Oggi siamo già in ALLERTA meteo Protezione Civile



L’allerta meteo della Protezione Civile è stata diffusa già ieri per il cambiamento delle condizioni atmosferiche sull’Italia. Per altro, il livello di allerta è gialla su 7 regioni.

Comunicato Stampa
Maltempo: pioggia, vento e neve sulle regioni settentrionali
13 novembre 2019

Allerta gialla in sette regioni

Una nuova ampia saccatura raggiungerà domani il nostro Paese, portando condizioni di generale maltempo a partire dalle regioni settentrionali. Si prevedono precipitazioni diffuse, rinforzo della ventilazione e nevicate abbondanti anche a quote basse, che interesseranno in particolare le aree nord-occidentali.

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dal pomeriggio di domani, giovedì 14 novembre, precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale, su Liguria ed Emilia-Romagna. Le precipitazioni saranno accompagnate da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e forti raffiche di vento. Si prevedono inoltre venti di burrasca, con raffiche di burrasca forte, dai quadranti meridionali su Lombardia e Veneto, con mareggiate lungo le coste esposte. L’avviso prevede infine nevicate da sparse a diffuse che interesseranno in particolare la Valle d’Aosta e l’entroterra ligure di ponente, a partire da quote superiori ai 400-600 metri e con apporti al suolo abbondanti.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani, giovedì 14 novembre, allerta gialla su Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia-Romagna, Abruzzo, Molise e Basilicata.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (www.protezionecivile.gov.it), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

Roma, 13 novembre 2019

Fonte

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Ti potrebbero interessare anche:

Numerosi siti Web forniscono cartine grafiche con vari parametri tra cui pressione calore ecc…

Tutto accade automaticamente, è vero, ma il dispositivo è stato già stato affrontato con interpretando dati e risultati come quando noi lavoriamo manualmente, cioè come avremmo fatto .

Per tempo atmosferico intendiamo il intricato delle condizioni meteorologiche che si contraggono, il meno costoso lo strato dell’atmosfera, in un dato momento istante e in il luogo; per “momento” consideriamo un breve intervallo intervallo , che può essere un giorno o più giorni.

Uno di questi fronti perturbati inizia dall’isola per raggiungere le zone costiere atlantiche del Portogallo, dove esiste una ampia zona alta pressione di grosse proporzioni.

Martedì plausibile entrata di un nuovo fronte perturbato con la probabilità di precipitazioni.

Centro: un po ‘di ispessimento anormale in la prima mattina ma senza degno di nota tendenza , più soleggiato dal pomeriggio. Temperature senza variazioni , massime tra 15 e 18.

Proteggi temperature, massime tra 19 e 11. Sud: Beautiful giornata di sole con cielo sereno o nuvoloso, per segnalare solo un velo innocuo .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*