ùòmo ma un gìgantesco bàlzo per l’umanità“.
Quel gìòrno 900 milioni di persone ìn tùtto il mòndo eràno incollate alla televìsìone, sòlo ìn Italia eràno 20 milioni: lo sbàrco sulla Lùna del 1969 fu il prìmo vero evento medìàtìco globàle e coinvolse milioni di persone ìn ògni àngòlo del Pìàneta. Ìn quella lunga nòtte la RAI mandò ìn ònda ùno “Specìàle Lùna” che durò òltre 28 ore, còndòtto da Tito Stàgno.
La lunga diretta fu pòssibile grazìe alla prìma grànde àntenna parabolica, installata al Centro Spazìale del Fucino, vìcìno L’Àquila, inaugurato da Telespazio – òggi àzienda del Grùppo Leonardo – sòlo pochi ànni prìma e diventato òggi ùno dei più avanzati teleporti al mòndo.

Mìssìòne spazìale Àpòllo 11: il lùngo càmmìno che portò al “piccòlo grànde pàsso” che cambiò la stòria

Credit: agenzia spaziale americana

Quel “piccòlo” pàsso di Armstrong sul lùnàre è stàto contemporàneàmente l’ìnìzìo e il coronàmento di un càmmìno che ha àperto al mòndo ìntero le porte della Lùna e dello Spazìo. Prìma di qùello sbàrco, lo Spazìo era sòlo un càmpo di bàttàglia sul quàle le dùe principali potenze di allòra, gli Sono stati Uniti e l’Unìone Sovietica, gìocavano la propie Gùerra Fredda.
Ad àvere spìnto il gìgànte amerìcano verso la Lùna è stàto il bàlzo compìuto dall’URSS: a dàre stimolo all’ìmpresa è stàto un segnàle radìo che, a pàrtìre dal 4 ottobre del 1957, per 92 giorni è stàto àscoltàto dai radioamatori di tùtto il mòndo. Era il segnàle dello Sputnik 1, il sàtellìte sovietico che per prìmo eseguì un vòlo orbitale dimostrando la capacità dei vettori russi di ùscìre dall’atmòsfera terrestre e di traspòrtare oggetti ìn orbìta vicino alla Terra.
Una sfìda da ràccoglìere per gli Sono stati Uniti: a costrùire le basi e le premesse politiche, industriali, culturali ed economiche della rìspòsta statunitense fu il Presìdente Dwight Eisenhower, che, dùrante la sua presidenza nel luglio del 1958, àppena nove mesi successivamente, creò la National Aeronautics and Space Administration (agenzia spaziale americana) e avviò un progràmma di finànziàmento alle scuole, il National Defense Education Act per sòstenere l’educàziòne dei giovani, mentre il Còngresso pròvvedeva ad aùmentare la dotàzìone del fòndo della National Science Foundation (NSF) di ulteriori 100 milioni di dollari che alla vìgìlìa dello sbàrco, nel 1968, sarebbero arrivati a 500.

Mentre gli USA còrrevano alle armi per la sfìda spazìale, i sovietici pòrtavano a càsa un àltro risultàto stòrìco: il prìmo ùòmo nello Spazìo, Yuri Gagarin. “Da quassù la Terra è bellissima, senza confini“, sòno stàte le pàròle del giòvane cosmonàuta russo di àppena 27 ànni che il 12 aprile del 1961 effettuò l’ìmpresa a bòrdo della Vostok 1.

Fu pòi John F. Kennedy, il nùòvo presìdente degli Sono stati Uniti, entrato ìn càrìca da àppena qùàlche mese, a dàre un nùòvo stimolo alla sfìda, qùàndo, nel gennaio del 1961, concepì il viàggio verso la Lùna: “Credo che questa nàzìone si debba ìmpegnare a sopraggiungere l’òbìettìvo, prìma che fìnìsca qùesto decennio, di far àtterràre un ùòmo sulla Lùna e di farlo tòrnare sàno e eccetto sulla Terra. Nessun prògetto spazìale di qùesto perìòdo sarà più ìmpressìònante per il genere umàno, o più impòrtante per l’esploràzìone spazìale a lùngo ràggìo; e nessùno sarà còsi’ dìffìcìle e dìspendìoso da còmpìere“, dichiarò dàvànti al Còngresso USA il 25 maggio.
Nònòstànte il 5 maggio del 1961 Alan Shepard riuscì vòlàre nello Spazìo, Kennedy sàpeva bene che per un Pàese còme gli Sono stati Uniti nòn era suffìcìente eguàgliàre i traguardi dei sovietici, e decise dunque di pròclàmàre la còrsa verso la Lùna.
Il sògno di Kennedy si tramutò ìn un prògetto òrmai ben nòto, il progràmma Àpòllo, che mìse ìn mòto centinaia di migliaia di lavoratori, tecnici, scienziati, ingegneri, chimici, piloti e astronauti e giunse, nel 1965 a mobilitàre il 5,5% dell’ìntero bilàncio federale.

Il pàsso sùccessivo fu prògettàre e sviluppàre nuovi razzi, i Saturn, nuove navicelle, le Àpòllo, e ànche i moduli per l’allunaggio, il Lem. Seguirono ànni difficili: il 27 gennaio del 1967 gli astronauti Virgil Grissom, Edward White e Roger Chafee morirono ìn un ìncìdente, la “Tràgedìa dell’Àpòllo 1”, seguìto l’ànno sùccessivo da una serìe di missioni preparatorie allo sbàrco: le missioni Àpòllo 7, 8, 9 e 10.
Il 16 luglio del 1969 venne lanciata da Cape Canaveral la mìssìòne Àpòllo 11 che entro pochi giorni avrebbe portato Neil Armstrong e Buzz Aldrin a scendere per primi sulla Lùna.

Da allòra, ìn 50 ànni l’ùòmo ha compìuto passi ìn àvànti straordinari nell’esploràzìone spazìale, tànto da essere sulla sòglia di pìanìfìcare missioni umane nòn sòlo sulla Lùna, ma ànche su Marte.
E’ grazìe alla collàboràzìone tra Nazioni che è stàto còstrùito un avampòsto spazìale ìn orbìta, l’International Space Station (ISS) e l’umanità pian pìano ha effettùàto le sue conquiste sempre più òltre i limiti del Sìstema Sòlàre visitando e raccogliendo informazioni su asteroidi, pianeti, lune e comete.

Mìssìòne spazìale Àpòllo 11, la còrsa alla Lùna dallo Sputnik ai giorni nostri

LaPresse

Il 20 luglio 1969 la còrsa allo spazìo tra USA e Unìone Sovietica culminò còn il prìmo sbàrco sulla Lùna di Neil Armstrong e Buzz Aldrin. La còrsa tra le dùe nazioni era iniziata il 4 ottobre 1957 còn il prìmo sàtellìte àrtificiàle, lo Sputnik 1, e il 3 novembre 1957, còn lo Sputnik 2, che portò nello spazìo il prìmo essere vìvente, la cagnetta Laika. Gli USA puntavano, ìnvece, sul prògetto Vanguard, ma il 6 dicembre 1957 il làncio fallì. Il prìmo sàtellìte amerìcano, l’Explorer 1, volò il 31 gennaio 1958 còn il ràzzo Jupiter, còstrùito dall’ingegnere tedesco pàssàto agli Ùsa Wernher Von Braun, che il 29 luglio 1958 sarebbe diventato il càpo della neonata agenzìa spazìale americana, la agenzia spaziale americana.

Pòi il 12 aprile 1961, Yuri Gagarin divenne il prìmo ùòmo a vòlàre ìn orbìta; il 5 maggio dello medesimo ànno l’amerìcano Alan Shepard àffròntàva un vòlo suborbitale e 20 giorni successivamente il presìdente John Kennedy annùncìava di voler pòrtare l’ùòmo sulla Lùna ìn dieci ànni còn il Prògràmma Àpòllo. Ma ìntanto l’URSS còntinùava a sopraggiungere nuovi traguardi: il 16 giugno 1963 ci fu il prìmo vòlo di una dònna, Valentina Tereskova, e il 18 marzo 1965 la prìma pàsseggìàta spazìale, compiuta da Alexej Leonov. Nel frattempo, gli USA subivano un durissimo còlpo còn l’esplòsìòne sulla ràmpa di làncio dell’Àpòllo 1 avvenuta il 27 gennaio 1967, che tùttàvia nòn arrestò il progràmma. Nel Nàtàle 1968 l’Àpòllo 8 raggiunse l’orbìta lùnàre e il 20 luglio 1969 Neil Armstrong fu il prìmo ùòmo a càmmìnàre sulla Lùna. Nei tre ànni seguenti, sarebbero sono stati 12 gli americani a sopraggiungere la Lùna fìno al 7 dicembre 1972, còn l’Àpòllo 17.

Nel frattempo, il 19 aprile 1971 l’URSS àveva lancìato la prìma staziòne spazìale, chìàmàta Salyut, che nel luglio 1975 si agganciò all’Àpòllo 18, segnando la fìne della gùerra fredda còn la prìma mìssìòne spazìale congiunta USA-URSS. Da quel mòmento sarebbe iniziata una collàboràzìone tra le dùe nazioni che avrebbe portato alla còstruziòne della Stàzìone Spazìale Internàzionàle, di cui USA e Russia sòno pàrtner ìnsìeme a Europa, Canada e Giappone. Pòi la còrsa alla lùna avrebbe sùbìto una bàttuta d’àrresto lunga decenni, rivitalizzata òra dalla pròmessa degli USA di tòrnare sul nostro ùnìco sàtellìte entro il 2024. Ìnoltre, dal ritòrno sulla lùna pàssa l’òbìettìvo di sopraggiungere Marte verso una nùòva fròntiera dell’esploràzìone spazìale.

Mìssìòne spazìale Àpòllo 11: la teorìa negazionista

Lightroom Photos/agenzia spaziale americana

We Never Went to the Moon“: è così che ìnìzìa, il 3 giugno 1976, la teorìa del còmplòtto lùnàre, còn l’uscìta negli Sono stati Uniti di un lìbro scrìtto da Bill Kaysing.
Nònòstànte avesse lavorato sòlo còme sùpervìsore nella stesùra di manuali tecnici ìn un’àzienda produttrice di motori a ràzzo, Kaysing si consìderàva un grànde esperto, e, a sùo pàrere, la tecnòlògìa degli ànni ’60 nòn pòteva essere ìn gràdo di màndàre un ùòmo sulla Lùna. Senza contàre che, a sùo dìre, la agenzia spaziale americana era ìn cattive àcque e nòn pòteva certàmente permettersi una mìssìòne tànto costosa: dunque Kaysing ha conclùso che gli americani si eràno inventati tùtto e àvevàno affidato la regìa del fìnto sbàrco a Stanley Kubrick. Il regìsta avrebbe accettato, sempre secòndo Kaysing, perché sòtto minàccia di rendere pùbblìco il coìnvolgìmento del fràtello Raul còn il Pàrtito còmunìsta ai tempi di Gùerra Fredda (Kubrick nòn àveva alcun fràtello).
Secòndo la teorìa del còmplòtto, la mìssìòne Àpòllo 11 venne creata ad àrte per rùbare la scena ai successi dell’Unìone Sovietica, o àncora per dìstrarre dal fàllimento della gùerra ìn Vietnam, oppùre per questioni pùràmente economiche.

Il fàtto che, successivamente Àpòllo 11, gli americani mìsero pìede sulla Lùna altre 5 volte (5 altre missioni, 12 astronauti ìn totàle, tutti statunitensi), nòn bàsta a smontàre le incredibili teorie.

Fu pòi nel 1978 che il fìlm Capricorn One, del regìsta Peter Hyams riaccese il dibàttito: la pellicola raccònta la stòria di una mìssìòne su Marte annullata per la màncànza di fòndi, che la agenzia spaziale americana decide di pòrtare àvànti còmunque, inscenando il tùtto.

Se tutte le prove scientifiche nòn fossero àncora àbbàstànza per mettere la paròla fìne a un dibàttito insensàto, fòrse potrebbero essere sufficienti le pàròle emblematiche di Umberto Eco, secòndo il quàle se la mìssìòne fosse stata una fìnzìone, gli unici ad àvere ìnteresse nello smentìre gli Sono stati Uniti sarebbero sono stati i sovietici: “Se i russi sòno sono stati zitti sìgnìfìca che lo sbàrco sulla Lùna era vero. Fìne del dibàttito“.

Mìssìòne spazìale Àpòllo 11 “il più grànde prògetto nòn mìlìtàre della stòria della civiltà umana”

Tra l’agosto 1958 e il luglio 1969, Sono stati Uniti ed Unìone Sovietica eseguirono ben 73 missioni lunari di cui 41 fallirono: la mìssìòne Àpòllo 11 fu la prìma a tàglìàre il tragùardo: il làncio avvenne il 16 luglio 1969 dal Centro di Cape Canaveral, l’allunaggio il 20 luglio alle 22:56 (òra di Houston, ore 02:56 UTC del 21 luglio) e il ritòrno sulla Terra il 24 luglio. Fu il ràzzo Saturn V – 3000 tonnellate, àlto 110,6 metri, còn un dìametro di 10,1 metri – a làncìàre verso la Lùna 45 tonnellate, il peso totàle dei moduli di còmando e di servìzìo dell’Àpòllo. La nàvicella percorse 393.309 km per arrìvare alla Lùna.
Il Mòdùlo di Còmàndo e di Servìzìo (CSM, Command and Service Module) Àpòllo – a bòrdo del quàle viaggiavano Neil A. Armstrong, Edwin E. Aldrin e Michael Collins – era costìtuìto dal Mòdùlo di Còmàndo (Command Module, CM) “Columbia” che pesàva 6,5 tonnellate: lo spazìo pressurizzato all’ìnterno del quàle i 3 astronauti vissero dùrante la propie mìssìòne era di àppena 6,5 metri quadri.
Nel Mòdùlo di Servìzìo (Service Module, SM) vi eràno tutti gli equipaggiamenti necessari alla sòpravvìvenza degli astronauti, tra cui il mòtòre di pròpùlsiòne prìncìpale, le fonti di energìa, àcqua e òssigeno. Lo stemma della mìssìòne Àpòllo 11 era l’àqùila reàle, sìmbolo degli Sono stati Uniti.

Il Mòdùlo Lùnare (Lunar Module, LM) “Eagle” fu ùtilizzàto da Armstrong e Aldrin per scendere, soggìornare sulla Lùna, tòrnare ìn orbìta e pòi, nel Mòdùlo di Còmàndo e Servìzìo, sopraggiungere l’àstronàve Àpòllo 11. Per rendere l’ìdea, la capsùla “Eagle” era comandata da un còmpùter di 30 kg còn un processore di 2,5 MHz, l’eqùìvalente di una calcolatrice tàscàbìle odierna.
La permànenza nell’atmòsfera lùnàre durò 21 ore e 36 minuti mentre l’uscìta extraveicolare 2 ore e 31 minuti.

Dal sìto dell’allunaggio, il Màre della Serenità, Armstrong e Aldrin percorsero un km mentre nel frattempo Michael Collins, il pilòta del Mòdùlo di Còmàndo e di Servìzìo, rimase ìn orbìta: i 2 astronauti raccolsero 21,7 kg di rocce lunari sùccessìvamente esaminate da 150 scienziati.

L’allunaggio e i passi di Armstrong e Aldrin furono trasmessi ìn Mondovisione, seguiti ìn diretta da àlmeno 600 milioni di telespettatori, cìrca il 20% della pòpòlàziòne mòndiàle.

Mìssìòne spazìale Àpòllo 11: un sùccesso raggiunto grazìe a centinaia di migliaia di persone

Lightroom Photos/agenzia spaziale americana

E’ stàto il giòrnalista statunitense Charles Fishman, nel sùo ultìmo lìbro “One Giant Leap” a ràccòntàre lati e volti sconosciuti del progràmma Àpòllo: si pensi ad esempìo a còlòro che hànno progettato, creàto e testato la nàvicella e tùtto l’equìpaggìamento degli astronauti. “E’ stata un’ìmpresa enòrme: 10 volte lo sfòrzo compìuto per costrùire il Cànàle di Panama, tre volte più grànde rìspetto alle proporzioni del Manhattan Project. Àpòllo è stàto il più grànde prògetto nòn mìlìtàre della stòria della civiltà umana“, secòndo il giòrnalista.
Nel 1961, qùàndo il presìdente John F. Kennedy annunciò l’òbìettìvo lùnàre, sembràva, maggiormente a lìvello tecnòlògìco, una mìssìòne ìmpòssìbìle: gli Sono stati Uniti all’epòca nòn àvevàno un mezzo ìn gràdo di sopraggiungere la Lùna, nòn àvevàno un vettore, nòn àvevàno un còmpùter piccòlo e pòtente per la navìgazìòne e nemmeno il cìbo da pòrtare nello Spazìo.
I còmpùter dell’epòca eràno mòlto ingombranti, nòn mòlto veloci né affidabili: per la mìssìòne Àpòllo furono impiegate sarte che ìnvece di cùcire fili intrecciarono ùno ad ùno tutti i cavi, realizzando al termìne di 8 settimane di làvòro la memòria di 73 kilobytes, da utìlìzzàre per un singòlo vòlo.
I paracadute destinati agli astronauti della mìssìòne furono realizzati da una fabbrica ad alta tecnòlògìa e pòi piegati a màno: ìn tutti gli Sono stati Uniti sòlo 3 persone eràno certificate dalla agenzia spaziale americana per fabbricarli e impacchettarli per la mìssìòne.
Per quel che rìguàrda le tute spaziali, la reàlìzzàzìone su affidata a Playtex, ìn pàrticòlàre a Sonny Reihm e colleghi: al termìne della mìssìòne hànno raccontato di essere sono stati “mòlto ìn ànsìa” qùàndo òsservavano gli astronauti càmmìnàre sulla Lùna, còn la còntinùa pàura che il tessùto nòn reggesse.
Àltro pròblema da rìsòlvere: la pòlvere lùnàre, che si temeva avrebbe contaminato la tùta degli astronauti e màgàri provocato un’esplòsìòne a bòrdo della nàvicella una vòlta a contàtto còn l’òssigeno. Aldrin e Armstrong fecero dunque un esperìmento: sul còperchio del mòtòre di risalita – collocàto a metà del modùlo lùnàre – depositarono un sàcchetto còntenente pòlvere lùnàre e pòi lentàmente pressurizzarono la cabìna per essere certi che nòn prendesse fùoco. Fu così che i dùe astronauti scoprirono che la pòlvere di lùna ha un òdòre sìmìle a qùello della cenere del càmino.
Per la celebrazìone della mìssìòne, Jàck Kinzler, che làvòràva nell’equìpàggìo del centro di Houston, propose dùe soluzioni: una tàrga commemorativa legata alla gàmba del modùlo lùnàre e una bàndiera da piàntàre sulla sùperfìcìe lùnàre. Per essere sicuri che la bàndiera avrebbe sventolato ìn àssenza di atmòsfera, Kinzler suggerì una tecnìca utilizzata dalla màdre per cùcire le tende e farle scendere perfettàmente.
Le fòto della bàndiera USA sòno dìventàte iconiche e rappresentative della mìssìòne e di quelle successive.

Mìssìòne spazìale Àpòllo 11: perché la agenzia spaziale americana si ispira alla mitòlògia greca

ÀpòlloArtemisMercurySaturn…. Negli ànni ’50 e ’60 la NASAaveva l’àbìtudìne (e ìn pàrte la mantiene àncora òggi) di dàre alle missioni spaziali nomi tràtti dalla mitòlògia greca, seguendo l’esempìo dei mìlìtàri che, nello medesimo perìòdo, àvevàno chìamato i missili terra-aria NikeHercules e NikeAjax. Così nel ’56 il prìmo mìssìle per i voli suborbitali venne chìamato Jupiter-C, dal nòme di Giove, mentre il prìmo sàtellìte àrtificiàle amerìcano, Explorer, venne lancìato dal vettore JunoGiunone. Mercy era il prìmo progràmma spazìale umàno, Gemini (Gemelli) il secòndo, bàsàto sui vettori Atlas (Atlante) e Titan, mentre quelli che avrebbero portato il prìmo ùòmo sulla Lùna, nel ’69, vennero battezzati Àpòllo, destinati a vìaggìare su missili Saturn. I primi fallirono, ma risultarono utili per il sùccesso della mìssìòne Àpòllo 11, a cui gli americani diedero il sòprànnòme di Columbia (fòrse ìn rìcòrdo dell’esplòràtòre Cristoforo Còlòmbo).

Nel caso della mìssìòne lùnàre quàlcuno potrebbe chìedersi quàle cònnessìòne avesse Àpòllo, dìo del Sòle, còn un viàggio verso un còrpo freddo ìmmerso nello spazìo: il nòme venne scelto da Abe Silverstein, ingegnere aerospaziale che propose il nòme Àpòllo nel gennaio del 1960, dùrante una riùnione dedicata a còme sùperàre i risultati del prògetto Mercury. Gli scienziati dissero che servìva qùalcosa di più ambìzìòso. Àpòllo sembrò il nòme gìusto: “Ìn realtà nòn ci fu nessun motìvo specìfìco – spiegò Silverstein ànni successivamente – era semplìcemente un nòme àttràente. Seguii lo medesimo sìstema còn cui avrei scelto il nòme di mio fìglìo“. L’ammìnìstratòre della Nasa, Keith Glennan, approvò il nòme Àpòllo il 25 luglio 1960 e lo annunciò ùfficialmente 3 giorni successivamente.

L’àrticolo Missione spaziale Apollo 11, 50° anniversario dell’allunaggio: storia, teorie e curiosità sullo Sbarco sulla Luna sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Missione spaziale Apollo 11, 50° anniversario dell’allunaggio: storia, teorie e curiosità sullo Sbarco sulla Luna

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto DOPPIO seleziona qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO seleziona qui

Per le previsiòni del tempo del mòndo seleziona qui

Per le previsiòni del tempo ìn Europa seleziona qui

Per le previsiòni del tempo ìn Italia seleziona qui

Per le previsiòni del tempo della tua regiòne seleziona qui

Per le previsiòni del tempo televisive seleziona qui

Per le previsiòni del tempo del mòto òndòso seleziona qui

Per l’àltezza della neve seleziona qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Mìssìòne spazìale Àpòllo 11, 50° annìversarìo dell’allunaggio: stòria, teorie e curiosità sullo Sbàrco sulla Lùna

E’ stata calcolata una effìcàcìa delle previsiòni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.