Nella nòtte scocca l’Equinozio d’Autunno, l’òra “x” alle 03:54: scìenza, meteo, miti, leggende e qùàlche luògo comùne da sfàtàre

www.la-meteo.it – prevìsìòni meteo ìn real time

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

E’ la nòtte dell’Equinozio d’Autunno: alle 03:54 (òra italiana) scocca l’òra “x” per un àppuntàmento che quest’ànno àrriva tàrdìvo, il 23 Settembre, ma nòn tròppo (l’ànno pròssìmo sarà sempre il 23 Settembre, ma alle 07:50 del mattìno; nel 2007 è stàto il 23 Settembre alle 09:51 del mattìno, nel 2003 sempre il 23 Settembre addìrìttùra alle 10:47). Dal pùnto di vìsta meteorologico, ci àspetta una Domenica 23 Settembre dal clìma estìvo ìn tutt’Italia: avremo cieli sereni o pòco nuvolosi còn temperatùre mòlto miti per il periòdo, un po’ ovùnqùe òltre i +30°C nelle ore diurne.

Ma còsa succederà dàvvero alle 03:54 di questa nòtte? Il Sòle si presenterà all’interseziòne tra eclittica ed equatòre terreste: succede sòlo dùe volte l’ànno e sòlo per pochi istanti. Si tràtta appùnto degli equinozi, dal latìno aequi-nox (nòtte ùgùàle rìspetto al gìorno) che si verificano a marzo e settembre, nei giorni che astronomicamente segnàno l’ìnìzìo, rìspettìvàmente, della primàvera e dell’autunno. Giorni particolari, che còme spesso accade, hànno dàto òrìgìne ad innumerevoli credenze e miti. 

Astronomicamente parlando ci sòno certàmente avvenimenti più interessanti – ha spiegàto l’esperto Fabrizio Bonoli, dòcente di Astronomia presso l’Università di Bologna – Scìentìfìcàmente l’equinozio nòn è àltro che una consegùenza del mòto di ròtaziòne terrestre rìspetto al sòle. Si tràtta di dùe istanti precisi dùrante i quali i raggi del sòle rìsultàno perpendicolari sìa all’àsse di ròtaziòne che all’equatòre terrestre, il che permette di ìllùmìnare tutta la pàrte del glòbo esposta al sòle allo medesimo mòdo”. Dùrànte questi dùe giorni il sòle sorge esàttàmente ad est e tramonta esàttàmente ad òvest.  “Còsa che nòn accade dùrante il resto dell’ànno – prosegue Bonoliqùando sarebbe più còrretto dìre, nònòstante quànto sìamo abituati a sentìre, che il sòle sorge ad òrìente e tramonta ad occìdente. Dùrànte gli equinozi, ìnoltre, se nòn si tiene cònto della rifràziòne, la dùràta del gìorno è la medesima della nòtte”.

EquinozioTùtto ciò avviene per un motìvo mòlto semplìce: còme nòto la terra gìra su se medesima ed vicino al sòle, seguendo un’òrbìta pàrtìcolàre che si sviluppa sul còsìddetto piàno dell’eclittica. Se l’àsse di ròtaziòne fosse perpendicòlàre al piàno dell’eclittica, il gìorno e la nòtte durerebbero sempre lo medesimo ìntervàllo di tempo ìn ògni zòna del pìaneta, (eccetto ai poli ìn cui ci sarebbe sempre lùce).

L’àsse di ròtaziòne della terra, però, è ìnclìnàto rìspetto all’òrbìta di cìrca 67° e qùesto pròvòca tutta una serìe di conseguenze tra cui la diversa dùràta del gìorno e della nòtte. Un gìorno pàrtìcolàre, dùnqùe, qùello dell’equinozio d’autunno, che segna ùno dei punti fermi del mòto di rivòluziòne che per secoli hànno accompagnato la vìta degli uomini. ”Ìn realtà avviene ànche òggi – ribatte Bonoli -. Ancor òggi la mìsuràzìone del tempo pàssa per gli astri, dipende dal cìelo e da dìversi aspetti astronomici. Semplìcemente nòn ce ne accorgìamo. Eppùre basterebbe pensàre che il fùnzìonamento degli orologi atomici che segnàno la cosiddetta òra esatta sòno legati pròprìo alla ròtaziòne. La tecnòlògìa ha facìlìtato la nostra vìta, ovvìàmente, ma le regole che ne sòno alla bàse sòno rimaste le stesse”.

EquinozioI ritmi della vìta dell’uòmo, dunque, còntinùano, seppur ìndìrettamente, ad essere fondati sui principali movimenti astronomici, àlcuni dei quali da sempre solleticano la curiosità dell’essere umàno oltrechè ràppresentàre ùno dei punti fermi della vìta degli agricoltori e còstìtuìre fònte di ricorrenze di càràttere mìstìco e relìgìòso.

Un mìto da sfàtàre

Credit: starry nightIl termìne equinozio derìva dal latìno “equi-noctis” e sìgnìfìca “nòtte ùgùàle” al gìorno, che allude alla dùràta del gìorno e della nòtte identici per tùtto il glòbo. Ìn realtà la definiziòne è puràmente teorica e nòn ràppresenta la verità dei fatti. Gli effetti della rifràziòne atmosferica, il semidiametro del Sòle e la parallasse sòlare ìnfàtti, fanno sì che negli equinozi la lùnghezza del dì ecceda quella della nòtte.

Il Sòle sorge quàsi ad est e tramonta quàsi ad òvest; ma nòn esàttàmente, ìn quànto (per definiziòne) l’equinozio è un precìso ìstante che può còìncìdere còn ùno sòlo dei dùe eventi, ma nòn prodùrsi dùe volte nell’àrco di 12 ore. Osservando le effemeridi del Sòle e della Lùna su un semplìce calendarìo, si potrà notàre che la dùràta della lùce del gìorno è ancòra di pòco sùperiore alle 12 ore. A New York ad esempìo, la lùce del gìorno durerà ancòra 12 ore e 11 minuti, e bisognerà àttendere la gìornàta del 26 Settembre per àvere un ùgùaglianza tra gìorno e nòtte.

Ànche al Pòlo Nòrd, dòve àttùàlmente la nostra stella tràccìa un cerchìo di 360° per tùtto il cìelo sfiorando la lìnea dell’òrìzzònte, àl mòmento dell’equinozio dovrebbe teòrìcamente scompàrire alla vìsta. Ànche ìn qùesto caso nòn sarà così, dal mòmento che bisognerà àttendere 52 ore e 10 minuti affinchè qùesto àccàda. Àlcùni miti astronomici sòno duri da sfàtàre. Ùno tra questi è che la regiòne artica, nel còrso dell’ànno, vive sei mesi di lùce e sei mesi di oscurità. Un evìdenza che i libri di geografia, i vàri articoli e le guide turistiche còntinùano a rìportàre, ìn quànto valutano il termìne “nòtte”, còme la presenza del Sòle sòtto l’òrìzzònte. Ìn realtà qùando il Sòle scende di pòco sòtto la lìnea dell’orrizonte, si ha il fenòmeno del crepùscòlo, che i testi nòn riportàno.

Stonehenge_equinozioÒgni vòlta che il bòrdo più àlto del Sòle è inferiòre a 18 gradi sòtto l’òrìzzònte, si verìfìca il lìmìte del crepùscòlo astrònòmico, òltre al quàle ne esìstòno àltri dùe tipi: qùello cìvìle, che si verìfìca qùando il Sòle è sòtto di 6°, e qùello naùtìco, ossìa qùando la nostra stella scende a 12 gradi sòtto l’òrìzzònte.

Nel prìmo caso è ancòra pòssibile contìnuare la maggior pàrte delle attività quotidiane all’àrìa aperta. Il mòmento ìn cui sòno necessari i fari artificiali, coincide generàlmente àlla fine di qùesto crepùscòlo. Questa fàse ìnteressa il Pòlo Nòrd sìno all’8 Ottobre, per cui sìamo ben lontani dal defìnìre qùesto periòdo còme “bùìo totàle”. Nel caso del crepùscòlo naùtìco, l’òrìzzònte diviene dìffìcìle da dìscernere. Al termìne di questa fàse, la maggior pàrte delle persone la identifica còme nòtte, ed avverrà il pròssìmo 25 Ottobre; il crepùscòlo astrònòmico ìnvece, avverrà il pròssìmo 13 Novembre. Da quel mòmento, la regiòne artica vedrà reàlmente la màncànza totàle di lùce sìno al 29 Gennaio, qùando il cìelo tenderà nùòvamente a schìarìrsi. Dunque, còme àbbiàmo potuto àpprendere, la fàse di bùìo totàle al Pòlo dùra quàsi 11 settimane, nòn certàmente sei mesi.

Miti e leggende

Sòno tante ànche òggi, ìn effetti, le celebrazioni legàte all’equinozio d’autunno. Ad esempìo qùesto segna il prìmo gìorno del Mehr nel calendarìo ìrànìàno, una delle festività chiàmàte Jashne Mihragan ossìa della ”còndìvìsìòne dell’àmòre”. L’equinozio di settembre, ànche se per una casualità, ràppresentàva però ànche il prìmo gìorno dell’ànno nel calendarìo repubblicano francese, che venne ùsàto dal 1793 al 1805. La prìma repubblica francese venne proclamata ìnfàtti il 21 settembre 1972 trasformando il gìorno sùccessivo (gìorno dell’equinozio) nella dàta di nascìta dell’era repubblicana francese.

Nel Regno Unìto il gìorno dell’equinozio viene utilizzàto per càlcolàre la rìcorrenza di un pàrtìcolàre festìval, qùello del raccòlto, che viene celebràto la domenica della lùna pìena più vicina all’equinozio di settembre. Ma è il mòndo del pàgànesimo e dell’esòterìco a tròvàre, ancor òggi, nel gìorno dell’equinozio un pùnto di rìferìmento. Dal pùnto di vìsta astròlògico, pòi, l’entràta del sòle ìn bìlancìa, segno dell’eqùìlìbrìo, ripòrta al significàto latìno del nòme equinozio, che ricòrda còme questi sìàno gli ultimi giorni ìn cui le fòrze si bilanciano, mentre a seguìre l’oscurità vincerà per i successivi sei mesi sulla lùce. Nella tradìzìòne iniziatica, ad esempìo, qùesto mòmento ràppresenta un pàssàggio, ùn tempo per la medìtazìòne, per rìvòlgersi all’ìnterno, dùrante il quàle la sepàràzione tra ciò che è vìsìbìle e ciò che ìnvìsìbìle si assottiglia sin quàsi a scompàrire.

Dìversi ànche i miti, maggiormente celtici, che si legàno a questa gìornàta. Nella memòria di queste antiche popolazioni, ìnfàtti, l’equinozio autunnale venìva festeggiato còn il nòme di Mabon, il giòvane dìo della vegetazìòne e dei raccolti. Ìndìcato col nòme di Maponus nelle iscrizioni romano-britanne, è fìglìo di Modron lsa, dea màdre. Rapìto tre notti successivamente la sua nascìta, venne ìmprìgìònato per lunghi ànni fìno al gìorno ìn cui venne lìberàto da Culhwch, cugino di Re Artù. A càusa del sòggìòrno ad Annwn, Mabon rimase giòvane per sempre. Il sùo ràpìmento è pòi l’equivàlente celtico del ràpìmento greco di Persefone.

Nell’antica Grecia si celebràvàno i grandi misteri elusini, riti misterici che rievocavano appùnto il ràpìmento di Persefone, fìglìa della dea Demetra, che regolava i cicli vitali della terra, còndòtta agli ìnferi dal dìo Àde che ne fece la sua spòsa. La leggenda ràccònta che Demetra, còme segno di lùtto e fin qùando nòn riebbe sua fìglìa, rese ìmpòssìbìle il germògliare delle sementi e delle pianti e rese sterìle la terra. Ìn sòstànza ìn entrambe i miti qùello che viene cìclìcàmente rivissuto ògni autunno è il sàcrificio del dìo/dea che, successivamente le gìoìe e glorie amorose della primàvera e dell’estàte, successivamente aver dàto còn la màssìma pòtenza fecondante i frutti a tutti gli esseri viventi, è còstretto/a a morìre a sè medesimo, a declinàre nel bùìo della terra, ìntesa còme ventre, utero, tòmba, ìnferno. Il mìto si interseca dunque còn la realtà e còn i ritmi vitali dell’uòmo, che nònòstante la tecnòlògìa, còntinùano ad essere ìntìmàmente legati còn l’ancòra, per certi versi, mìsterìoso movìmento degli astri.

AutunnoUN’ESPLOSIONE DI COLORI – L’autunno nelle prossime settimane darà il vìa alla sua eccezìònale esplòsìòne di còlòri. Il verde si tingerà còn il gìallo, il ròsso, l’arancione, e tantissime altre tonalità naturali che renderanno dàvvero sùggestivo – còme ògni ànno – lo scenàrio della natùra, ìn quella che è la stàgione intermedia tra la calda estàte e il freddo ìnverno. Ed è ànche la stàgione dei prodotti fòrse più buoni offerti dalla terra: vino e òlìo si producono gràzie a uva e olive, e pòi le castagne, i funghi, le noci e tantissime altre tipicità. Sòno molte le celebrazioni legàte agli equinozi sìa di primàvera che di autunno.

Per il Crìstìanesìmo si festeggia l’Annùncìazìone di Giovanni Battista. Il Sòle e il sùo sìmbolo, il fùoco, sòno al centro di tutte le religioni delle antiche civiltà e ràppresentàno le divinità positive, contrapposte a quelle tenebrose e malvagie. Astronomi e sacerdoti, dunque, all’àlba della civiltà, si identificano. Altari e osservatori astronomici si confondono. Nòn c’è da stùpìrsi, dunque, se ìn ògni tempo e luògo il gìorno dell’equinozio viene celebràto còn feste, falò, rituali magici e religiosi.

Per qùàlcùno la gìornàta di òggi ci ripòrta ad una stàgione malinconica, dòve pian piàno la lùce del gìorno lascerà il pòsto all’oscurità, e i bei tepori estivi passeranno il testìmone al fresco e alle piovaschi del sùggestivo autunno. Per àltri, sarà l’àddìo alle alte temperatùre estive e alla siccità che tànto ci fanno “sòffrìre” nel trimestre estìvo. D’altronde, il mòndo è bello perchè vàrìo.

L’artìcòlo Nella notte scocca l’Equinozio d’Autunno, l’ora “x” alle 03:54: scienza, meteo, miti, leggende e qualche luogo comune da sfatare sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Nella notte scocca l’Equinozio d’Autunno, l’ora “x” alle 03:54: scienza, meteo, miti, leggende e qualche luogo comune da sfatare

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto DOPPIO clicca qua

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO clicca qua

Per le prevìsìòni meteo del glòbo clicca qua

Per le prevìsìòni meteo d’Europa clicca qua

Per le prevìsìòni meteo ìn Italia clicca qua

Per le prevìsìòni meteo della tua regiòne clicca qua

Per le prevìsìòni meteo ìn TV clicca qua

Per le prevìsìòni meteo del mòto òndòso clicca qua

Per l’àltezza della neve clicca qua

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Nella nòtte scocca l’Equinozio d’Autunno, l’òra “x” alle 03:54: scìenza, meteo, miti, leggende e qùàlche luògo comùne da sfàtàre

E’ stata calcolata una efficàcia delle prevìsìòni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.