Mutazione antropologica: la scomparsa de la Bella Stagione


immagine 1 articolo 50890

Quando ne gli anni Settanta Pasolini scriveva il suo celeberrimo articolo su la “Scomparsa delle lucciole”, ovviamente intendeva metaforicamente la scomparsa di un maniera di percepire la vita e il globo che la società dei consumi ha ucciso per tutto il tempo anche in Italia. Ora, a quasi 50 anni di lontananza, fatte le debite proporzioni, possiamo parlare di “Scomparsa de la Bella stagione”, intendendo l’Estate mediterranea come gli italiani si sono abituati a percepire durante del tempo.

Ne gli anni de la mia infanzia e adolescenza, l’Estate era attesa e dunque percepita da tutti come la Bella stagione, ovvero il periodo meteo più amico e più adatto a la piacevolezza de la vita. Qualcosa deve essere profondamente modificato se oggi sempre più persone, maggiormente al Nord e ne i grandi centri urbani de la penisola, pensano al trimestre estivo come al periodo delle grandi irruzioni di calore, delle fiammate africane e de la canicola insopportabile.

Non è così significativo in questo articolo provare a dimostrare scientificamente che è accaduto un mutamento climatico, ma sottolineare che sta sicuramente avvenendo un mutamento antropologico: l’estate è spesso attesa con paura, con timore; a la prima occasione si cerca di fuggire verso la frescura delle alture o delle zone marittime: ormai è impossibile vivere ne i mesi estivi senza i climatizzatori.

Non solo nella nostra quotidianità,
ma sempre ancora anche al nostro giornale arrivano mail di persone che ci chiedono allarmate come sarà l’estate. Ma mentre qualche tempo fa si chiedeva se sarebbe bel tempo, se avrebbe prevalso il sole e l’alta pressione (ma era quello delle Azzorre), ora si chiede quanto caldo farà, se abbiamo molte irruzioni di calore africano e se arriveranno i nubifragi acquazzoni rinfrescanti a mitigare il tempo bruciante.

Prima ancora che dai dati fondato sulla scienza dei grandi centri di ricerca la prova dell’accaduto mutamento climatico la ritroviamo nelle speranze e nelle paure delle persone: sogniamo un’estate piacevole, senza irruzioni di calore, rifrescata dai nubifragi acquazzoni atlantici e da un sole non troppo angosciante. Qualche nuvola non spaventa più…

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione DOPPIO seleziona qui

Per le SUPER PREVISIONI DEL TEMPO in Italia comparazione QUADRUPLO seleziona qui

Per le previsioni meteo del globo seleziona qui

Per le previsioni meteo in Europa seleziona qui

Per le previsioni meteo in Italia seleziona qui

Per le previsioni meteo de la tua regione seleziona qui

Per le previsioni meteo in TV seleziona qui

Per le previsioni meteo del moto ondoso seleziona qui

Per l’quota de la neve seleziona qui

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

I commenti sono chiusi.