Modelli METEO del 31 Ottobre 2018: diverse fasi perturbate per l’inizio di novembre, poi ipotesi alta pressione

  • Ultime uscite dei modelli meteo che mostrano un inizio di novembre piuttosto piovoso

    Ultime uscite dei modelli meteo che mostrano un inizio di novembre piuttosto piovigginoso

    Modelli METEO del 31 Ottobre 2018: diverse fasi perturbate per l’inizio di novembre, poi ipotesi alta pressione – Breve tregua del cattivo tempo, ma le situazioni meteo torneranno già a peggiorare durante delle prossime ore. Ultimi aggiornamenti dei modelli meteo che mostrano un inizio di novembre abbondante di precipitazioni per l’Italia per colpa di una movimentazione depressionaria che stazionerà per diversi giorni sul Mediterraneo occidentale. Le precipitazioni più abbondanti dovrebbero interessare le Isole Maggiori, il Nord-Ovest e le zone Tirreniche. Per quanto riguarda delle temperature non ci attendiamo grandi modificazioni con temperature che saliranno di qualche grado sovra le medie del periodo per poi ricalare con l’inizio de la prossima settimana. Quale tendenza meteo a seguire? Nel lunghissimo termine il modello GFS mostra una probabile rimonta dell’alta pressione sull’Europa centro-occidentale, qualche giorno costante e soleggiato potrebbe interessare l’Italia giusto in prossimità dell’estate di San Martino […]

  • Fonte

    Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

    Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

    www.la-meteo.it
    la-meteo.it

    Per le SUPER PREVISIONI METEO in Italia paragone DOPPIO clicca qua
    Per le SUPER PREVISIONI METEO in Italia paragone QUADRUPLO clicca qua
    Per le previsioni meteo del globo clicca qua
    Per le previsioni meteo d’Europa clicca qua
    Per le previsioni meteo in Italia clicca qua
    Per le previsioni meteo de la tua regione clicca qua
    Per le previsioni meteo televisive clicca qua
    Per le previsioni meteo del moto ondoso clicca qua
    Per l’altitudine de la neve clicca qua

    www.la-meteo.it
    la-meteo.it

    Ti potrebbero interessare anche:

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    *