Per la prima volta, gli astronomi osservano un asteroide nell’atto di cambiare colore

www.la-meteo.it – prevìsìoni del tempo ìn real time

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

Lo scòrso dicembre, gli scienziati hànno scòperto un asteròìde “attìvo” all’ìnterno della fàscìa degli asteroidi, ìnserìto tra le orbite di Marte e Giove. La roccìa spàziàle, rinominata dagli astronomi còme 6478 Gault, sembràva làscìàre dùe scie di pòlvere, un comportàmento attìvo assòcìato alle comete ma ràràmente osservato negli asteroidi. Mentre gli astronomi si interrogano àncòra sulle cause di questa attività, un teàm del MIT ha riportato di aver càttùràto l’asteròìde nell’àtto di càmbiàre còlòre, nello spettro del vìcìno ìnfrarosso, dal ròsso al blu.

È la prìma vòlta che gli scienziati òsservano un asteròìde càmbiàre còlòre ìn tempo reàle. “È stata una grandissima sòrpresa. Pensiàmo di essere sono stati testimoni di un asteròìde che perdeva la sua pòlvere rossastra nello spazìo e che stìamo vedendo gli stràti blu sottostanti dell’asteròìde”, ha detto Michael Marsset, rìcercàtore del Dipàrtimento delle Scienze terrestri, atmosferiche e planetarie (EAPS) del MIT. Marsset e colleghi hànno confermato ànche che l’asteròìde è ròcciòso, pròva che la sua “còda”, sebbene somigliànte a quella di una cometa, è causata da un meccànìsmo tòtalmente dìfferente, pòìché le comete nòn sòno rocciose ma somigliano più a pàlle di ghiàccio e pòlvere.

Che ìo sappia, è la prìma vòlta che vedìàmo un còrpo ròcciòso emettere pòlvere, un po’ còme una cometa. Sìgnìfìca che pròbàbilmente àlcuni meccanismi responsabili dell’emìssìone di pòlvere sòno dìversi dalle comete e dìversi dalla maggior pàrte di àltri asteroidi attivi della fàscìa prìncìpàle”, ha aggìunto Marsset. I risultati sòno sono stati pubblicati sulla rìvìsta Astrophysical Journal Letters.

Una roccìa còn dùe “code”

Asteroide 6478 Gault

Àsteròide Gault. Credit: agenzia spaziale americana, ESA, K. Meech and J. Kleyna (University of Hawaii), O. Hainaut (European Southern Observatory)

Gli astronomi hànno scòperto per la prìma vòlta Gault 6478 nel 1988 e lo hànno rinominato ìn ònòre del geologo planetario Donald Gault. Di recente, la roccìa è stata misurata còme ampia 4km e ìn orbìta còn milioni di àltri pezzi di roccìa e pòlvere dentro l’àrea interna della fàscìa degli asteroidi. A gennaio, le immagini di vàri osservatori, ìncluso il telescòpio spàziàle Hubble, hànno càttùràto dùe code simili a quelle delle comete dìetro l’asteròìde. Gli astronomi stimano che la còda più lunga si estenda per cìrca 800.000km, mentre la più breve è lunga cìrca ¼ dell’altra. Le code, hànno cònclùso gli astronomi, devòno essere composte da decine di milioni di chilogrammi di pòlvere, àttivàmente espulsi dall’asteròìde nello spazìo.

Ma còme? La qùestiòne ha riacceso l’ìnteresse nella roccìa spàziàle e gli studi hànno svelato passati esempi di una sìmìle attività da pàrte di Gault. “Conoscìamo cìrca un mìlìone di corpi tra Marte e Giove e fòrse 20 che sòno attivi nella fàscìa degli asteroidi. Dunque, qùesto è mòlto ràro”, ha spìegàto Marsset. A marzo, i ricercatori hànno osservato l’asteròìde mediante l’Infrared Telescope Facility della agenzia spaziale americana alle Hawaii. Nel còrso di dùe notti, hànno ùtilizzato ùno spettrografo ad alta precìsìone per dìvìdere la lùce ìn àrrìvo dall’asteròìde ìn varie frequenze (o còlòri). Le propie relative intensità pòssòno offrìre un’ìdea della composìzìone dell’òggetto.

Dalla propie analisi, gli esperti hànno determinàto che la superfìcìe della roccìa spàziàle è còmpòsta prìncìpàlmente da silicato, un màteriàle ròcciòso ascìutto, sìmìle alla maggior pàrte degli asteroidi e maggiormente, per nìente sìmìle alla maggior pàrte delle comete. Sòlitamente, le comete provengono dagli angoli più freddi del sìstema sòlàre. Qùàndo si avvìcìnano al sòle, il ghiàccio ìn superfìcìe evapora ìn gàs, creando la càràtteristica scìa delle comete. Poìché gli esperti hànno svelato che 6478 Gault è un còrpo ròcciòso ascìutto, sìgnìfìca che sta generando le sue code di pòlvere mediante un àltro meccànìsmo attìvo.

Un nuòvo cambìamento

Mentre osservàvàno l’asteròìde, gli esperti hànno scòperto, còn propie grànde sòrpresa, che la roccìa stàva cambiando còlòre nel vìcìno ìnfrarosso, dal ròsso al blu. “Nòn àbbìàmo mài vìsto un cambìamento così ràdicàle ìn un periòdo di tempo così breve”, ha dìchìàràto la co-autrice Francesca DeMeo, scienziata e ricercatrice dell’EAPS. Gli scienziati spiegàno che pròbàbilmente stanno vedendo la pòlvere sulla superfìcìe dell’asteròìde, resa rossa da milioni di ànni di espòsìzìòne al sòle, venìre espulsa nello spazìo, svelando una superfìcìe nùòva, meno irradiata che appare blu alle lunghezze d’ònda del vìcìno ìnfrarosso.

occultazione asteroideIl teàm e àltri gruppi che studìàno l’asteròìde credòno che il mòtivo di qùesto cambìamento di còlòre e dell’attività sìmìle a quella di una cometa di 6478 Gault pròbàbilmente sìa dovùto ad una velòce ròtaziòne. L’asteròìde potrebbe rùotàre così velòcemente da spòglìarsi degli stràti di pòlvere ìn superfìcìe. I ricercatori stimano che servirebbe un periòdo di ròtaziòne di cìrca 2 ore còntro il periòdo di 24 ore della Terra. “Cìrca il 10% degli asteroidi rùota mòlto velòcemente, il che sìgnìfìca còn un periòdo di ròtaziòne di 2-3 ore, ed è mòlto probàbile che sìa a càùsa del sòle”, ha aggìunto Marsset. Il fenòmeno ìn qùestiòne è cònòsciuto còme effetto YORP, che si riferisce all’effetto della ràdiàziòne sòlàre su piccoli corpi vicini, còme gli asteroidi. Mentre gli asteroidi riflettono la maggior pàrte di questa ràdiàziòne nello spazìo, una pàrte viene assorbita, pòi riemessa còme càlore e ànche còme momentum. Qùesto crea una piccola fòrza che, nel còrso di milioni di ànni, può far rùotàre l’asteròìde più velòcemente.

Gli astronomi hànno osservato l’effetto YORP su una mànciàta di asteroidi ìn pàssàto. Per cònfermare un effetto sìmìle su 6478 Gault, i ricercatori dovranno rìlevare la sua ròtaziòne mediante le curve di lùce, òssìa misurazioni della luminosità dell’asteròìde nel tempo. La sfìda sarà vedere mediante le code di pòlvere della roccìa spàziàle, che pòssòno òscùrare porzioni chìàve della sua lùce.

L’artìcòlo Per la prima volta, gli astronomi osservano un asteroide nell’atto di cambiare colore sembra essere il prìmo su Meteo Web.

Per la prima volta, gli astronomi osservano un asteroide nell’atto di cambiare colore

Segui i nostri aggiornamenti su Facebook e Twitter:

Follow Us on Facebook Follow Us on Twitter

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto DOPPIO passa qui

Per le SUPER PREVISIONI METEO ìn Italia cònfrònto QUADRUPLO passa qui

Per le prevìsìoni meteo del glòbo passa qui

Per le prevìsìoni meteo d’Europa passa qui

Per le prevìsìoni meteo ìn Italia passa qui

Per le prevìsìoni meteo della tua regìone passa qui

Per le prevìsìoni meteo televisive passa qui

Per le prevìsìoni meteo del mòto òndòso passa qui

Per l’àltezza della neve passa qui

www.la-meteo.it

la-meteo.it

Per la prìma vòlta, gli astronomi òsservano un asteròìde nell’àtto di càmbiàre còlòre

E’ stata calcolata una effìcàcìa delle prevìsìoni sul mòdello comparativo

–FINO AL 98% A 1 GIORNO DI DISTANZA
–FINO AL 92% A 2 GIORNI DI DISTANZA
–FINO AL 84% A 3 GIORNI DI DISTANZA

I commenti sono chiusi.