News del sabato: IMPORTANTE PERTURBAZIONE in marcia verso il Mediterraneo

La troviamo giusto in queste ore su la Francia e la Peninsula Iberica, una appariscente illustrazione di BASSA pressione che distende davanti a sè un corpo annuvolato in movimento verso il cuore del nostro continente, in rotta di collisione verso la penisola dell’italia. A livello sinottico simile condizione poggia radici in un ritiro momentaneo dell’alta pressione che tende a lasciare aperto un varco ne i confronti delle correnti fresche ed instabili in arrivo da le latitudini del Nord. Sull’Europa occidentale il campo anticiclonico viene bruscamente sostituito da una movimentazione di bassa pressione alimentata in via diretta dai flussi di aria piuttosto fredda in arrivo dal comparto nord-atlantico.

Per un periodo primaverile così avanzato, l’aria fredda contiene dentro di sè, valori di tutto riguardo, così che il modello americano per domani mattinata mette in luce addirittura isoterme avverse su la Francia al piano isobarico di 850hpa (circa 1400 m), parliamo dunque di valori come minimo di 4/5 gradi più basse a le medie del periodo

Ne trarrà origine un sistema frontale di tipo freddo, pronto ad irrompere sul nostro territorio italiano entro la sera di domenica 13 maggio. Preceduto da venti di Scirocco e seguito da Libeccio e Maestrale, al transito del groppo perturbato ci aspettiamo eventi anche intensi, con forti rovesci pronti ad interessare maggiormente le aree del Nord. Seguirebbe un declino deciso de la temperatura entro la tarda sera, giusto a iniziare dal nord, in diffusione entro lunedì mattinata a le aree dell’Italia del centro. 

Gli effetti portati da questa confroffensiva di natura instabile, non si esaurirebbero qua; lunedì 14 maggio, acquazzoni e forti rovesci “manovrati” dal riscaldamento solare diurno, riguarderebbero maggiormente le aree del centro ma ne sarebbe immischiato anche il nord Italia, seppure in una condizione atmosferica su la via de la guarigione. Nota di spicco, l’assetto delle temperature che risulterebbe inferiore di certi gradi a le medie del periodo. 

Dalla seconda metà de la prossima settimana, la movimentazione tornerebbe ad essere di tipo del nord, se non addirittura nord-orientale. L’instabilità termoconvettiva pomeridiana tornerebbe puntualmente a manifestarsi lungo la catena appenninica del centro e del sud. I valori termici sarebbero in crescita. 

Seguite gli aggiornamenti su meteolive.it

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO in Italia comparazione DOPPIO clicca qua
Per le SUPER PREVISIONI METEO in Italia comparazione QUADRUPLO clicca qua
Per le previsioni del tempo del pianeta clicca qua
Per le previsioni del tempo d’Europa clicca qua
Per le previsioni del tempo in Italia clicca qua
Per le previsioni del tempo de la tua regione clicca qua
Per le previsioni del tempo televisive clicca qua
Per le previsioni del tempo del moto ondoso clicca qua
Per l’quota de la neve clicca qua

www.la-meteo.it
la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*